Share This Post

Travel tips

Raggiungere Airport Express Oslo con nuovi treni

Si è svolto recentemente, nei pressi di Oslo, il lancio di una nuova flotta di treni per Airport Express Oslo (noto come Flytog). Il treno è arrivato come un grande spettacolo di fuoco d’artificio. I media locali si sono imbarcati per primi, per scattare foto ad un treno “incontaminato”, e poi è stata la volta di altri partner commerciali e dello staff Flytog che sono saliti per dare un’occhiata.

I nuovi treni Oaris EMUs, gli stessi di Heathrow Express e Airport Express Hong Kong costruiti da CAF in Spagna,  sono stati inviati a Velim nella Repubblica Ceca per l’accumulo di miglia, all’Arsenale di Vienna per i test climatici e poi in Germania per testare la loro velocità massima.

Se non si considera il Maglev di Shanghai, Flytog è l’espresso per l’aeroporto più veloce: questo perché, quando è stato approvato il nuovo aeroporto di Gardermoen, il parlamento norvegese aveva  dichiarato che si dovesse  raggiungere l’edificio del Parlamento (lo Storting) per l’aeroporto in 19 minuti , lo stesso tempo che aveva impiegato per raggiungere il vecchio aeroporto di Fornebu.

Il treno – il primo di otto set di quattro macchine da consegnare, con l’ultimo che arriva a dicembre, ha lo stesso aspetto grigio metallo massiccio con una decorazione minimale come l’attuale flotta. Con lo stesso produttore, gli utenti disattenti potrebbero non rendersi conto di essere sui nuovi treni.

Servizi Speciali per i viaggiatori che vogliono raggiungere l’aeroporto di Oslo Flytog

Sono, invece, molto presenti speciali servizi per le persone con modalità ridotta, come ad esempio lo spazio d’imbarco che permette l’ingresso facilitato ad una sedia a rotelle, inoltre dispone di notevole spazio per bici e passeggini e sono molti i sedili ribaltabili.

Tutti i sedili si trovano di fronte a una pila di bagagli – una tradizione Flytog di lunga data – e ci sono anche generosi scaffali. I posti sono generalmente 2 + 2 – un mix di stile aereo e quattro di fronte all’altro.

Ogni sedile ha un bracciolo in legno, anche se quello centrale è a doppia larghezza per due persone. Sotto quel bracciolo ci sono due porta-bicchieri, una presa di corrente e due prese USB. La capacità dei posti a sedere è praticamente la stessa dei vecchi treni: la maggior parte dei sedili è reclinabile.
Inoltre, c’è un ufficio e un negozio ad uso dello staff di bordo.

I nuovi treni integreranno, non sostituiranno, i vecchi, quindi ci sarà un aumento significativo della capacità. Apparentemente i produttori della vecchia flotta non hanno più presenza in Scandinavia, quindi i ricambi sono molto difficili da ottenere – quindi uno o due set possono essere cannibalizzati per tenere in corsa le loro sorelle! Vecchio e nuovo non possono accoppiarsi, anche se entrambi i tipi possono essere eseguiti in più.
I nuovi treni saranno in servizio nella prima parte del prossimo anno.


Share This Post

Andrew Sharp
Over 30 years experience in the transportation industry - mainly the rail industry in the UK. For 14 years Director-General of the International Air Rail Organisation, a world-wide group of organisations across the air and rail industry with an interest in rail links to airports. Retired in 2012 and now their Policy Adviser. Masters degree in Transportation and Traffic Planning from the University of Birmingham, and Member of the Chartered Institute of Logistics and Transport. Member of the Transportation Research Board’s Committees on Passenger Intermodal Facilities and Airport Terminals and Ground Access and their Aviation Sustainability Sub-Committee, and the Aviation Policy Group of the Chartered Institute of Logistics and Transport.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>