Airbnb e We Work attirano i viaggiatori d’affari con un modello di co working vincente

Condividi

Se invece di una classica sala meeting di un albergo vi trovaste a New York in un’area di business comune? Da oggi sembra possibile grazie all’accordo tra Airbnb e We Work. Secondo Bloomberg, i viaggiatori d’affari saranno in grado di prenotare, nel momento in cui utilizzano il portale per affittare una stanza sul sito web di Airbnb, anche uno spazio ufficio di We Work.

Una nuova mossa, quella di Airbnb, per accogliere il loro target preferito degli ultimi tempi, i viaggiatori d’affari che hanno bisogno sempre più anche di un semplice accesso ad una scrivania, di una stampante o piccoli servizi d’ufficio quando sono in trasferta di lavoro.

La strategia Airbnb per il business travel

Già dall’inizio di quest’anno Airbnb ha focalizzato la sua attenzione verso il mondo dei viaggiatori d’affari – corporate. Solo nel mese di aprile oltre 250.000 aziende in tutto il mondo si erano già registrate al loro portale e subito erano iniziate le integrazioni con sistemi di prenotazione come Concur o strumenti di pagamento corporate.
A settembre Airbnb ha delineato nuove strategie di penetrazione sul mercato mondiale dei viaggiatori d’affari. In Italia We Work non è ancora attivo, ma si presume entro inizio del prossimo anno.

We Work, una idea geniale

Si dice che WeWork sia una idea geniale. Perchè? perchè non sono una società immobiliare, ma una piataforma tecnologica che mette a disposizione degli spazi comuni. Esattamente come sta facendo Airbnb e Uber.

 

Sull'autore

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts

Accedi alla community

Inizia anche tu a condividere idee, competenze e informazioni con gli altri professionisti del travel e della mobilità

Ultimi articoli

Consulenza

Ebook

Prossimi corsi