Garantire la sicurezza dei viaggi di lavoro per gli LGBTQ+

sicurezza viaggi LGBTQ +

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Se la sicurezza è una priorità assoluta per ogni viaggiatore, va da sé che il duty of care dovrebbe applicarsi a tutti i dipendenti quando viaggiano per lavoro.

Fatta questa doverosa premessa, ci chiediamo se possiamo classificare i viaggiatori d’affari tutti nello stesso modo. Chi si muove per una trasferta all’estero ha necessità diverse per quanto concerne la sicurezza? E se sì quali possono essere i rischi per un viaggiatore LGBTQ+?

Daniela Valenti, Global Project Manager di Pyramid Temi Group, società di servizi di Travel Risk Management e Corporate Intelligence.

Lo abbiamo chiesto a Daniela Valenti, Global Project Manager di Pyramid Temi Group, società di servizi di Travel Risk Management e Corporate Intelligence.

“Nel complesso, viaggiare come viaggiatore LGBTQ+ non è molto diverso da qualunque altro viaggiatore. Tuttavia, i viaggiatori LGBTQ+ si trovano spesso di fronte a una moltitudine di problemi di sicurezza e persino legali quando visitano determinati paesi. Secondo l’International Lesbian, Gay, Bisexual, Trans and Intersex Association, 70 paesi continuano a criminalizzare le relazioni omosessuali, questi includono destinazioni commerciali sempre più impegnate in Asia e in Medio Oriente”.

Che cosa bisogna tenere in considerazione quando si manda un viaggiatore d’affari LGBTQ+ in trasferta?

“Oltre alle barriere legali, ci sono alcuni fattori di cui le organizzazioni devono essere consapevoli, come ad esempio: atteggiamenti della società, tassi dei crimini di stampo razzista, recenti proteste contro i progressi nell’eguaglianza legale, etc. Ricordiamo, per esempio, il caso del Brunei che all’inizio di aprile ha introdotto leggi penali molto rigide; tra queste era prevista addirittura la pena capitale nei confronti di gay con la lapidazione. Alla base di questa normativa sarebbe la sharia islamica. Il Sultano del Brunei ha poi fatto retromarcia a seguito di proteste internazionali molto intense”.

Quali sono gli altri rischi per un viaggiatore LGBTQ+ in certi Paesi?

“Nei paesi che non hanno leggi antidiscriminazione, il personale LGBTQ+ potrebbero essere rifiutati da alcuni alloggi o impossibilitati ad accedere ad alcuni servizi assegnati per genere e addirittura essere a rischio di molestie anche da parte delle autorità.
L’accettazione della diversità può variare drasticamente non solo da paese a paese, ma in diverse regioni dello stesso paese e anche all’interno dello stesso ambiente lavorativo. Mentre una determinata azienda può aver sviluppato una cultura aziendale che incoraggia la diversità, i fornitori o le filiali in altre parti del mondo potrebbero non condividere tale cultura. È importante tenere presente che, in qualità di viaggiatore LGBTQ+, l’atteggiamento di una destinazione verso la comunità LGBTQ+ è un fattore importante da considerare. Le esperienze per i viaggiatori LGBTQ+ possono variare a livello globale, quindi è importante avere una comprensione di dove si sta viaggiando. Insomma, devono essere fatte considerazioni speciali”. 

Dato che non ci sono mai due viaggiatori uguali, come si può proteggere le persone che viaggiano con bisogni diversi, in modo da non farli sentire diverse? E quali suggerimenti si sente di dare per la realizzazione di una Travel Policy che consideri la diversità di genere?

“Ognuno ha fattori di rischio personali basati su caratteristiche come razza, genere, sessualità ed esperienza di viaggio. Una società che si nasconde dietro una policy aziendale generica che “tutti sono uguali” sta semplicemente evitando l’argomento, perché la taglia unica non va bene per tutti, specialmente in termini di travel security. Il vero supporto per una forza lavoro diversificata può verificarsi solo quando le policy aziendali, chi ha potere decisionale, dirigenti e dipendenti parlano apertamente e francamente di ciò di cui ogni individuo ha bisogno per svolgere il proprio lavoro in sicurezza. Purtroppo, a volte è più facile non parlarne e l’azienda non può certo chiedere chi sono i dipendenti LGBTQ+ e comunque in ogni caso è necessario preservare il diritto all’anonimato”.

Che cosa suggerisce?

“Cerchiamo di fornire le informazioni in anticipo in modo che nessuno debba rivelarci ciò che forse non vuole condividere, rendendo disponibili le informazioni sui potenziali rischi a tutti indistintamente.
Fornendo anche risorse alle quali attingere per informarsi in autonomia, in questo modo troveranno già molte risposte alle loro domande, ma rimane pur sempre una divulgazione facoltativa”.

In termini di formazione, che cosa pensa sia oggi necessario per garantire maggiore sicurezza ai viaggiatori LGBTQ+?

“Gli addetti ai viaggi, così come i Travel Manager all’interno dell’azienda dovrebbero essere formati su come supportare i colleghi LGBTQ+. Importante avere un punto di contatto primario che sa come assistere in modo efficiente anche in caso di emergenza. Ad esempio, sarebbe utile avere una figura all’interno dell’organizzazione, sensibile alle esigenze LGBTQ+, a cui i dipendenti si possano rivolgere se non si sentono a proprio agio ad affrontare una trasferta in qualche paese “unfriendly” o magari non sanno come comunicarlo ai superiori. Il dipendente che rifiuta di effettuare una trasferta perché si sente “a rischio” nel paese di destinazione, non dovrebbe essere penalizzato.
A questo proposito è importante la percezione che i dipendenti hanno riguardo all’impegno e l’attenzione che l’azienda ha per questi temi e per tutto il travel risk. Tutti i viaggiatori e i dipendenti devono essere informati su come le loro azioni potrebbero inavvertitamente aumentare i rischi per i colleghi LGBTQ+. Ad esempio, in alcune destinazioni, mostrare supporto a un collega LGBTQ+ potrebbe mettere a rischio entrambe le persone. E molto importante durante la fase di formazione del personale affrontare scenari con tutti i tipi di profili di viaggiatori in modo da aumentare la consapevolezza e la preparazione alle trasferte”.

Perché così tanta discriminazione a suo parere?

“Qualsiasi discriminazione, razziale, sessista che sia, non è altro che sfruttamento e manipolazione dell’ignoranza. È paradossale, ma la persona che discrimina non è necessariamente cattiva. È solo ignorante e viene spesso manipolata.
Quando si viaggia in luoghi, ove il rischio di ignoranza manipolata è alta, bisogna, purtroppo, abbandonare qualsiasi comportamento alla Don Chisciotte e cercare di assumere un profilo accettabile.  Un occhio di riguardo anche alla presenza nel mondo del web e dei social media che raccontano “tutto” e questo può esporci a a rischi inconsapevolmente; basta applicare il buon senso e tenere il social media footprint il più “low profile” possibile”.

Quando un viaggiatore LGBTQ dovrebbe rinunciare ad intraprendere un viaggio di lavoro?

“Il traveller ha il compito, pragmatico, di svolgere il proprio lavoro e tornare a casa sano e salvo. Perciò se non è in grado di assumere un profilo consono al luogo visitato, è meglio rinunciare.
Vorrei concludere precisando che avere policy aziendali che favoriscano l’integrazione e la diversità sono vitali e consentono a un’organizzazione di rafforzare il duty of care per tutti i viaggiatori, così come ad ampliare la cultura aziendale”.

Le mappe delle Aree Geografiche Travel Risk Management di Pyramid Temi Group

Qui di seguito le mappe delle aree maggiormente a rischio dei lavoratori LGBTQ+.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI ARTICOLI

PROSSIMI CORSI

DI COSA PARLIAMO

Attività della community

logo

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico.

Inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

I cookie necessari contribuiscono a rendere fruibile il sito web abilitandone funzionalità di base quali la navigazione sulle pagine e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non è in grado di funzionare correttamente senza questi cookie.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
rc::a Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Questo è utile per il sito web, al fine di rendere validi rapporti sull'uso del sito. Persistent HTML
rc::c Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Session HTML
cookiepolicy Travelforbusiness Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente 1 anno HTTP
login_referer Travelforbusiness Memorizza l'ultima pagina visitata per reindirizzare l'utente dopo il login 24 ore HTTP
elementor Travelforbusiness Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Persistent HTML
wordpress_test_cookie Travelforbusiness Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Session HTTP
pvc_visits[0] Travelforbusiness Questo cookie viene utilizzato per contare quante volte un sito è stato visto da diversi visitatori; a tale fine viene assegnato al visitatore un numero identificativo casuale, che consente al visitatore di non essere conteggiato due volte. 1 giorno HTTP
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
_ga Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 2 anni HTTP
_gat Travelforbusiness Utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste 1 giorno HTTP
_gid Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 1 giorno HTTP
I cookie di marketing vengono utilizzati per tracciare i visitatori sui siti web. La finalità è quella di presentare annunci pubblicitari che siano rilevanti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi di maggior valore per editori e inserzionisti di terze parti.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
IDE Google Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. 1 anno HTTP
test_cookie Google Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. 1 giorno HTTP
VISITOR_INFO1_LIVE YouTube Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. 179 giorni HTTP
YSC YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Session HTTP
yt.innertube::nextId YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt.innertube::requests YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt-remote-cast-installed YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-connected-devices YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-device-id YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-fast-check-period YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-app YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-name YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocate da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

In qualsiasi momento è possibile modificare o revocare il proprio consenso dalla Dichiarazione dei cookie sul nostro sito Web.

Scopra di più su chi siamo, come può contattarci e come trattiamo i dati personali nella nostra Informativa sulla privacy.

Specifica l’ID del tuo consenso e la data di quando ci hai contattati per quanto riguarda il tuo consenso.
logo
Cookie

Travel for business