BMW Group sta accelerando il cambiamento tecnologico

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Dopo un 2021 di successo, il BMW Group sta accelerando il cambiamento tecnologico e portando avanti la trasformazione verso la mobilità sostenibile. L’azienda si sta preparando per un salto tecnologico completo nella sua Neue Klasse e sta aumentando notevolmente il ritmo mentre continua a incrementare la mobilità elettrica. Allo stesso tempo, il BMW Group sta coinvolgendo i suoi stakeholder, dai dipendenti al mercato dei capitali alla società, nella sua strategia di trasformazione di successo e coerentemente implementata.

“Vediamo il 2021 come una chiara prova del fatto che una trasformazione di successo ripaga. Il forte risultato che abbiamo ottenuto nell’anno finanziario 2021 è il risultato della nostra strategia coerente, con un approccio a tecnologia aperta e i prodotti giusti al momento giusto”, ha affermato Oliver Zipse, Presidente del Consiglio di amministrazione di BMW AG, mercoledì a Monaco. “Abbiamo gettato le basi per costruire su questo successo nei prossimi anni: con la Neue Klasse, stiamo portando la mobilità sostenibile in una nuova dimensione tecnologica. Estendendo il contratto con la nostra joint venture BBA fino al 2040, anche il BMW Group sta portando la sua crescita a un livello superiore”.

I dipendenti fattore chiave di successo nella trasformazione

Tutte le parti interessate dell’azienda traggono vantaggio dal modo in cui il BMW Group si sta avvicinando alla trasformazione: in risposta al cambiamento tecnologico in atto e alle prospettive di crescita continua, BMW Group prevede di aggiungere nuovi posti di lavoro in tutto il mondo quest’anno che amplierà la sua forza lavoro fino a cinque per cento. In questo modo, l’azienda contribuisce alla prosperità sociale nelle sue sedi in tutto il mondo. Gli attuali dipendenti della BMW AG vedranno un notevole aumento del loro bonus di partecipazione agli utili per il 2021, in linea con l’utile netto del Gruppo.

Anche l’ambiente ne beneficia: le emissioni di CO2 della flotta sono ancora una volta notevolmente ridotte

L’ambiente è un altro attore chiave per il BMW Group e beneficia anche del percorso seguito dall’azienda: sulla base di calcoli preliminari, il BMW Group ha riportato una cifra di emissioni della flotta dell’UE di 115,9 grammi di CO2 per chilometro e quindi ancora una volta ha soddisfatto in modo significativo la sua CO2 obiettivo flotta di 126 g/km. Il 2021 è stato anche il primo anno in cui l’intera produzione del BMW Group e tutti i suoi siti nel mondo hanno raggiunto un’impronta di carbonio netta zero.

Nel 2021, l’azienda è diventata la prima casa automobilistica tedesca ad aderire alla campagna Business Ambition for 1,5°C lanciata dalla Science-Based Targets Initiative e quindi impegnata nell’obiettivo della completa neutralità climatica lungo l’intera catena del valore entro il 2050 al più tardi.

Cella a combustibile a idrogeno come ulteriore pilastro della tecnologia di azionamento

Si prevede inoltre che la tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno rappresenterà una percentuale crescente del mix di trasmissioni a partire dalla seconda metà del decennio in poi. Il BMW Group sta portando avanti sistematicamente lo sviluppo di questa tecnologia come opzione aggiuntiva per la mobilità individuale sostenibile e ha già annunciato che per la Neue Klasse è concepibile anche una trasmissione elettrica basata su una cella a combustibile a idrogeno.

Una piccola serie della BMW iX5 Hydrogen sarà utilizzata per la prima volta quest’anno a scopo dimostrativo. Con la sua cella a combustibile ad alte prestazioni e la batteria di alimentazione ottimizzata, il sistema di trasmissione della BMW iX5 Hydrogen è unico al mondo. Supponendo che l’idrogeno sia prodotto utilizzando energia rinnovabile e che siano disponibili le infrastrutture necessarie, questa tecnologia può integrare il portafoglio di trasmissioni del BMW Group e, in particolare, soddisfare le esigenze dei clienti che non hanno un proprio accesso all’infrastruttura di ricarica elettrica, spesso guidano a lungo distanze e desiderano un elevato grado di flessibilità.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community