Quali fattori rendono il terrorismo un rischio per i trasfertisti?

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Come è già stato per i più noti fatti di Parigi del 13 Novembre 2015 che hanno registrato 137 vittime, anche i recenti attacchi hanno giocato su alcuni punti chiave del terrorismo: il teatro urbano, la casualità delle vittime, l’economicità delle azioni. L’insieme di questi fattori determinano, perciò, un rischio assolutamente concreto per i dipendenti in trasferta di diventare vittime di tali episodi e, di rimando, per la business continuity aziendale. Il Covid-19 aggiunge ulteriore campanello d’allarme avvicinando il mondo del lavoro con l’evoluzione degli attacchi diventati rozzi e imprevedibili.

Se per i minori la responsabilità ricade sui genitori, la disciplina italiana prevede che la responsabilità dei dipendenti in trasferta spetti al Datore di Lavoro. Una responsabilità prevista dal Decreto Legislativo 81 del 2008 del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro, confermata nel 2016 dalla Commissione per gli interpelli in merito alla valutazione dei rischi e la sicurezza del personale delle compagnie aeree all’estero, e infine con il “Pacchetto antiterrorismo”, Decreto Legge 7 del 2015 emanato dopo l’attacco a Charlie Hebdo che ha introdotto nuove misure urgenti per il contrasto del terrorismo, anche di matrice internazionale.

Il Travel Risk Manager del 2020 utilizza OSINT e HUMINT…

In questo contesto si inserisce il Travel Risk Manager ruolo che, per dicitura, si occupa dei rischi che abbiano la concreta e ragionevole probabilità di verificarsi durante un viaggio d’affari.

Cosa può fare questo settore a tutela del personale viaggiante riguardo il fenomeno del terrorismo? In primo luogo, quando si analizza preventivamente il business travel occorrerà prendere in considerazione la storia del Paese di destinazione, è solo attraverso l’indagine dei dati infatti, che si può delineare un quadro generale più attendibile e concreto possibile. Lo studio degli eventi fornisce una statistica sulla tipologia degli attentati compiuti nel tempo, la modalità degli stessi, la motivazione che ne è alla base, la strategia di fondo, il tipo di targets maggiormente colpito, i mezzi e le armi usati, le date scelte per gli attacchi e i luoghi in cui vengono effettuati.

Ogni informazione che deriva da uno studio approfondito e dall’analisi di ciascun attacco terroristico fornisce al Travel Risk Manager le indicazioni utili per realizzare il miglior schema di prevenzione possibile. Saper confluire a sé quante più informazioni possibili e dotarsi di tutti gli strumenti a disposizione di OSINT – Open Source INTelligence, la disciplina dell’intelligence che si occupa della ricerca, raccolta ed analisi di dati e di notizie d’interesse pubblico tratte da fonti aperte – e di HUMINT – HUMan INTelligence, cioè l’attività di intelligence che consiste nella raccolta di informazioni attraverso i contatti interpersonali -, oppure essere in grado di creare awareness tra il personale, cioè consapevolezza e sensibilizzazione della minaccia terroristica, dovrebbero contraddistinguere ogni buon Travel Risk Manager.

La formazione essenziale per i dipendenti che viaggiano all’estero

Nella formazione di un dipendente che deve affrontare un viaggio all’estero per conto delle aziende è necessario evitare di generare in esso un terrorismo di tipo psicologico che potrebbe portarlo ad affrontare le situazioni nel peggior modo possibile. Si potrebbe invece incidere sulla sua forma mentis e portarlo, perciò, a ragionare in un’altra ottica operativa, sollecitando un atteggiamento razionale in modo che possa adottare le scelte migliori dal punto di vista della sicurezza e della prevenzione.

Analizzando il momento e le fonti a nostra disposizione, si potrebbe dire che i francesi sono attualmente la Nazione europea maggiormente minacciata da gruppi terroristici come ISIS e, dunque, è opportuno incidere su questo punto, consigliando l’ipotetico dipendente trasfertista di evitare lunghe permanenza vicino a monumenti, negozi, ambasciate, consolati, alberghi e tutto ciò che rimandi alla Francia e ai francesi nel mondo. Il terrorismo di matrice jihadista è ancora un rischio concreto per i viaggi d’affari, ma con le giuste misure di mitigazione anche le zone meno permissive possono essere raggiunte per ampliare il business aziendale.

DOTT.SSA IDA DILETTA CIARLETTA

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI ARTICOLI

PROSSIMI CORSI

DI COSA PARLIAMO

Attività della community

logo

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico.

Inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

I cookie necessari contribuiscono a rendere fruibile il sito web abilitandone funzionalità di base quali la navigazione sulle pagine e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non è in grado di funzionare correttamente senza questi cookie.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
rc::a Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Questo è utile per il sito web, al fine di rendere validi rapporti sull'uso del sito. Persistent HTML
rc::c Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Session HTML
cookiepolicy Travelforbusiness Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente 1 anno HTTP
login_referer Travelforbusiness Memorizza l'ultima pagina visitata per reindirizzare l'utente dopo il login 24 ore HTTP
elementor Travelforbusiness Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Persistent HTML
wordpress_test_cookie Travelforbusiness Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Session HTTP
pvc_visits[0] Travelforbusiness Questo cookie viene utilizzato per contare quante volte un sito è stato visto da diversi visitatori; a tale fine viene assegnato al visitatore un numero identificativo casuale, che consente al visitatore di non essere conteggiato due volte. 1 giorno HTTP
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
_ga Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 2 anni HTTP
_gat Travelforbusiness Utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste 1 giorno HTTP
_gid Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 1 giorno HTTP
I cookie di marketing vengono utilizzati per tracciare i visitatori sui siti web. La finalità è quella di presentare annunci pubblicitari che siano rilevanti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi di maggior valore per editori e inserzionisti di terze parti.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
IDE Google Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. 1 anno HTTP
test_cookie Google Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. 1 giorno HTTP
VISITOR_INFO1_LIVE YouTube Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. 179 giorni HTTP
YSC YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Session HTTP
yt.innertube::nextId YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt.innertube::requests YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt-remote-cast-installed YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-connected-devices YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-device-id YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-fast-check-period YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-app YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-name YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocate da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

In qualsiasi momento è possibile modificare o revocare il proprio consenso dalla Dichiarazione dei cookie sul nostro sito Web.

Scopra di più su chi siamo, come può contattarci e come trattiamo i dati personali nella nostra Informativa sulla privacy.

Specifica l’ID del tuo consenso e la data di quando ci hai contattati per quanto riguarda il tuo consenso.
logo
Cookie

Travel for business