Business travel game: la fucina formativa dei processi aziendali dei viaggi d’affari. La mia esperienza

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Dopo aver intrapreso il corso di Travel & Mobility Management con i formatori di Travel for business, tenutosi tra maggio e giugno a Roma, il 27 giugno ho avuto l’occasione ed il piacere di partecipare all’Evento Regional di Torino: “Travel Process Management” organizzato dall’ AITMM, la prima associazione italiana dei Travel e Mobility Manager.

Accolti dai saluti di Paolo Tedesco, presidente dell’associazione AITMM, l’evento si è trasformato in una fucina didattica, grazie ad Ivano Gallino – docente dell’evento – e Rosemarie Caglia, CEO della community Travel for business, nella splendida ed accogliente location dell’AllegroItalia Golden Palace di Torino.

Per me un’esperienza importante poiché si sono analizzati e sviluppati in modo originale ed interattivo, attraverso un “Business travel game” formativo, i principali punti chiave della best practices del Travel e Mobility Management, ma anche come approcciarsi all’evoluzione dell’ “ecosistema” aziendale, considerando e valorizzando tutti gli attori, parte integrante e fondamentale di una struttura che tenderà da un “gruppo di lavoro” al “lavoro di gruppo” più funzionale ed attinente alle realtà aziendali.

I principi lean nel business travel management

Questa sono io! Silvia

I 5 principi del “Lean Service” Value, Mapping, Flow, Pull, Perfection, evidenziano i diversi punti di vista dei processi del Travel Management:

  • Il primo è l’eliminazione degli sprechi per una corretta identificazione di quale sia il valore di ciò che viene prodotto, erogato, visto dal cliente o dal fruitore.
  • Il secondo è la mappatura dei flussi del valore e l’individuazione delle attività che generano valore.
  • Il successivo, è il superamento e lo scardinamento della struttura funzionale piramidale, per realizzare modelli che diano visibilità ed organicità all’intero processo aziendale, continuando a mantenere l’unità dell’ ordinamento e della responsabilità decisionale.
  • Il quarto è la produzione o l’erogazione di un prodotto/servizio che sia più legato all’effettivo manifestarsi della domanda.
  • L’ultimo, è un diverso confronto dai modelli standard, attraverso una costante analisi preventiva per tendere verso un miglioramento o al raggiungimento della perfezione, se pur impossibile.

La Variabilità

Il messaggio è chiaro seppur complesso, l’obiettivo è intervenire sulla “Variabilità” per diminuirla e governarla ottimizzando tempo, spazi, sforzi, la volontà di perfezionare i processi, eliminando gli sprechi per creare valore e mappando le attività tramite un’analisi preventiva, favorisce garanzia e qualità per la gestione dei viaggi d’affari aziendali.

In chiusura non poteva mancare un piacevole aperitivo nella meravigliosa area esterna dell’hotel, insieme ai Travel Manager dell’associazione e i partner Edenred, Diners e Allegro Italia, con l’arrivederci al 26 settembre per la prossima Convention di AITMM.

Una bella esperienza che spero condividiate. Ci vediamo il 26 settembre a Milano!

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.