Viaggiatori liberi di scegliere

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

I viaggi d’affari valgono oggi circa 1,6 miliardi di dollari e molti di questi non sono normati da una travel policy aziendale. Lo indica un recente rapporto di Egenzia -Egencia Travel Policy Insights – che mostra alcune tendenze chiave in termini di approvazione preventiva, accesso alla classe di cabina premium, comportamento di acquisto  e tempistica di prenotazione.

Politiche di approvazione ai viaggi flessibili

Oltre la metà dei viaggiatori -oggetto dell’indagine di Expedia – hanno dichiarato la possibilità di scegliere liberamente i viaggi di lavoro e di non procedere ad una autorizzazione preventiva. Secondo lo studio, le aziende stanno cercando un equilibrio tra  politiche di approvazione come barriera a comportamenti indesiderati e la semplificazione del processo di prenotazione.

Tuttavia è interessante notare come la  maggioranza dei viaggi aerei d’affari venga effettuata in classe economica e che i biglietti sono acquistati con finestre di prenotazione più lunghe (anche più di 15 giorni).

Se si guarda, invece, le aziende che hanno procedure più rigide, il 50% dei biglietti aerei è prenotato con meno di 14 giorni di anticipo. Sembra che nonostante le travel policy richiedano una pianificazione anticipata, le prenotazioni dell’ultimo minuto siano ancora consentite.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community