Vita all’aperto e integrazione fra realtà fisica e digitale: nuovi Trend

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Ogni anno, Euromonitor International identifica le principali tendenze emergenti che dovrebbero segnare l’anno a venire. Non è semplice immaginare gli scenari del 2021: il mondo l’anno scorso è cambiato profondamente. Sotto molti punti di vista, processi già avviati hanno visto un’accelerazione. Tra questi, alcuni possono avere un significativo impatto sul mondo del travel, come la voglia di stare all’aperto e la “phygital reality”, cioè l’integrazione tra mondo fisico e digitale. E una parola chiave: resilienza.

Oasi all’aperto

I pericoli del contagio nei luoghi chiusi e l’aumento dello smart working spingeranno sempre di più le persone a cercare oasi all’aperto per il tempo libero e lo svago, per un migliore benessere mentale e fisico.

Alcuni stanno addirittura prendendo in considerazione di trasferirsi dalle città alla campagna. Le zone rurali sono meno inquinate e spesso anche economicamente vantaggiose: un’opzione diventata ancora più allettante con la possibilità del telelavoro.

Molte aziende hanno adottato misure sanitarie avanzate e chi ne ha avuto la possibilità ha spostato gli eventi all’esterno: un’opzione da considerare quando si organizzeranno riunioni, fiere o convegni. Attività come i concerti si svolgeranno soprattutto fuori. Ristoranti, cinema e palestre si sono adattati rapidamente con dehors, drive-in e corsi di fitness all’aperto.

Foto di Ketut Subiyanto da Pexels

Il turismo punta sull’affitto di proprietà appartate e sul glamping, il campeggio glamour. Con il crescente desiderio di riconnettersi con la natura, cresce la richiesta di prodotti e servizi per il giardinaggio. Per quanto riguarda la mobilità, a discapito di un calo nell’uso del trasporto pubblico, si sono diffuse abitudini più sane come il pendolarismo a piedi, in bicicletta, in monopattino o in scooter.

Secondo i ricercatori di Euromonitor International, le aziende dovrebbero ipotizzare di creare la propria oasi all’aperto. L’adattamento potrebbe essere complicato e costoso per le condizioni meteo e le necessità di riscaldamento e illuminazione, ma ripagherà l’investimento a causa della maggiore domanda di luoghi sicuri e della bellezza delle location all’aperto che potrebbe continuare ad attrarre i consumatori anche in futuro. Il messaggio è: se la sicurezza è la priorità, anche l’estetica non guasta.

Esperienze “phygital”: mondi fisici e digitali si fondono

Gli strumenti digitali consentono alle persone di rimanere in contatto mentre si trovano in casa ma sono anche un arricchimento dell’esperienza quando ci si sposta. La “phygital reality” è un ibrido di mondi fisici e virtuali in cui i consumatori possono vivere, lavorare, fare acquisti e giocare senza soluzione di continuità, sia di persona che online.

Durante la pandemia tutti hanno creato nuove abitudini virtuali per il lavoro, lo studio, lo shopping, l’esercizio fisico e la socializzazione, tra videoconferenze, elettrodomestici intelligenti e tecnologie come la realtà aumentata (AR) e la realtà virtuale (VR). Questi strumenti hanno dato vita alla “phygital reality”, che mantiene i consumatori virtualmente connessi nonostante siano fisicamente separati dal mondo esterno.

Non c’è più differenza tra reale e virtuale: basti pensare all’adozione di sistemi di prenotazione mobile, ai codici QR per leggere i menù, ai pagamenti touchless e ai camerini virtuali dei negozi. Si aprono ulteriori prospettive per la consegna e i servizi per il consumo virtuale, in grado di riprodurre le esperienze che si vivevano fuori casa. Le aziende possono fornire soluzioni nuove, sia di persona che virtuali, al fine di raggiungere un pubblico vasto: si va dagli appuntamenti per gli acquisti in videochat alle esperienze di viaggio in realtà virtuale. Secondo il report, le aziende che offrono momenti sicuri e memorabili tramite più metodi e piattaforme si garantiscono clienti fedeli. Inoltre, l’adozione della “phygital reality” consentirà anche di migliorare la raccolta dei dati, sia online che nelle sedi fisiche (aeroporti, stazioni, negozi).

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI ARTICOLI

PROSSIMI CORSI

DI COSA PARLIAMO

Attività della community

Travel for business