I viaggi di lavoro nel 2020 con maggiori rischi e costi per viaggiatori ed aziende

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Tempo di budget, i Travel manager ipotizzano la spesa del Business Travel per il 2020: sapranno tenere giustamente conto dei maggiori rischi e dei costi che l’attuale contesto conflittuale nell’area del Medio Oriente e della Libia si sta configurando?

La situazione che si è venuta a creare tra USA e Iran inevitabilmente sta già influenzando le rotte aeree. Molte compagnie hanno comunicato che non sorvoleranno più l’area del possibile conflitto: Iraq, Iran e del golfo Persico, allungando le percorrenze e i tempi di volo. Conseguenza diretta? Aumento dei costi!

Business Travel Index

Come presentato nell’ultima convention dell’Associazione Italiana Travel e Mobility Manager dal Prof. Ascani di Format research, è possibile valutare preventivamente sulla base di specifici indicatori il “Business Travel Index” ovvero considerare la fiducia e il rischio Paese valutando i costi da tenere in considerazione in fase di budget.

Fiducia = +velocità – meno costi

L’equazione vale anche al contrario:

minore fiducia = minore velocità + maggiori costi; questa è stata ben definita anche da Stephen M.R.Covey nel suo libro “The speed of the trust”. È evidente che quando persiste un clima di sfiducia, ad esempio le compagnie aeree non si fidano di viaggiare su determinate rotte, si allungano i tempi (minore velocità), si aumentano i costi (carburante, inquinamento, tempo impiegato ecc.).

Così in aeroporto, minore fiducia significa maggiori controlli agli imbarchi, di conseguenza minore velocità e maggiori costi per il tempo e le risorse impiegate allo scopo.

L’altro aspetto molto importante è il fattore rischio Paese.

Purtroppo, abbiamo imparato che nei momenti di crisi il rischio terrorismo aumenta, sia in molti Paesi dell’Asia e dell’Africa sia in Europa. Gli hotel con forte presenza di Occidentali e siti produttivi dove lavorano le nostre aziende diventano bersagli di queste forze che si sentono legittimate all’azione armata considerato il contesto conflittuale in cui si trovano. Quindi anche qui è necessario aumentare la protezione ai viaggiatori e analizzare preventivamente città, luoghi, hotel e il contesto ambientale in continuo mutamento, a volte, anche da un giorno all’altro.

La crisi Usa/Iran creerà maggiori costi diretti e indiretti

Se non abbiamo considerato preventivamente questi costi, il risultato sarà quello di  mandare a “carte e quarantotto” il budget, mettendo in difficoltà Noi e l’azienda. Se è vero che, mai come oggi è necessario provvedere alla sicurezza dei viaggiatori, per dovere nei loro confronti, delle famiglie e per tutelare l’azienda da possibili problemi, questi sono tutti costi che in momenti di maggiore fiducia nel genere umano, si possono limitare e impiegare diversamente.

Anche svolgere queste attività è un maggiore costo aziendale, un costo indiretto legato al processo di travel management. Il processo può risentirne per diversi aspetti:

  • non essere conforme alla travel policy, che va aggiornata,
  • allungare molto i tempi delle autorizzazioni e di conseguenza l’acquisto dei voli e delle prenotazioni.

Quindi che fare? Bisogna intervenire su tutti questi punti per definire in modo efficace il work flow autorizzativo, pianificare e programmare le trasferte con maggiore anticipo di quanto fatto fino ad oggi, ed utilizzare fornitori affidabili che ci supportino nell’attività di travel security management e nella quotidianità con soluzioni innovative.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.