Ripresa del numero dei passeggeri. L’ultimo rapporto IATA 2021

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

La International Air Transport Association (IATA) e Tourism Economics hanno rilasciato una visione a lungo termine per la ripresa della domanda di passeggeri post-COVID-19 che dimostra che le persone rimangono desiderose di viaggiare a breve e lungo termine.

I punti salienti delle previsioni IATA

  • Nel 2021 il numero di passeggeri globali dovrebbe tornare al 52% dei livelli pre-COVID-19 (2019).
  • Nel 2022 si prevede che il numero di passeggeri globali tornerà all’88% dei livelli pre-COVID-19.
  • Nel 2023 si prevede che il numero di passeggeri globali supererà i livelli pre-COVID-19 (105%).

Si prevede che entro il 2030 il numero di passeggeri globali raggiungerà i 5,6 miliardi. Sarebbe il 7% al di sotto delle previsioni pre-COVID-19 e una perdita stimata di 2-3 anni di crescita a causa del COVID-19.

Oltre il 2030 si prevede che i viaggi aerei rallentino, a causa dei dati demografici più deboli e dell’ipotesi di base di una liberalizzazione del mercato limitata, con una crescita media annua tra il 2019 e il 2039 del 3,2%. La previsione di crescita pre-COVID-19 della IATA per questo periodo era del 3,8%.

La ripresa del numero di passeggeri è leggermente più forte della ripresa della domanda misurata in ricavi passeggeri per chilometro (RPK), che dovrebbe crescere di una media annua del 3% tra il 2019 e il 2039. Ciò è dovuto alla forza prevista dei mercati nazionali come Cina con grandi numeri di passeggeri e distanze più brevi.

Breve termine: riavvio

Il danno della crisi COVID-19 si farà sentire negli anni a venire, ma tutti gli indizi indicano che le persone hanno conservato il loro bisogno e il desiderio di viaggiare:

  • Qualsiasi possibilità di riapertura dei confini incontra un’impennata immediata delle prenotazioni. L’esempio più recente è il picco di 100 punti percentuali nelle prenotazioni dal Regno Unito al Portogallo quando la “Green List” del Regno Unito è stata annunciata all’inizio di maggio.
  • L’economia è forte e può alimentare la crescita dei viaggi. I livelli di produzione industriale di febbraio 2021 si sono attestati al 2% sopra i livelli di febbraio 2019.
  • I consumatori hanno accumulato risparmi nei blocchi, in alcuni casi superiori al 10% del PIL.
  • I tassi di vaccinazione nei paesi sviluppati (con la notevole eccezione del Giappone) dovrebbero superare il 50% della popolazione entro il terzo trimestre del 2021.

“Questo dovrebbe essere un chiaro invito ai governi a prepararsi. Il settore dei viaggi e del turismo è un importante contributo al PIL. Sono in gioco i mezzi di sussistenza delle persone. Per evitare maggiori danni economici e sociali a lungo termine, il riavvio non deve essere ritardato. I governi possono facilitare un riavvio sicuro con politiche che consentono viaggi senza restrizioni per le persone vaccinate e sperimentando alternative per coloro che non possono essere vaccinati. I governi devono anche essere pronti con i processi per gestire digitalmente il vaccino o i certificati di prova, garantendo che anche un riavvio sicuro sia efficiente “, ha affermato Walsh.

Sostenibilità

“L’aviazione crescerà perché le persone vogliono e hanno bisogno di viaggiare. Ma dobbiamo essere in grado di soddisfare la domanda dei consumatori in modo sostenibile. Queste sono le regole di base per qualsiasi attività commerciale. Non è un segreto che questo sia più impegnativo per l’aviazione rispetto ai settori con alternative energetiche più ampie. Ma con il sostegno dei governi ci arriveremo attraverso una combinazione di mezzi “, ha detto Walsh.
L’aviazione si è impegnata a ridurre le sue emissioni nette di carbonio alla metà dei livelli del 2005 entro il 2050. Ha già un buon track record di disaccoppiamento delle emissioni e crescita della domanda per viaggio dimezzato dal 1990 attraverso guadagni di efficienza, ma anche i governi devono intensificare.

Oltre all’efficienza e ai guadagni tecnologici, CORSIA (il primo sistema globale di compensazione del carbonio per un settore industriale) sta stabilizzando le emissioni dei voli internazionali ai livelli del 2019. Una transizione energetica a basse emissioni di carbonio per l’aviazione è iniziata con carburanti per aviazione sostenibili che alimentano il volo oggi, per essere seguiti da aeromobili elettrici e alimentati a idrogeno. E si può fare molto di più con le infrastrutture – aeroporti e gestione del traffico aereo – per operare con la massima efficienza e le emissioni minime.

“Se lavoriamo in partnership con i governi, c’è un grande potenziale in tutte queste aree. Ma le vittorie facili in termini di sostenibilità vengono lasciate sul tavolo. In Europa, che ha portato avanti molte iniziative di sostenibilità, perché stiamo ancora aspettando il cielo unico europeo? Ciò potrebbe ridurre immediatamente le emissioni fino al 10%. Non ci sono scuse perché la tecnologia esiste da due decenni o più. La partnership con i governi sulla sostenibilità deve esistere nei fatti oltre che nelle parole “, ha affermato Walsh.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community