Quando i viaggiatori d’affari si sentono insicuri

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

A poche settimane dalla pubblicazione del nostro ultimo magazine dedicato al Business Travel Diversity, leggiamo un’interessante indagine realizzata da SAP Concur e Wakefield Research che descrive le principali preoccupazioni tra i viaggiatori d’affari. Tra queste ci sono la sicurezza personale e le molestie femminili e LGBTQ+, nonché le frustrazioni dei dipendenti per le aziende che non sfruttano a pieno le tecnologie e le travel risk policy.

Vediamole tutte nell’articolo.

Sessismo e violenze nei viaggi di lavoro per donne manager

Su un campione di 7.850 viaggiatori in 19 mercati globali è emerso che più di 3 donne su 4 hanno subito molestie durante una trasferta di lavoro e più di 1 su 2cambia i propri piani a causa di problemi di sicurezza.

In particolare, alle donne viene chiesto se viaggiano con il marito (42%), vengono ignorate dal personale dipendente (38%) o ricevono apprezzamenti inopportuni mentre lavorano (31%).

Quasi la metà delle donne è discriminata durante un viaggio di lavoro. Il 46% delle donne della Gen Z (nata tra il 1996 e il 2010) riferisce di essere stato invitato a viaggiare con il marito rispetto al 31% dei Boomer (nati tra il 1946 e il 1964). Allo stesso tempo, il 41% delle Millennial (nati tra il 1981 e il 1996) è stato ignorato dal personale dipendente rispetto al 23% dei Boomer.

Discriminazione per i viaggiatori LGBTQ+

La stragrande maggioranza (95%) dei viaggiatori LGBTQ+ afferma di aver nascosto il proprio orientamento sessuale durante un viaggio di lavoro, principalmente per proteggere la propria sicurezza (57%). L’85% ha modificato le proprie modalità di viaggio per motivi di sicurezza personale, rispetto al solo 53% dei colleghi non LGBTQ+.

Insicurezza dei viaggiatori

Più in generale, il 58% degli intervistati afferma di aver modificato le proprie modalità di viaggio perché non si sentiva sicuro, mentre il 52% dei viaggiatori d’affari cita la sicurezza durante le trasferte come l’aspetto più importante che la propria azienda potrebbe fornire.

I Millennial sono più sensibili ai fatti di attualità: negli ultimi 12 mesi, il 42% dei viaggiatori d’affari in questa fascia di età ha ridotto i viaggi verso determinate località a causa di disordini politici o rischi per la salute, rispetto al 36% di Gen Xers (chi è nato, cioè, tra il 1965 e il 1980) e al 23% di Baby Boomers. Quasi altrettanti Millennial (40%) hanno selezionato un volo in base al tipo di compagnia aerea, rispetto al 33% di Gen Xers e al 21% di Boomer.

Travel Risk Policy: le aziende ancora insensibili?

Allarmante la gestione delle politiche di sicurezza in ambito business travel: sebbene quasi un terzo (31%) dei viaggiatori d’affari dia la priorità alla propria sicurezza come il fattore più importante durante un viaggio di lavoro, oltre la metà (54%) ritiene che questo aspetto non sia la priorità della propria azienda. Questo indica come per i viaggiatori d’affari la travel risk policy sia tutt’altro che trascurabile.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community