Share This Post

Non categorizzato / Travel management

The European House Ambrosetti e le previsioni economiche al Biz Forum 2019

Si è aperto oggi 20 novembre il Biz Travel Forum 2019 presso il MiCo – Milano Convention Center con il moderatore Nicola Porro, introducendo la prima parte della manifestazione relativa alle previsioni dell’andamento economico in Italia per il 2020. L’Amministratore Delegato e Managing Partner di The European House Ambrosetti, Valerio De Molli, ha presentato i dati della ricerca relativa agli scenari economici e alle aspettative finanziarie del nostro Paese, sulla base delle correlazioni esistenti tra economia e viaggi d’affari. Si tratta di un modello statistico-econometrico multivariato del database Uvet dal quale l’Uvet Travel Index  stima l’andamento dell’economia dalle dinamiche dei viaggi d’affari.

Il Big Data statitistico

Ora vediamo le previsioni dell’Uvet Travel Index cercando di sottolineare alcuni passaggi. Dal punto di vista tecnico si sta parlando di un Big Data di 20 milioni di osservazioni statistiche in 10 anni, con una solida base scientifica e una forte valenza tecnica. Le tipologie di dati sono la frequenza dei viaggi, la destinazione, gli hotel, la tipologia del servizio, il settore del cliente, la classe del servizio, di oltre 1000 aziende del portafoglio Uvet di riferimento. Un big data statistico molto importante quello della ricerca di The European House – Ambrosetti, afferma Valerio De Molli. Andando ad analizzare i dati delle proiezioni è chiaro come emerga l’inflazione per macro settore. Si nota come il costo di alcuni servizi e prodotti tra cui alcool, tabacchi, trasporti, alimentari, servizi ricreativi, abbia aumentato largamente la media in Italia, mentre il Business Travel Managed si è di fatto dimezzato nell’arco del decennio. Questo va a dimostrare il grande risparmio per i portafogli dei Business Traveller accumulato negli ultimi anni, di oltre 4 miliardi di euro. Dichiara Valerio De Molli “grazie alla capacità d’informazione e della digitalizzazione che Uvet ha messo in campo sul piano della modernizzazione dell’offerta”.

Come funziona l’Uvet Travel Index?

Il modello econometrico ulteriormente aggiornato e migliorato nel 2019 è uno strumento ancora più affidabile nello scenario di incertezza italiano. In questo quadro vanno considerate le due componenti dinamiche, il parametro legato all’evoluzione del Pil per catturare l’effetto trascinamento del trimestre precedente e il parametro legato al trend dei dati UVET per sfruttare la corrispondenza tra il trend del Business Travel Managed e il Pil all’interno dell’equazione. Oggi di fatto la variazione dell’Uvet Travel Index espone al 95% i cambiamenti del Pil, con un anticipo di tre 3 mesi rispetto alle statistiche Istat, tenendo conto anche dei minimi momenti di divario rispetto ai dati ISTAT. La correlazione rispetto a questo macro fenomeno con un algoritmico econometrico, Uvet Travel Index, è in grado di fornire una proiezione con margine di errore medio inferiore allo 0,1. E’ chiaro che questo modello funziona a parità di fattori riuscendo a dare una lettura molto accurata. Ovviamente se cambia lo scenario macro esterno, con l’introduzione di altri fattori quali tasse e dazi, ecc., il contesto può variare visibilmente.

Previsioni di crescita verso nuove opportunità

Secondo le proiezioni dell’Uvet Travel Index del 2019 si prevedeva un andamento di crescita reale del +0,1% del Pil reale, che non si allontana molto dalla panoramica odierna. Ma attendiamo le ultime statistiche ufficiali Istat del prossimo mese…

Per terminare la prima parte del Biz Forum 2019 in base alle proiezioni Uvet Travel Index, l’Amministratore Delegato e Managing Partner di The European House Ambrosetti – Valerio De Molli, dichiara il tasso di crescita del Pil stimato al 2020 allo 0,5% per il terzo anno di seguito, portando l’Italia come fanalino di coda dell’Europa. La proiezione, ricorda Ambrosetti, “aiuta a riflettere” citando una frase di Winston Churchill:

Un pessimista vede una difficoltà in ogni opportunità, un ottimista vede un’opportunità in ogni difficoltà”.


Share This Post

2 Comments

  1. Grazia Maria Giordano

    Grazie per la sintesi, Silvia! La trovo più concreta e meglio strutturata dell’originale fatta dal vivo! Complimenti!

    Reply
    • Grazie mille Maria Grazia! Sono felice che sia arrivato un messaggio chiaro e costruttivo!

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>