Non viaggio e quindi non corro rischi? È davvero questa la soluzione?

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Esattamente un anno fa avevamo tante preoccupazioni, dubbi, o magari perplessità, ma sicuramente non ci eravamo mai trovati di fronte ai problemi che abbiamo attualmente durante il COVID.

I viaggi sono infatti tra le cose che nella percezione delle persone sta mutando maggiormente. Oggigiorno, il viaggiatore si porta dietro il suo bagaglio con un carico di preoccupazioni, ma soprattutto ansie. Con il tema delle malattie, dello stress, del tema reputazionale, dei rischi fiscali e normativi, e così come vengono raccolte e custodite le informazioni durante i viaggi, sta infatti diventando sempre più complicato poterne organizzare uno, soprattutto se di lavoro.

Credo che ogni azienda, lavoratore e famiglia in questo periodo si trovi spesso davanti alle stesse domande: È davvero sicuro viaggiare? È davvero necessario correre questo rischio?

Ormai, sempre più aziende, stanno continuando con la scelta di non fare viaggiare i suoi dipendenti, o al massimo solo attraverso l’utilizzo di mezzi personali, come appunto la loro macchina. Il problema è che molto spesso non basta solo la videochiamata per riuscire a fare un determinato lavoro, così come non sempre basta la macchina per arrivare in un determinato posto. Forse però la vera domanda che si dovrebbero porre sarebbe:

quanto abbiamo formato davvero i nostri stessi viaggiatori nella gestione di imprevisti durante i viaggi?

Cos’hanno fatto davvero le aziende fino ad ora? Durante la tavola rotonda business travel al Negotiorum Fucina 2020 che Travel for business ha moderato ho avuto modo di raccogliere diverse esperienze personali di buyer e travel manager. Un manager ci ha raccontato che nella sua azienda hanno bloccato completamente i viaggi, rimanendo semplicemente in attesa di vedere cosa succederà in futuro e quando effettivamente sarà sicuro viaggiare. La maggior parte delle aziende si aspettava che a settembre si riuscisse a risolvere tutto, attraverso soluzioni reali e messe in sicurezza maggiori, o magari anche solo attraverso la raccolta di più informazioni sicure sugli spostamenti.

Il problema è stato che ovviamente così non è successo. Anzi, arrivati a questo punto le aziende si sono ritrovate a non aver preparato una soluzione reale per poter viaggiare in sicurezza e, la situazione da sola non si sta risolvendo. Questo ha creato un blocco degli spostamenti e lasciato la maggior parte dei business in una situazione di stallo. D’altronde no viaggi, no business, cosa che per un’azienda non è sicuramente una bella situazione.

Possibile che non ci siano davvero delle soluzioni migliori?

Andando ad analizzare più nel dettaglio come mai le aziende hanno preso questa decisione, si scopre che in Italia non ci sono vere e proprie motivazioni per non permettere di viaggiare. Le vere problematiche nella mobilità attuale non risiedono infatti nel nostro territorio, ma bensì nell’incertezza di quello che si potrebbe trovare dall’altra parte del mondo, come negli Stati Uniti, India, Dubai, o America Latina. Le informazioni per permetterci di viaggiare in sicurezza ci sono, il problema è che proprio come lo stiamo vivendo in questo momento con la seconda ondata di COVID, ogni giorno in un paese diverso cambiano le normative per far fronte agli aumenti di contagi.

Come fa quindi un lavoratore ad avere la sicurezza di poter tornare a casa una volta che si ritrova dall’altra parte del mondo?

I vettori in questo momento stanno cercando di fornire queste informazioni al massimo delle loro capacità. Quando parti per prendere per esempio l’aereo, vieni informato su tutte le misure di sicurezza da mantenere per non rischiare un contagio e, ti fanno sapere cosa fare e cosa si potrebbe trovare una volta arrivati a destinazione del viaggio di lavoro. Anche così facendo, il problema fondamentale sussiste: l’incertezza che gira intorno ai viaggi rimane comunque un tema centrale per qualsiasi business. Queste incertezze girano intorno ai dubbi e alle possibilità di dover fare una quarantena, all’impossibilità di tornare come era stato stabilito, al rischio di infettarsi durante il viaggio e sulla mancanza di certezza sui tempi e modalità di ritorno. Anche perché il rischio o la possibilità di quarantena per un manager viaggiatore è un grosso problema, poiché non permetterebbe loro di fare il loro lavoro, diventando quindi improduttivi per l’impresa.

Ultimamente ogni azienda è alla ricerca di creare un protocollo di viaggio per avere maggiori sicurezze. L’azienda deve infatti essere tutelata anche a livello legale e di conseguenza anche il viaggiatore, soprattutto se viaggia in determinati posti per lavoro. D’altronde ci sono modi per poter stare più tranquilli; organizzando viaggi che non implicano scali, quindi effettuando solo voli diretti. Anche la scelta degli alberghi è importante e deve avere una certa serietà e approfondito controllo. Inoltre, l’incertezza sulle predisposizioni legislative che cambiano di giorno in giorno in ogni paese pone dubbi sull’organizzazione, per cui si deve cercare di fare delle previsioni. Come si può riuscire a fare delle previsioni? Spesso medici e legali delle varie imprese cercano di creare per ogni spostamento una sorta di protocollo, accompagnati magari anche da corsi di formazioni per ogni dipendente in base alle loro destinazioni. Il tutto è fatto proprio per andare ad evitare cambiamenti repentini e il rischio di rimanere bloccati, o peggio ancora infettati.

A questo punto sorge il dubbio: ma se questo protocollo di gestione dei rischi, che stiamo utilizzando adesso con il Covid-19, ci fosse stato anche prima dell’attuale pandemia? Saremmo nella stessa situazione in cui ci ritroviamo adesso?

Probabilmente no, se le aziende avessero già avuto dei protocolli sanitari prima del Covid, in questo momento sarebbe stato di grande aiuto per il viaggiatore o per chi deve gestire un viaggio, perché ci sarebbero stati dei procedimenti operativi già sviluppati. Una vera soluzione, attualmente necessaria, sarebbe una collaborazione a livello mondiale per prevedere determinati cambiamenti nei movimenti epidemiologici e legislativi di ogni stato. Così facendo, si riuscirebbe a raccogliere dati per ogni destinazione in modo da avere un protocollo più uniforme, ampio e sicuro. Ogni volta che un lavoratore effettua un viaggio raccoglie e visualizza informazioni. Come sulla conoscenza e prevenzione, sulla gestione di incidenti o su una determinata crisi, ma soprattutto si crea un bagaglio di esperienza.Esattamente come funziona il portale di Travel for business per la condivisione delle esperienze e dei suggerimenti per altri viaggiatori della sua community dove le persone possono scrivere e spiegare nel dettaglio le informazioni raccolte anche nella apposita sezione Travel Risk.

Così facendo potrebbero andare ad aiutare un lavoratore che invece, non essendo ancora partito, non possiede tutte quelle informazioni, poiché magari nella sua azienda ancora nessuno è andato in quella determinata destinazione.Quest’ultimo potrebbe permettere di andare a diminuire quell’incertezza che ci circonda ogni volta che dobbiamo intraprendere un viaggio in questo periodo.

Forse allora non viaggiare e non correre assolutamente nessun rischio non è la soluzione. Soprattutto in un’ottica a lungo termine, dove la necessità di avere una vera soluzione che permette anche di fare business è ormai necessaria e, forse, è arrivato il momento che anche tutte le aziende in giro per il mondo se ne rendano conto.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI ARTICOLI

PROSSIMI CORSI

DI COSA PARLIAMO

Attività della community

logo

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico.

Inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

I cookie necessari contribuiscono a rendere fruibile il sito web abilitandone funzionalità di base quali la navigazione sulle pagine e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non è in grado di funzionare correttamente senza questi cookie.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
rc::a Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Questo è utile per il sito web, al fine di rendere validi rapporti sull'uso del sito. Persistent HTML
rc::c Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Session HTML
cookiepolicy Travelforbusiness Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente 1 anno HTTP
login_referer Travelforbusiness Memorizza l'ultima pagina visitata per reindirizzare l'utente dopo il login 24 ore HTTP
elementor Travelforbusiness Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Persistent HTML
wordpress_test_cookie Travelforbusiness Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Session HTTP
pvc_visits[0] Travelforbusiness Questo cookie viene utilizzato per contare quante volte un sito è stato visto da diversi visitatori; a tale fine viene assegnato al visitatore un numero identificativo casuale, che consente al visitatore di non essere conteggiato due volte. 1 giorno HTTP
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
_ga Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 2 anni HTTP
_gat Travelforbusiness Utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste 1 giorno HTTP
_gid Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 1 giorno HTTP
I cookie di marketing vengono utilizzati per tracciare i visitatori sui siti web. La finalità è quella di presentare annunci pubblicitari che siano rilevanti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi di maggior valore per editori e inserzionisti di terze parti.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
IDE Google Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. 1 anno HTTP
test_cookie Google Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. 1 giorno HTTP
VISITOR_INFO1_LIVE YouTube Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. 179 giorni HTTP
YSC YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Session HTTP
yt.innertube::nextId YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt.innertube::requests YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt-remote-cast-installed YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-connected-devices YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-device-id YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-fast-check-period YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-app YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-name YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocate da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

In qualsiasi momento è possibile modificare o revocare il proprio consenso dalla Dichiarazione dei cookie sul nostro sito Web.

Scopra di più su chi siamo, come può contattarci e come trattiamo i dati personali nella nostra Informativa sulla privacy.

Specifica l’ID del tuo consenso e la data di quando ci hai contattati per quanto riguarda il tuo consenso.
logo
Cookie

Travel for business