Idee, azioni dei travel e mobility manager italiani per la fase 2 Covid-19

Idee, azioni dei travel e mobility manager italiani per la fase 2 Covid-19

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Tra le molte iniziative che chiedono di dare voce a chi sta lavorando duramente in questo strano, faticoso e doloroso periodo, abbiamo deciso di portarne avanti due anche noi.

  • AperiWebinar con i Direttori Marketing del settore business travel e mobility management: un luogo aperto in cui confrontarsi per costruire insieme il nuovo inizio attraverso scambio di idee e best practice. Un modo per essere più coesi e far sentire la propria voce in modo più vigoroso
  • Ascolto attivo di Travel e Mobility Manager, attraverso brevi survey, interviste, confronti 1 to 1. Per affrontare la contingenza e pianificare la ripartenza, in modo concreto. Passo dopo passo.

L’ascolto di 50 effervescenti Travel Mobility Manager che hanno dedicato il loro tempo a questa ennesima attività, fatta in collaborazione con AITMM, ha messo luce su alcune tematiche che riteniamo importante far risuonare.

  • Duty of Care, Travel e Risk Policy, empowerment dei Travel e Risk Manager (facilitandoli ad esempio ad accedere a corsi formativi dedicati) sono strumenti fondamentali per un viaggiatore ancora spaesato, che avrà bisogno di rassicurazione, fiducia, ascolto.

Nonostante questo, abbiamo rilevato che:

  • Solo l’8% delle aziende ha già apportato cambiamenti alla travel policy
  • il 35% delle aziende non ha codificato nuove norme di comportamento per la fase 2 COVID
  • nel 73% dei casi le aziende NON sta dando riconoscimento strategico al ruolo dei Travel Mobility Manager. E non stiamo parlando di promozioni o cambi di inquadramento: che sono assenti praticamente nella totalità dei casi.

 

  • I Travel Manager continuano, nonostante tutto, a essere proattivi, consapevoli dell’importanza di persone che interagiscono con altre persone, entrando in relazione, in connessione. Stando loro vicini. Per far ripartire le cose. Il 90% si sente più responsabile in prima persona per la sicurezza dei colleghi che viaggiano. E sente anche più forte di prima il dovere di prestare la massima attenzione a ogni elemento nell’organizzazione dei viaggi di lavoro

 

  • Il 78% si dichiara molto preparato sui contenuti della travel policy aziendale

 

  • C’è, ed è naturale nel contesto di cui abbiamo sinteticamente tracciato il quadro, un po’ di paura di sbagliare (47%).

 

  • Forse anche per questo il 60% non sta promettendo / non prometterà garanzie ai colleghi viaggiatori.

 

  • E qui interviene il ruolo di informazione e formazione.
    • La quasi totalità dei Travel manager (96!) dichiara di informarsi di più, di essere più aggiornato.
    • L’85% informa di più i colleghi di lavoro, con grande senso di responsabilità e azione profonda del proprio ruolo: non solo professionale ma UMANO.
      • I 57% in particolare dà informazioni dettagliate sulla travel policy; il 37% dà le indicazioni principali e lascia al viaggiatore gli approfondimenti

Con un 40% circa di business travellers che “non si fidano” è fondamentale fare tutto il l possibile per accompagnarli a riappropriarsi del bello del viaggio, a partire dalla sicurezza (per il 27% il livello di fiducia non è affatto adeguato per la ripartenza).

Travel Manager: noi ci siamo!

Ci sono grandi opportunità per crescere insieme e per essere il cuore pulsante del nuovo inizio. Facciamo in modo, insieme alle vostre aziende, di far accadere le cose. A partire da voi: talenti degli spostamenti di business.

I risultati completi dell’indagine saranno presentati nel prossimo WEBINAR. Stay Tuned per non perderti l’evento virtuale!

Buon Business Travel!

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tra le molte iniziative che chiedono di dare voce a chi sta lavorando duramente in questo strano, faticoso e doloroso periodo, abbiamo deciso di portarne avanti due anche noi.

L’ascolto di 50 effervescenti Travel Mobility Manager che hanno dedicato il loro tempo a questa ennesima attività, fatta in collaborazione con AITMM, ha messo luce su alcune tematiche che riteniamo importante far risuonare.

Nonostante questo, abbiamo rilevato che:

 

 

 

 

 

Con un 40% circa di business travellers che “non si fidano” è fondamentale fare tutto il l possibile per accompagnarli a riappropriarsi del bello del viaggio, a partire dalla sicurezza (per il 27% il livello di fiducia non è affatto adeguato per la ripartenza).

Travel Manager: noi ci siamo!

Ci sono grandi opportunità per crescere insieme e per essere il cuore pulsante del nuovo inizio. Facciamo in modo, insieme alle vostre aziende, di far accadere le cose. A partire da voi: talenti degli spostamenti di business.

I risultati completi dell’indagine saranno presentati nel prossimo WEBINAR. Stay Tuned per non perderti l’evento virtuale!

Buon Business Travel!