Soggiorno di lavoro in Cambogia: come organizzarlo e viaggiare in sicurezza

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

La Cambogia è un paese che ha vissuto anni difficili, gravati dalla precedente situazione politica e socialeViaggiare per affari in Cambogia offre diverse opportunità di business, tenendo presente alcuni consigli e soluzioni appropriate per organizzare un soggiorno di lavoro in una terra affascinante, ricca di cultura e tradizioni.

La Cambogia è generalmente un luogo sicuro, si raccomanda però di percorrere zone, strade trafficate e turistiche; si verificano spesso furti e aggressioni dovuti principalmente alla condizione di povertà della popolazione. Non dimentichiamo che la sicurezza stradale è a rischio e il traffico risulta tra le maggiori cause di incidenti.

Organizzare un viaggio d’affari in Cambogia

I requisiti d’ingresso per la Cambogia sono il passaporto con oltre sei mesi di validità all’ingresso del Paese e il visto turistico (valido massimo 30 giorni) o ordinario (con validità di oltre 2 mesi e per ingressi multipli).

Il visto viene rilasciato dall’ambasciata cambogiana e consolati (per l’Italia è competente l’ambasciata di Parigi) o all’arrivo nei tre aeroporti internazionali: Phnom Pen International (PNH), Siem Reap International (REP) e Sihanoukville International (KOS) con un costo di circa 30 $ portando con se passaporto, due fototessere e il modulo di richiesta.

Il visto turistico si può richiedere anche in formato elettronico e-Visa, introdotto dal Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale nel 2006 tramite il portale ufficiale del governo cambogiano (www.evisa.gov.kh) per un costo totale di 60 $, in massimo tre giorni lavorativi.

Per organizzare un viaggio d’affari in Cambogia dal continente europeo, si consiglia di fare scalo a Bangkok o Singapore non essendoci voli diretti tra l’Europa e la Cambogia. Le principali compagnie aeree per viaggiare in Cambogia sono:

  • Air Asia
  • Asiana
  • Bangkok Airways
  • China Airlines
  • China Southern
  • Dragonair
  • Jeststar
  • Korean Air
  • Lao Airlines
  • Silk Air
  • THAI
  • Malaysia Airlines
  • Vietnam Airlines
  • Qatar Airways

Il periodo migliore per organizzare un viaggio d’affari in Cambogia è da dicembre a febbraio quando il clima è fresco e ventoso. Non è consigliato viaggiare da marzo a maggio, periodo in cui le temperature si alzano fino a raggiungere 35 gradi e da maggio fino ad ottobre, con l’inizio della stagione monsonica: le piogge in questo periodo sono violente e frequenti, provocando spesso alluvioni e danni ambientali, quali danneggiamenti alle infrastrutture e disagi alla circolazione.

Dove soggiornare in Cambogia durante un viaggio d’affari

Soggiornare in Cambogia durante un viaggio di lavoro si consiglia nelle città principali con maggior concentrazione turistica e di business: Phnom Penh, la capitale politica ed economica, Siem Reap e Sihanoukville, poli di attrazione culturale e paesaggistica del Paese. Le città offrono strutture ed alloggi in stile occidentale, sicurezza e tutti i confort disponibili, possibilmente scegliendo zone centrali servite dei migliori servizi di food & beverage.

Le aree principali da tenere in considerazione per un soggiorno a Phnom Penh sono:

  • Sisowath Quay
  • Chamkar Mon
  • Tuol Kouk
  • Prampir Makara
  • Wat Phnom
  • Central District e Mercato di Psar Thmei
  • Boeung Keng Kang 1 o BKK1

Mentre le zone di Siem Reap più sicure e comode per pernottare sono:

  • il centro, zona Pub Street – Night Market
  • Sok San Road
  • l’Old French Quarter
  • Taphul Road
  • la zona di Wat Bo
  • il Charles de Gaulle Boulevard

I luoghi raccomandati dove poter soggiornare e da visitare a Sihanoukville sono:

  • Preah Monivong National Park
  • Ream National Park
  • Wat Krom
  • Chhak Saracen
  • Yadoly Casino
  • Victory Beach
  • Kbal Chhay Waterfalls
  • Leu Pagoda
  • Golden Lion
  • Snake house

Alcune raccomandazioni vanno segnalate, soprattutto in zone affollate in centro città e di maggior affluenza turistica: attraversare la strada con prudenza e prestare attenzione ai borseggiatori. Evitare le passeggiate notturne anche in città, scegliendo di muoversi con auto a noleggio, taxi o tuk-tuk (risciò a motore) per questioni di sicurezza. Il traffico è una delle maggiori fonti di rischio e la guida indisciplinata è causa di molti incidenti. Le corsie spesso non vengono rispettate e si consiglia di non scendere dal marciapiede in momenti di distrazione; va tenuto presente che biciclette, ciclomotori o tuk-tuk possono provenire da entrambe le direzioni.

Etichetta cambogiana, regole e consigli

La Cambogia è un Paese in maggioranza buddista ed è importante che il viaggiatore d’affari conosca alcune regole e consigli validi per affrontare un viaggio di lavoro. E’ molto apprezzato seppur difficoltoso, imparare qualche termine e mostrare interesse per la lingua locale. Il tono di voce moderato, ricevere gli oggetti di valore con entrambe le mani, è una forma di rispetto ed è alla base della comunicazione.

Adottare un comportamento discreto, evitando manifestazioni pubbliche di interesse o di affetto, è un buon biglietto da visita per i visitatori che vogliano intraprendere rapporti d’affari.

Stesso discorso vale per l’abbigliamento: abiti sobri e semplici sono sempre graditi specialmente nei luoghi di culto, evitando indumenti corti con gambe e spalle scoperte; mostrare il corpo è fonte di imbarazzo tranne in spiaggia. Chiedere il permesso prima di scattare una foto risulta doveroso, soprattutto ai monaci buddisti; architetture ed oggetti d’arte si possono immortalare, facendo attenzione a non toccare le opere sacre.

Se dobbiamo indicare qualcosa facciamolo sempre con il palmo della mano aperta, evitando di puntare il dito. L’usanza di togliere le scarpe è una regola che va applicata quando si entra nella maggior parte dei templi (tranne ad Angkor), nelle case e in alcuni negozi. La presenza delle infradito all’ingresso di un luogo, invita il viaggiatore a togliersi le scarpe. Non mancherà mai da parte della popolazione cambogiana accoglienza e sorrisi, la gentilezza è una caratteristica integrante dell’etichetta cambogiana: il territorio era conosciuto come la “Terra Gentile” durante l’impero Khmer.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

TAG

attivita della community