Usi e costumi in Turchia

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

La coesistenza di più culture, spesso contrapposte, fa sì che la Turchia sia sbilanciata tra un senso marcato di modernità e l’esigenza di restare attaccati alle proprie radici storiche.

In questo ibridismo, la punta di diamante per modernità è rappresentata da Istanbul, cui si aggiungono altre città, quali Izmir (Smirne), con la coesistenza di più anime e più sfaccettature.

Subito dopo Atatürk e prima dell’avvento di Erdoğan, era vietato alle donne ricoprire incarichi pubblici indossando il velo. Oggi qualcosa è cambiato e si possono notare più donne velate per strada e negli uffici. Ciò non toglie che moltissime donne, più o meno giovani, vestano all’occidentale, soprattutto nelle zone più moderne della città, ma è pur vero che uno strisciante integralismo sembra essersi insinuato un po’ ovunque, specialmente nei quartieri più vecchi e fatiscenti oppure in quelli con una tradizione religiosa più marcata, come ad esempio i quartieri di Fatih, Fener e Balat.
Attualmente, questi ultimi, i più caratteristici e ricchi di storia di tutta Istanbul, hanno aperto le loro porte ad un turismo più qualificato che apprezza l’autenticità e non gli stereotipi, come quello standard che si snoda lungo le tappe turistiche d’obbligo dell’Istanbul bizantina e ottomana: Sultanhamet, Aya Sofya, l’Ippodromo, il Cisternone, il Bazar coperto, e così via. L’immagine turistica ricorrente è appunto quella che emerge, in genere, dalla lettura di guide turistiche, blog, etc.

La trasformazione urbanistica

L’eterogeneità architettonica e storica che si rinviene nei tre quartieri citati è tale da contrassegnare in maniera del tutto originale quella parte della città all’interno delle mura. Il tessuto urbano e il dedalico intreccio delle strade rendono caratteristica quella zona di Istanbul che, purtroppo, sta velocemente modernizzandosi seguendo la scia delle trasformazioni urbanistiche. Molti luoghi di ritrovo, bar e ristoranti si susseguono in un alternarsi di locali all’interno delle vecchie mura tra scorci pittoreschi e case in corso di restauro. Il fermento culturale che sta interessando i tre quartieri rappresenta la prosecuzione logica delle trasformazioni urbanistiche della megalopoli, quasi una cucitura o un assemblaggio di parti, prima materialmente più scollegate.

Nei tre quartieri citati, che si trovano all’interno delle mura della città vecchia ad ovest, più religioni si sono succedute unitamente a culture difformi, confondendosi nel tessuto urbano e dando vita ad espressioni con connotazioni architettoniche giustapposte in un labirinto di viuzze e di scorci unici.  Tra intrecci di stradine e case   il turista riesce a fatica a districarsi e ad orientarsi nell’individuare monumenti e moschee sepolti in quel dedalo. Accompagnato o meno da una guida, può girare sicuro e indisturbato senza tema di incappare in pericoli di sorta.

Il quartiere di Fatih in Istanbul

Il quartiere di , anche se ha conservato la fama di essere uno dei più “conservatori” di Istanbul, offre al turista o viaggiatore d’ affari, che per un giorno vuole vedere un aspetto autentico della città, di improvvisarsi girovago e di perdersi, trasognato, lungo le sue strade.

Avventurarsi lungo i suoi intrecci di vie, entrare nella monumentale moschea, è un modo per scoprire l’anima vera di Istanbul, non quella preconfezionata dal turismo di massa.

Per quanto concerne il modo di vestirsi, non ci sono restrizioni se non quelle dettate dal buonsenso per non urtare la suscettibilità di qualcuno.  Ognuno veste come gli pare, per cui è facile imbattersi in donne velate o con il foulard in testa accanto a ragazze vestite all’occidentale.

Proprio questo è l’aspetto più suggestivo di Istanbul: variegati costumi ed usanze si mescolano tra loro in modo causale in mezzo ad arditi scorci di grattacieli che, dalla famosa piazza Taksim, si snodano fino ai quartieri ultramoderni di Nişantaşı, ecc.

Questo miscuglio di stili e di architetture rappresenta la manifestazione evidente di vecchio e nuovo che si confrontano, anche a distanza, al di là dei ponti culturali e materiali che, al pari di agili ballerini, si stagliano sullo skyline del Bosforo, unendo due continenti.

Bisogna, ovviamente, seguire regole più severe all’interno delle moschee, non solo a Fatih.  Le altre norme basilari, credo note, sono quelle di togliersi le scarpe prima di entrare in moschea, poggiandole su degli appositi scaffali esterni posti in bella vista davanti all’ingresso; coprirsi (solo per le donne) la testa con un velo o un foulard turco (se ne vendono in giro dei bellissimi, anche in seta), e non restare in pantaloncini o a braccia scoperte (in questo caso si consiglia di indossare uno di quegli abiti lunghi,  che vengono prestati ai turisti prima dell’ingresso in moschea).

La moschea è un luogo dai musulmani ritenuto sacro, come le nostre chiese, in cui nessuno si sognerebbe di entrare con i pantaloncini corti o con scollature eccessive. Ci si copre il capo a volte da noi, anche se da tempo è invalso l’uso per le donne di andare a testa scoperta.  Ma penso che siano regole già note e su cui non mi soffermo più di tanto.

Per concludere, un viaggio a Istanbul è un’avventura fantastica sia se ci si vada per turismo che per affari. In quest’ultimo caso, saper unire l’utile al dilettevole renderà il viaggio di affari sicuramente più piacevole e rilassante.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI ARTICOLI

DI COSA PARLIAMO

TAG

attivita della community

logo

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico.

Inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

I cookie necessari contribuiscono a rendere fruibile il sito web abilitandone funzionalità di base quali la navigazione sulle pagine e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non è in grado di funzionare correttamente senza questi cookie.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
rc::a Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Questo è utile per il sito web, al fine di rendere validi rapporti sull'uso del sito. Persistent HTML
rc::c Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Session HTML
cookiepolicy Travelforbusiness Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente 1 anno HTTP
login_referer Travelforbusiness Memorizza l'ultima pagina visitata per reindirizzare l'utente dopo il login 24 ore HTTP
elementor Travelforbusiness Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Persistent HTML
wordpress_test_cookie Travelforbusiness Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Session HTTP
pvc_visits[0] Travelforbusiness Questo cookie viene utilizzato per contare quante volte un sito è stato visto da diversi visitatori; a tale fine viene assegnato al visitatore un numero identificativo casuale, che consente al visitatore di non essere conteggiato due volte. 1 giorno HTTP
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
_ga Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 2 anni HTTP
_gat Travelforbusiness Utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste 1 giorno HTTP
_gid Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 1 giorno HTTP
I cookie di marketing vengono utilizzati per tracciare i visitatori sui siti web. La finalità è quella di presentare annunci pubblicitari che siano rilevanti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi di maggior valore per editori e inserzionisti di terze parti.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
IDE Google Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. 1 anno HTTP
test_cookie Google Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. 1 giorno HTTP
VISITOR_INFO1_LIVE YouTube Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. 179 giorni HTTP
YSC YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Session HTTP
yt.innertube::nextId YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt.innertube::requests YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt-remote-cast-installed YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-connected-devices YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-device-id YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-fast-check-period YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-app YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-name YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocate da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

In qualsiasi momento è possibile modificare o revocare il proprio consenso dalla Dichiarazione dei cookie sul nostro sito Web.

Scopra di più su chi siamo, come può contattarci e come trattiamo i dati personali nella nostra Informativa sulla privacy.

Specifica l’ID del tuo consenso e la data di quando ci hai contattati per quanto riguarda il tuo consenso.
logo
Cookie

Travel for business