La blockchain potrebbe trasformare il modo in cui viaggeremo in futuro

Condividi

A soli pochi giorni del grande dibattito su blockchain e turismo (vedi articolo relativo), abbiamo individuato un altro interessante spunto di osservazione sul tema.

Questa volta a parlarne è Amadeus, providers di tecnologia nel settore dei viaggi, che ha realizzato un rapporto su Blockchain alla fine del 2017 e ha concluso che la nuova tecnologia “è sul punto di trasformare il modo in cui i programmi di fidelizzazione funzionano, rendendo molto più facile per i viaggiatori riscattare punti fedeltà tra vari fornitori”.

Sembra che la blockchain avrà quindi notevoli possibilità di scambiare informazioni e “valore” tra le aziende e tra gli individui. Ecco che l’impatto sui viaggi e sul turismo è inevitabile poiché sarà funzionale per lo scambio che permette il tracciamento dei bagagli, punti di fedeltà, passaggi ai varchi di controllo ecc..

La tecnologia blockchain è destinata a diventare un enorme disgregatore nel settore dei viaggi.

In una nota raccolta da Forbes, Randy Shattuck di The Shattuck Group dice che “i processi legali e contabili sono stati interrotti con AI e blockchain. Questa tendenza continuerà e aumenterà la velocità. Non compriamo più viaggi dagli agenti di viaggio, ma dai computer. Allo stesso modo, il digitale distruggerà le tradizionali industrie di servizi professionali come i computer fanno il lavoro che gli esseri umani erano soliti fare. La cosa migliore che le aziende possono fare è adeguarsi ai servizi di consulenza”. 

Quindi sarà la consulenza la vera svolta della gestione dei viaggi d’affari nel futuro?

Che cosa ne pensi? Facci sapere la tua opinione!

Sull'autore

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts

Accedi alla community

Inizia anche tu a condividere idee, competenze e informazioni con gli altri professionisti del travel e della mobilità

Ultimi articoli

Consulenza

Ebook

Prossimi corsi