Share This Post

Business destinations

Come distinguere le zone e le aree di business degli Emirati Arabi Uniti

Come distinguere le zone e le aree di business degli Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti costituiscono un paese ricco di opportunità in termini d’investimento, con un quadro legale semplice e flessibile, burocrazia minima ed un ambiente fondamentalmente tax free.
La presenza sul territorio di numerose zone ed aree dedicate a specifici settori ne è, infatti, la conferma.  Tra le principali si contano le zone industriali, le zone economiche specializzate ed i parchi tecnologici. Da queste, si sviluppono aree settoriali particolarmente variegate ed in grado di rispondere alle esigenze di qualsiasi tipo di business, sia nel mainland (onshore) che nell’ambito delle free zones (per maggiori chiarimenti sulla distinzione tra mainland e free zones, si rimanda all’articolo https://www.travelforbusiness.it/2017/07/04/business-negli-emirati-arabi-uniti/).

Zone industriali

Le zone industriali sono aree adibite alla conduzione di attività principalmente legate al settore manifatturiero, alimentare, petrolifero, ma anche commerciale e logistico.

Sono solitamente allocate in aree distinte e lontane dal centro urbano, ma prossime ad infrastrutture aeroportuali, portuali o  autostradali.
Questo consente loro di offrire servizi integrati in un’unica area delimatata, creare un business network tra le imprese e ridurre l’impatto ambientale e sociale delle attività industriali.

Tra le zone industriali più importanti degli Emirati Arabi Uniti si annoverano quelle di Ras Al Khor, Al Quoz e Mussafah nel mainland, mentre tra le free zones non si possono non citare Jebel Ali Free Zone, Khalifa Port Free Trade Zone o Ras Al Khaimah Free Trade Zone.

Zone Economiche Specializzate degli Emirati Arabi Uniti

Le zone economiche specializzate sono aree disciplinate da una legislazione economica che differisce da quella vigente a livello locale, al fine di attrarre maggiori investimenti stranieri.

Gli EAU hanno diverse zone economiche specializzate, tra cui emerge quella di ZonesCorp dell’Emirato di Abu Dhabi, la quale offre incentivi economici agli investimenti quali la riduzione dei costi infrastrutturali, supporto amministrativo, procedure di approvazione semplificate ed aree residenziali per i lavoratori.

Le compagnie situate in suddette zone sono comunque oggetto di regolamentazione dell’ordinaria normativa in materia commerciale degli Emirati (incluso il requisito minimo del 51% di partecipazione del cittadino emiratino alla società).

Parchi Tecnologici

I parchi tecnologici sono aree situate in zone essenzialmente periferiche delle città emiratine e che raggruppano aziende specializzate nel settore dell’alta tecnologia e dell’informatica, oltre ad essere sede di alcune istituzioni accademiche.
Uno dei più importanti parchi tecnologici degli EAU è TechnoPark, situato nel cuore della zona industriale di Dubai. Con un’area di oltre 21 milioni di metri quadri, ambisce ad attrarre i più grandi investitori industriali che vogliono accedere al mercato degli EAU e del GCC.

Attualmente, Technopark è sede di alcune delle compagnie di più alto profilo a livello mondiale specializzate nell’industria tecnologica e petrolchimica, facendone uno dei più grandi hub industriali di tutto il Medio Oriente.

Oltre alle zone ed aree di business di cui sopra, è possibile praticare variegate attività attinenti alla sfera commerciale e dei servizi, sia nel mainland che nelle free zones.

Queste ultime, in particolare, offrono la licenza per condurre attività nei settori dell’educazione, scienza, ricerca, salute, aiuti umanitari, commercio, logistica, finanza, consulenza, energia sostenibile, comunicazione, media ed IT.​

Aprire una società negli Emirati Arabi Uniti è, dunque, particolarmente conveniente data l’ampia possibilità di scelta tra le zone ed aree di business in cui operare ed investire.

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterEmail this to someone

Share This Post

Mara Di Marco
Laureata cum laude presso la facoltà di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” ed in possesso del Master di II livello in Tutela Internazionale dei Diritti Umani, mi sono trasferita negli Emirati Arabi Uniti nel 2014 a seguito della mia assunzione presso un’azienda europea di energie rinnovabili, in cui ho ricoperto incarichi gestionali-amministrativi. Parlo fluentemente l’inglese, il francese e lo spagnolo, ho una conoscenza intermedia della lingua araba, oltre a principi nozionistici della lingua turca e russa. Dal 2016 ricopro l’incarico di Direttrice Generale di UAEstablishment, società italiana di consulenza aziendale di cui sono la fondatrice.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>