Visto per il Canada ed eTA: quali documenti servono per Toronto

Condividi

La pianificazione di un viaggio di lavoro a Toronto deve tenere in considerazione diversi fattori per raggiungere la migliore organizzazione. Oltre a transfer dall’aeroporto alla città, in aggiunta alla scelta dell’hotel con le tariffe migliori e nella posizione più strategica in funzione degli impegni lavorativi, bisogna essere in possesso di tutta la documentazione necessaria sbarcare a Toronto. Il visto per il Canada è il primo adempimento burocratico per una trasferta nella città canadese.

Generalmente gli italiani che si recano in Canada in Aereo, sia per una vacanza che per un viaggio di lavoro, non hanno bisogno di un visto. In questi casi basta richiedere l’eTA che consente di trascorrere fino a 6 mesi consecutivi nel paese. 

Differenze tra visto per Canada ed eTA Canada

Per scongiurare un rimpatrio immediato appena messo piede sul suolo canadese è fondamentale richiedere la corretta autorizzazione di viaggio a seconda che si tratti di un viaggio di piacere, di lavoro o semplicemente un transito. Fino al 2015 chiunque non fosse cittadino canadese era costretto a richiedere un visto canadese. Successivamente il Governo locale ha deciso di snellire le procedure d’ingresso istituendo una pratica meno complicata e costosa: l’eTA (“electronic Travel Authorization”). L’eTA Canada non è un visto ma un’autorizzazione di viaggio elettronica obbligatoria per volare in Canada. 

Quando è possibile richiedere l’eTA

I requisiti necessari per poter richiedere questa forma di visto agevolato per il Canada sono i seguenti:

  • spostarsi in aereo;
  • trattenersi sul suolo canadese per almeno 6 mesi;
  • ragioni del viaggio lavorative o ricreative, oppure semplicemente legate ad un transito/scalo;
  • all’arrivo in Canada si è in grado di dimostrare quando e come si lascerà il paese (entro 6 mesi);
  • essere cittadino italiano.

Quando serve il visto per il Canada

I visti per Canada devono essere richiesti nei casi in cui non siano soddisfatte le condizioni sopra elencate e dunque non sia possibile ottenere un eTA. Nello specifico, stiamo parlando delle seguenti eventualità:

  • si abbia intenzione di fermarsi in Canada per oltre 6 mesi;
  • si abbia intenzione di lavorare nel paese impiegato da un’organizzazione canadese;
  • non si soddisfino i requisiti legali o normativi legati all’eTA. 

Nei suddetti casi è però importante richiedere il visto corretto, dal momento che per ogni scopo è previsto un documento specifico e valido esclusivamente per quella finalità. Esistono decine di modelli di permesso di soggiorno in Canada, ognuno con proprie condizioni e requisiti. Di seguito presentiamo una breve panoramica.  

Visti per il Canada per soggiorni temporanei

I visti per il Canada possono essere divisi in due categorie principali: Temporary Resident Visa, TRV, e Permanent Resident visa, PR. I primi sono destinati a soggiorni per vacanze, studio o lavoro; i secondi per chi voglia stabilirsi in Canada a lungo termine. Concentriamoci sulle tipologie di visto canadese che interessano una trasferta lavorativa. 

Business Visa, visto per i viaggiatori

Il visto per visitatori temporanei può essere di quattro tipi: turistico, d’affari, di transito o di visita per genitori o nonni. Il visto per viaggiatori d’affari, Business Visa, viene rilasciato a chi:

  • sta cercando modi per far crescere la propria azienda;
  • voglia investire in Canada;
  • voglia sviluppare relazioni commerciali.

Per ottenere tale documento è necessario esibire una lettera d’invito da parte di un partner canadese, anche solo potenziale, e i suoi recapiti. Inoltre è necessario soddisfare i seguenti requisiti:

  • ripartire dal Canada entro 6 mesi;
  • non accedere al mercato del lavoro canadese;
  • essere in grado di dimostrare che la principale fonte di reddito sia fuori dal Canada;
  • essere in possesso di un passaporto valido;
  • essere in grado di dimostrare di avere mezzi finanziari adeguati per finanziare i viaggi di andata e ritorno e il soggiorno.

Per rimanere nel paese per oltre 6 mesi è necessario richiedere un Work Permit, una forma di visto che approfondiremo tra qualche riga. 

Transitvisa, visto di transito

Intanto descriviamo un’altra forma di visto transitiva che viene rilasciata a quei viaggiatori senza cittadinanza canadese che transitano per il paese appunto. Il Transitvisa deve essere richiesto da chi desideri visitare il Canada temporaneamente, per poi spostarsi in un altro paese. tale documento consente di entrare in Canada a condizione di transitare senza visitare qualche posto o qualcuno. Il Transitvisa può essere facilmente richiesto al Dipartimento per l’Immigrazione del Canada. 

Work Permit, permesso di lavoro temporaneo

Un permesso di lavoro temporaneo in Canada viene rilasciato ai lavoratori stranieri che abbiano intenzione di lavorare temporaneamente per un datore di lavoro canadese, entro i confini del paese. Tale visto può essere richiesto sotto due forme: Open Work Permit (permessi di lavoro aperti) oppure Employer-Specific Work Permit (permessi di lavoro specifici per un preciso datore di lavoro). La prima tipologia permette di lavorare per diversi datori di lavoro canadesi, mentre il secondo è legato alle specifiche condizioni di un solo datore di lavoro. I requisiti da soddisfare per ottenere questi permessi di lavoro sono:

  • aver ricevuto un’offerta da un datore di lavoro canadese;
  • dimostrare di lasciare il Canada allo scadere del visto;
  • dimostrare di avere i mezzi finanziari sufficienti per mantenere se stessi ed eventuali familiari sia per i viaggi di andata e ritorno che durante il soggiorno;
  • non avere precedenti penali;
  • essere in buona salute e dimostrarlo con certificato medico;
  • non costituire un pericolo per la sicurezza canadese.

Come ottenere il visto per il Canada

Tutti i visti sopra elencati possono essere richiesti online attraverso il sito del governo canadese. Per poter fare domanda del visto è necessario avere un passaporto in corso di validità e aver compilato un modulo di richiesta completo,  anche online. In aggiunta è necessario allegare tutta la documentazione sopra citata caso per caso, come la dimostrazione di avere mezzi finanziari sufficienti, un certificato medico, il casellario giudiziale, una prova dell’assicurazione sanitaria ed eventuali certificati di esami di lingua o affini.

In vista di una trasferta lavorativa in Canada, è necessario avviare le pratiche di richiesta con un certo anticipo. Infatti le tempistiche tra momento della richiesta e rilascio del visto potrebbero raggiungere le 8 settimane. Comunque il sito del Governo del Canada offre la possibilità di controllare lo stato di avanzamento della richiesta attraverso la funzionalità “processing time”. 

Per pianificare un viaggio di lavoro, è importante sapere anche come spostarsi a Toronto e il meteo a Toronto.

Sull'autore

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts

Accedi alla community

Inizia anche tu a condividere idee, competenze e informazioni con gli altri professionisti del travel e della mobilità

Ultimi articoli

Consulenza

Ebook

Prossimi corsi