Scioperi Ryanair e il nuovo cambio regole del bagaglio a mano: Altroconsumo segnala all’Antitrust e nasce un tema di Reputazione

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Come abbiamo potuto leggere durante l’estate 2018, lo sciopero dei piloti Ryanair e il supplemento che dal 1° novembre la compagnia richiede (tra i 6 e i 10 euro) destano grande stupore.

Secondo la nota di Altroconsumo si tratta di una vera e propria beffa poiché le nuove regole si applicano anche a chi ha acquistato il biglietto prima del 1° settembre.

Questi cambiamenti repentini delle regole, in particolare per il bagaglio a mano, hanno portato Altroconsumo alla segnalazione all’Antitrust per pratica commerciale scorretta. A questo si aggiungono anche le cancellazioni massive dello scorso anno e gli scioperi recenti.  Per Altroconsumo, l’unica cosa che vola è la sfiducia dei consumatori nei confronti dell’azienda.

Per il Professore Ugo Merlone* PhD, Associate Professor, Dept. of Psychology dell’Università di Torino,” lo sciopero ha avuto un costo enorme per la compagnia aerea, e un portavoce del vettore ha dichiarato che queste cancellazioni dei voli sono state causate da circostanze straordinarie e quindi nessun risarcimento è dovuto”. Vedi qui il suo articolo  su “Scioperi e reputazione”

Il comportamento di Ryanair ha spinto diverse organizzazioni di consumatori in Italia e all’estero a dare supporto per il risarcimento dei passeggeri.
Tra queste, appunto, Altroconsumo che sta raccogliendo le lamentele dei consumatori che hanno acquistato i biglietti prima del 1° settembre. Il comunicato dell’associazione dice che “Ryanair mostra anche una mancata trasparenza e carenza di informazioni ai viaggiatori, non avvisati adeguatamente del cambio delle regole”.

Ivo Tarantino, Responsabile relazioni esterne di Altroconsumo ha inoltre commentato: “Chiediamo all’Antitrust di intervenire con urgenza per sospendere questa condotta scorretta. I passeggeri sono stufi di questi continui cambi di regole che generano confusione. Invitiamo i consumatori a segnalarci comunicazioni sospette e poco convincenti da parte di Ryanair, che finora ha dimostrato di avere scarso rispetto per i consumatori“.

Anche le organizzazioni partner del gruppo Euroconsumers si sono già mobilitate per tutelare i consumatori dalla condotta scorretta reiterata di Ryanair.

 

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.