Business Travel: ripensare i viaggi aziendali con il trasporto via terra, sostenibilità e bleisure

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

I viaggiatori d’affari stanno tornando sulle strade e nei cieli, ma i programmi e le politiche di viaggio aziendali stanno tenendo il passo con il modo in cui i viaggi d’affari avvengono ora? Con il ritorno crescente dei viaggi aziendali e delle riunioni di persona, le aziende devono riflettere su come implementare o re-implementare i propri programmi di viaggio, soprattutto per quanto riguarda il trasporto via terra.

Questa è la premessa del rapporto – “ The Corporate Travel Comeback: The Evolution of Ground Transportation and Other Trending Business Travel Topics ” – che si basa su un’indagine realizzata su Travel Manager americani e canadesi e realizzata insieme a Uber for business.

“I viaggi aziendali sono in aumento. Uber ha visto che le corse aeroportuali rappresentano il 13% delle prenotazioni lorde di mobilità nel primo trimestre del 2022, con una crescita del 166% rispetto allo scorso anno”, ha affermato Susan Anderson, Global Head di Uber for Business. “Mentre sempre più aziende passano a flussi di lavoro ibridi e di persona, è importante che le aziende reimmaginino i loro programmi e politiche di viaggio, in modo che siano adattati a questa nuova era di attività in cui operiamo. La nostra speranza è che i risultati di questo rapporto possono fornire ai travel manager e ad altri nel settore dei viaggi d’affari le informazioni e i dati di cui hanno bisogno per implementare programmi di viaggio efficienti ed efficienti che superano i requisiti di un mondo che cambia”.

Il rapporto rileva che i travel manager che emergono dalla pandemia sono concentrati su alcune considerazioni chiave quando si tratta di evolvere i programmi di viaggio d’affari nelle loro aziende: sicurezza dei viaggiatori, conformità alle politiche e sostenibilità. Rispetto a due anni fa, il 75% dei datori di lavoro è più concentrato sulla sicurezza/benessere dei viaggiatori, il 55% è più concentrato sulla sostenibilità/responsabilità sociale e il 53% è più concentrato sulla conformità/applicazione delle politiche di viaggio.

“Mentre ci siamo spostati attraverso la pandemia, i viaggi d’affari e i viaggiatori sono cambiati e quindi i programmi di viaggio aziendali devono evolversi di conseguenza. Questa ricerca mette in luce alcune delle considerazioni importanti e ponderate che si verificano tra le aziende e i dipartimenti di viaggio aziendali quando si tratta di servire i dipendenti che viaggiano per affari che vanno avanti”, ha affermato Suzanne Neufang, CEO di GBTA.

Portare i viaggiatori d’affari dal punto A al punto B e ovunque nel mezzo

Pensando all’attuale approccio della loro azienda alla gestione del trasporto via terra, gli intervistati hanno identificato alcuni dei principali punti di forza dei loro programmi di viaggio, nonché notevoli aree di miglioramento.

  • Ridesharing e auto a noleggio sono in cima alla lista . La maggior parte dei travel manager afferma che i dipendenti della propria azienda utilizzano “frequentemente” auto a noleggio (82%) e app di ridesharing (70%) durante i viaggi di lavoro, ma meno della metà (48%) afferma che i dipendenti utilizzano frequentemente i taxi.
  • Andando premium . La maggior parte delle polizze di viaggio almeno a volte consente il trasporto con autista/servizio di auto nere (74%), il ridesharing premium (68%) e le auto a noleggio premium/di lusso (51%). Circa un terzo afferma che i dipendenti della propria azienda “a volte” o frequentemente” utilizzano il trasporto con autista (36%) o il ridesharing premium (30%).
  • La metà dei programmi di viaggio (49%) ha attualmente un account business con una piattaforma di rideshare e un terzo (35%) lo prenderebbe in considerazione. Le caratteristiche più importanti citate dai travel manager sono state la rendicontazione (76%), l’integrazione con le piattaforme di spesa (69%) e la capacità di applicare le policy aziendali (62%).

Viaggi di lavoro in evoluzione per le persone e per il pianeta, nonostante i costi

  • Fare della sostenibilità una priorità . La stragrande maggioranza (84%) afferma che la sostenibilità è almeno in qualche modo importante nella progettazione del programma di viaggio della propria azienda, con il 50% che afferma che è molto o estremamente importante.
  • Delle aziende intervistate, il 73% sta monitorando o valutando la possibilità di tracciare gli sforzi per la sostenibilità del trasporto terrestre.
  • Anche se i programmi di viaggio danno la priorità alla sostenibilità, non tutti sono disposti a sostenere costi aggiuntivi significativi per ottenere risultati più sostenibili. Solo il 6% degli intervistati afferma che la propria azienda attualmente consente ai dipendenti di spendere di più in opzioni di viaggio sostenibili e un ulteriore quarto (26%) sta valutando la possibilità di consentire ai dipendenti di spendere di più.

Affari e tempo libero

  • Affari e tempo libero, meglio insieme . Il 90% degli intervistati afferma che i dipendenti sono più (30%) o ugualmente interessati (60%) ai viaggi bleisure, aggiungendo giorni di ferie ai loro viaggi di lavoro, rispetto ai tempi pre-pandemia. E sebbene il 36% affermi che la politica di viaggio della propria azienda consente espressamente viaggi bleisure, il 49% non lo fa, ma i dipendenti sono spesso autorizzati a fare questi viaggi nella pratica.

La gestione dei pasti in nota spese e nella travel policy

  • L’impatto dell’inflazione sui pasti . I prezzi dei pasti stanno aumentando a causa dell’elevata inflazione. Mentre quasi un terzo degli intervistati (29%) afferma che la propria azienda ha aumentato il limite di spesa o giornaliero per i pasti, un numero maggiore (56%) afferma che questi sono invariati rispetto allo scorso anno fiscale o solare.
  • La consegna del cibo è qui per restare . Più della metà (55%) dei travel manager afferma che i dipendenti della propria azienda almeno a volte utilizzano app per la consegna di cibo durante i viaggi di lavoro e il 32% si aspetta che i dipendenti le utilizzino più di quanto facciano oggi.
  • La maggior parte dei programmi di viaggio (52%) ha già o prenderebbe in considerazione l’idea di avere un account business con una piattaforma di consegna di cibo. Le caratteristiche importanti per i travel manager sono l’integrazione con il software per le spese (74%), la rendicontazione (72%), la possibilità di ordinare pasti di gruppo (66%) e la capacità di applicare le politiche aziendali (64%).

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.