Online il nuovo Magazine Travel for business: WE CARE

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Partiamo da qui!

Vi ricordate la polverina magica sparsa sul castello della “Bella addormentata nel bosco”, dove tutti gli abitanti della favola si erano addormentati in un sonno profondo in attesa del risveglio felice? Quelli che molti oggi direbbero “siamo in attesa della ripartenza”, o meglio del riavvio delle attività sospese dall’emergenza Covid.

Non ci sveglieremo da questo torpore come se nulla fosse accaduto per riprendere come prima, e nello stesso modo. Perché il mondo nel frattempo è andato avanti e, consapevoli o no, il nostro modo di lavorare e di vivere è stato modificato profondamente.

Dovremmo parlare di “nuovo inizio”, dove la tecnologia ha assunto un ruolo più esteso con modelli ibridi diventati giocoforza i nostri alleati e forse per alcuni i nuovi nemici. Dove le persone hanno sperimentato forme di connessione alternative e si sono esercitate a diversi comportamenti di relazione.

E sarà così anche per i viaggi d’affari. “Il futuro dei viaggi d’affari non tornerà ai livelli pre-pandemici e subirà riduzioni del 50%”. A dirlo è lo stesso Bill Gates alla conferenza di qualche giorno fa al The New York Times Dealbook. Ci stiamo aggrappando tutti ad una cura definitiva, ma è IATA che avverte che le restrizioni ai viaggi globali possono rappresentare una sfida per il lancio del vaccino. “Se i confini restano chiusi, i viaggi ridotti, le flotte bloccate e i dipendenti licenziati, la capacità di fornire vaccini salvavita sarà compromessa” ha affermato de Juniac, Direttore generale e CEO della IATA.
Un gatto che si morde la coda? Ma se nel frattempo il mondo rischia una nuova massiccia ondata di infezioni, oggi dobbiamo rivedere non solo come ripartire ma anche come affrontare quello che sarà il “nuovo normale”. E immaginare che in futuro il bisogno di viaggiare sarà moderato da un sistema di valutazione più accurato e attento alle necessità delle persone e dei business, anche dal punto di vista della sicurezza. Ancora una volta il nostro modello T-ROI, sviluppato già alcuni anni fa per calcolare i benefici del viaggio, diventa elemento essenziale per gestire le nuove esigenze.

Ma cosa può fare in questo contesto il Travel e Mobility Manager?

Ce lo ha detto Rose Cartolari all’ultima convention aitmm: “Se il mondo è cambiato dobbiamo navigare con nuove regole”. Parole che devono farci riflettere ma anche caricarci di nuova energia per puntare alla nostra rivalutazione personale e professionale. “Il core business di un travel manager non è quello di gestire i viaggi, ma quello di aiutare le persone a ritrovare la propria libertà di esplorare nuovi orizzonti, creando valore con il proprio valore”.

Allora partiamo da qui, da questa nuova consapevolezza per orientarci a visioni più estese, come quella del mobility manager che cavalcherà in modo inarrestabile il prossimo futuro.

In questo numero del Travel for business Magazine parliamo di:

  • Come superare, adattarsi e riconnettersi dopo l’emergenza Covid-19
  • L’importanza del viaggio come relazione e scoperta
  • L’analisi dei quattro habitus mentale del viaggiatore d’affari
  • We Care, come ci prendiamo cura delle aziende e dei viaggiatori
  • Il ruolo del futuro del Travel Mobility Manager
  • Duty of care, come garanzia per i viaggiatori e vantaggio competitivo
  • Gli interventi delle tavole rotonde della Convention Travel e Mobility Manager: scenari Business Travel e Mobility As a Service
  • Le esperienze degli attori del mercato:
    -piattaforme per gestire il business travel in sicurezza
    -tech & care
  • Il ruolo complesso del Travel Security Expert
  • Le esperienze internazionali delle associazioni dei travel manager
  • Approfondimento sulla ricerca di mercato: “il futuro degli spostamenti”
  • GECO, presentazione della fiera italiana virtuale sulla sostenibilità

Buona lettura!

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

2 thoughts on “Online il nuovo Magazine Travel for business: WE CARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Travel for business