Ryanair non vuole pagare, Altroconsumo chiede garanzie

Condividi

Lo sciopero, programmato da tempo, contrariamente a quanto sostenuto da  Ryanair, non è affatto una causa di forza maggiore e non rientra pertanto nella casistica di “circostanza eccezionale” che la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito.

132 voli della compagnia low cost  sono stati cancellati sono in Italia e lo sciopero Ryanair, ha lasciato migliaia di viaggiatori a terra.

Ad intervenire sul tema è Altroconsumo che chiede che sia garantito il pieno rispetto dei diritti previsti dal Regolamento (CE) n. 261/2004, incluso il diritto al rimborso e alla compensazione pecuniaria.

Secondo Ivo Tarantino, responsabile relazioni esterne di Altroconsumo: “I passeggeri coinvolti hanno pieno diritto di scegliere tra volo sostitutivo e il rimborso, e di vedersi riconosciuta la compensazione pecuniaria per i casi previsti. Siamo pronti a difendere i diritti delle centinaia di passeggeri che si sono rivolti a noi, nelle opportune sedi legali, insieme alle organizzazioni partner Test Achats (Belgio), OCU (Spagna), Deco Proteste (Portogallo)”.

Sul sito di Altroconsumo le modalità per reclamare il rimborso.

 

 

Sull'autore

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts

Accedi alla community

Inizia anche tu a condividere idee, competenze e informazioni con gli altri professionisti del travel e della mobilità

Ultimi articoli

Consulenza

Ebook

Prossimi corsi