Come comunicare e lavorare con successo con altre culture

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Voler comunicare bene è sempre una sfida. Non è facile essere efficaci nella comunicazione con altre persone. Ma se due persone con una base culturale diversa entrano in comunicazione, la situazione diventa ancora più complessa.

Cultura e il modo di comunicare

La parola ‘cultura’ viene spesso usata per riferirsi alle manifestazioni artistiche di un paese o di un gruppo sociale. Pensate ad esempio al ‘Bonus Cultura’ del 2016 per i 18enni del governo Renzi.
Nel contesto della comunicazione interculturale si fa riferimento, invece, ad un significato molto più ampio del termine: si intende l’insieme di significati condivisi di un gruppo sociale,  ossia il modo in cui il gruppo percepisce il mondo, classifica le cose, costruisce la realtà attribuendo senso agli avvenimenti, alle relazioni e alla vita.

Penso che molti che operano in un contesto interculturale abbiano qualche volta vissuto un’esperienza di sorpresa o frustrazione simile alla seguente:  “Pensavo di esser stato chiaro, di aver capito il senso della discussione e di aver raggiunto un accordo …  ma ora scopro che loro hanno una percezione completamente diversa sui risultati e degli accordi presi.  Che ………!”

Nei vari paesi del mondo le persone comunicano in modo diverso. Ogni gruppo sociale sviluppa pratiche comunicative riconosciute valide nel proprio gruppo ma non è detto che un determinato modo di comunicare abbia la stessa efficacia al di fuori del gruppo. Ecco perché prendere qualcosa per scontato in una situazione interculturale è davvero rischioso. E’ molto più facile essere fraintesi o mal interpretare il messaggio ricevuto; un rischio dietro l’angolo. Quando si lavora con persone provenienti da altre culture, saper riconoscere e lavorare con tali differenze costituisce una competenza estremamente utile.

Ma come possiamo sviluppare maggiore competenza nella comunicazione interculturale?

Diversi anni fa durante un colloquio informale, il direttore vendite di una multinazionale che seguiva direttamente i suoi uffici commerciali in tutto il mondo, mi ha spiegato il suo approccio:  aveva comprato un libro in cui si dedicava ad ogni paese un preciso capitolo in base alla sua importanza.  Ogni capitolo forniva un’introduzione alle abitudini locali e dava informazioni e notizie culturali quali le principali feste, le regole di galateo, cenni storici e particolarità rispetto alle pratiche comunicative e negoziali di quel paese.  Il suo libro conteneva un capitolo sulla Russia, sulla Cina, sull’India, sulla Spagna, l’Argentina e così via. Prima di ogni viaggio di lavoro leggeva attentamente il capitolo relativo al paese che avrebbe visitato. Era molto soddisfatto della soluzione che aveva trovato perché gli permetteva di essere più efficace nelle trattative con clienti in tanti paesi diversi.

Il suo metodo è da considerarsi lodevole, perché conoscere meglio i valori e norme comportamentali della cultura altrui aiuta senza dubbio a creare una relazione di business di successo.
Tuttavia mi domando se tutto questo è sufficiente…

Assorbire una serie di informazioni relative ad un’altra cultura,  garantisce un miglioramento del proprio agire con le persone di tale cultura?

Per spiegare questo dubbio vorrei proporvi due riflessioni.

La prima è che, per quanto utile, c’è comunque un limite a quello che un libro come sopra può offrire. Pensiamo a un paese come l’India: un paese così vasto con tante lingue e etnie al suo interno. Siamo sicuri che coprirà tutte le eventualità? E quanto ci aiuterà se la controparte sarà un tecnico Indiano che ha studiato 6 anni negli Stati Uniti? Può darsi che non corrisponda assolutamente allo stereotipo sul popolo Indiano in merito alla sua percezione flessibile del tempo. Le possibilità rimangono così vaste che dipenderà molto dalla propria capacità personale di gestire in modo flessibile la situazione comunicativa che ci troviamo davanti.

La seconda riflessione è legata al fatto che per comunicare, ovviamente, bisogna essere almeno in due. Di conseguenza, le conoscenze che possiamo accumulare in merito alla cultura di provenienza della controparte riguarda solo metà degli attori attivi nell’interazione. L’altra metà siamo noi stessi. Anche il nostro personale modo di comunicare è influenzato dalla propria appartenenza culturale. Ma non è detto che ne siamo davvero consapevoli.

Questo è però molto importante, perché, quando si lavora con altre culture, si può inconsapevolmente essere soggetti alla tendenza di considerare la propria cultura superiore all’altra.
E’ in parte l’effetto della condizione che sulla propria cultura siamo, per forza di cose, molto più informati. Conosciamo più dettagli e così ci può sembrare anche più raffinata e sofisticata.  La cultura dell’altro, meno conosciuta, specie se di un paese lontano, sia geograficamente sia linguisticamente, ci può apparire più blanda e meno elaborata e forse anche meno ‘giusta’.

Comunicazione interculturale Travel for businessIn aggiunta, dato che siamo cresciuti nel contesto della propria cultura, l’abbiamo interiorizzata: le sue abitudini e i suoi valori sono diventati nostri. Questo ci porta a vivere quei comportamenti, che sono espressione della nostra cultura, come del tutto normali. Magari anche nei modi migliori possibili: “Questo nostro metodo è il modo migliore di condurre una riunione di progetto, perché è chiaro, razionale,  evita frustrazioni ed evita di ritornare più volte sulle stesse questioni” …   Altri comportamenti non appartenenti alla propria cultura, possono essere vissuti come ‘anormali’ e di conseguenza giudicati meno validi. Con le migliori intenzioni i propri valori vengono promossi a valori assoluti oppure a ‘verità’.

Il rischio dell’etnocentrismo

Si tratta di una specie di etnocentrismo che ci condiziona inconsapevolmente:  anche se concettualmente possiamo comprendere che i comportamenti diversi vengono considerati più che accettabili nella cultura della controparte (come il mio amico direttore vendite l’ha potuto evincere dal suo libro!), non è automatico che la nostra reazione emotiva sia positiva e che riusciamo ad accettare emotivamente le diversità.

Se poi gli interessi in gioco sono alti e si lavora sotto pressione, è facile che l’altro modo di agire venga rifiutato e la comunicazione risulti bloccata.

La chiave della comunicazione interculturale risiede in noi stessi

La conoscenza dell’altro, dunque, non è a mio avviso l’unico piano su cui lavorare per migliorare la propria competenza di comunicazione interculturale e costruire relazioni efficaci.

La chiave per comunicare e lavorare con successo con altre culture risiede in noi stessi. Richiede un lavoro più profondo, un accrescimento della consapevolezza dei propri condizionamenti culturali e della capacità di attribuire pari valore a modalità diverse di agire.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ULTIMI ARTICOLI

PROSSIMI CORSI

DI COSA PARLIAMO

Attività della community

logo

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico.

Inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.

I cookie necessari contribuiscono a rendere fruibile il sito web abilitandone funzionalità di base quali la navigazione sulle pagine e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non è in grado di funzionare correttamente senza questi cookie.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
rc::a Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Questo è utile per il sito web, al fine di rendere validi rapporti sull'uso del sito. Persistent HTML
rc::c Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Session HTML
cookiepolicy Travelforbusiness Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente 1 anno HTTP
login_referer Travelforbusiness Memorizza l'ultima pagina visitata per reindirizzare l'utente dopo il login 24 ore HTTP
elementor Travelforbusiness Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Persistent HTML
wordpress_test_cookie Travelforbusiness Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Session HTTP
pvc_visits[0] Travelforbusiness Questo cookie viene utilizzato per contare quante volte un sito è stato visto da diversi visitatori; a tale fine viene assegnato al visitatore un numero identificativo casuale, che consente al visitatore di non essere conteggiato due volte. 1 giorno HTTP
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
_ga Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 2 anni HTTP
_gat Travelforbusiness Utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste 1 giorno HTTP
_gid Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 1 giorno HTTP
I cookie di marketing vengono utilizzati per tracciare i visitatori sui siti web. La finalità è quella di presentare annunci pubblicitari che siano rilevanti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi di maggior valore per editori e inserzionisti di terze parti.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
IDE Google Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. 1 anno HTTP
test_cookie Google Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. 1 giorno HTTP
VISITOR_INFO1_LIVE YouTube Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. 179 giorni HTTP
YSC YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Session HTTP
yt.innertube::nextId YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt.innertube::requests YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt-remote-cast-installed YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-connected-devices YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-device-id YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-fast-check-period YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-app YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-name YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocate da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

In qualsiasi momento è possibile modificare o revocare il proprio consenso dalla Dichiarazione dei cookie sul nostro sito Web.

Scopra di più su chi siamo, come può contattarci e come trattiamo i dati personali nella nostra Informativa sulla privacy.

Specifica l’ID del tuo consenso e la data di quando ci hai contattati per quanto riguarda il tuo consenso.
logo
Cookie

Travel for business