Travel Security Management – prima parte

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Colui che conosce solo il proprio lato della questione, ne conosce ben poco. (John Stuart Mill)

Parte Prima del mio racconto sulla gestione della sicurezza per i viaggi di lavoro: Travel Security Management

Ogni anno milioni di viaggi di lavoro vengono organizzati: turisti e viaggiatori d’affari lasciano le loro case ed i loro abituali luoghi di lavoro, viaggiano e ritornano a casa, senza incidenti. In generale si può dire con certezza che viaggiare in paesi stranieri non è mai stato più sicuro di oggi. Tuttavia, anche se milioni di viaggiatori rientrano senza incontrare problemi, una piccola percentuale di questi si trova a fronteggiare situazioni di pericolo dovute a gravi situazioni di Safety o di Security.

Security e Safety non sono che le due facce della stessa moneta: se durante un viaggio all’estero si verifica un incidente di security è probabile vi siano conseguenze di safety e viceversa.

RISCHI DI SAFETY RISCHI DI SECURITY
Minacce alla salute (virus, malattie, incidenti con animali, epidemie). Attività criminali (furti, rapine, rapimenti, aggressioni e stupri)
Condizioni meteo (uragani, alluvioni, terremoti, caldo/freddo eccessivi…) Terrorismo (attentati, minacce di attentati)
Incidenti: cadute, scivolamenti, incidenti automobilistici Traffico (di armi, droga o di esseri umani).

Una domanda che spesso mi viene posta da viaggiatori di ogni tipo è: Chi è responsabile per queste situazioni?

A chi viaggia per turismo rispondo spesso che in definitiva – come nella vita – bisogna badare a sé stessi, informandosi sui rischi, mantenendo un basso profilo e prendendo sempre le dovute precauzioni.
Ma durante i viaggi di lavoro il concetto giuridico anglosassone di Duty of Care sta trovando un utilizzo estensivo nella giurisprudenza italiana ed europea.

La risposta per le aziende e le organizzazioni che hanno una personalità giudica è diversa: il Datore di lavoro è responsabile della opportuna valutazione dei rischi presenti in ogni viaggio di lavoro, della formazione e informazione dei citati rischi ai propri viaggiatori e della messa in opera di opportune strategie e delle contromisure di mitigazione dei rischi e, dove rischi residui permangono, di idonei mezzi di protezione.

Le conseguenze di una mancata compliance del Duty of Care, sono ormai vere e proprie spade di Damocle, a seguito delle ormai assodate normative sulla responsabilità giuridica di impresa (in Italia vedi legge 231[1])e dalla pubblicazione di importanti sentenze di condanna[2]. ( [1]https://www.officinagiuridica.it/cosa-e-legge-231/ [
2
]https://www.repubblica.it/cronaca/2019/01/22/news/bonatti_manager_libia_condannati-217190906/).

Sia nelle aziende più grandi e strutturate – che si sono dotate di Security Manager dedicati – che in quelle più piccole, il Travel manager si trova sempre più coinvolto negli aspetti di gestione del rischio.

Del resto, chi scrive la Travel Policy?

Chi si occupa per l’azienda dell’organizzazione dei viaggi? Chi sceglie le compagnie aeree, gli alberghi da utilizzare?

La Travel policy ed il processo di autorizzazione dei viaggi ad esempio diventano la pietra d’angolo dei programmi di mitigazione di viaggio: la Travel Policy dovrebbe contenere la valutazione dei possibili rischi e delle minacce presenti nelle destinazioni, definendo requisiti di autorizzazione diversi per un consapevole processo di viaggio.

Ad esempio, in una destinazione di viaggio “a rischio” è sempre opportuno considerare la tipologia degli alberghi da utilizzare e privilegiare i servizi dell’albergo. La colazione in albergo, ad esempio per quanto costosa possa essere, in una logica ROI [1]  in un paese che presenta rischi per un viaggiatore business avrà sempre un costo basso in comparazione alle possibili conseguenze di un approccio fai da te, da parte del viaggiatore. ([1] Ritorno sull’investimento. Nel Security Management si parla di ROSI return on security investment, nel Travel Management si parla di T-ROI, ma il concetto è lo stesso).

Il viaggio d’affari ha (letteralmente) per le aziende una finalità di guadagno: che si tratti di una installazione tecnica, di un viaggio commerciale, il rischio di un incidente potrebbe mettere a repentaglio la continuità del business, la ragione stessa del viaggio.

Protocollo di Travel Security 

La Security deve essere vista come una “performance” dei processi e delle strutture organizzative: la capacità di garantire la sicurezza. Seguendo questo assunto l’adozione di un protocollo strutturato di Travel Security non solamente deve coinvolgere chi in azienda si occupa dei viaggi, ma può diventare per il Travel Manager un importante KPI di riferimento, utile per un benchmark sui diversi fornitori e per dimostrare il ritorno degli investimenti di Viaggio.

Parlando di ROI cito una interessante ricerca svolta da Ivor Terret del dipartimento di Criminologia dell’Università di Leicester e presentata quest’anno a Rotterdam in occasione del seminario ASIS EUROPE 2019.
La ricerca è stata condotta intervistando un panel di Security Manager, Travel Manager e Viaggiatori Business sull’adozione di misure di security visibili negli alberghi per capire quali effetti questo generava in termini di ROI.
Si evinceva che, in paesi dove – per motivi reale o per sovra-esposizione ai media – è maggiore la percezione dei rischi, aumenta la disponibilità del viaggiatore business a pagare tariffe più alte per avere alberghi che investono in misure di sicurezza.

% di viaggiatori disposti a pagare di più per hotel che hanno investito in misure “visibili” di security

Inoltre, la sicurezza della struttura risultava, secondo la ricerca, essere il terzo motivo di scelta dell’albergo dove il secondo era la location e la terza per importanza era la convenienza rispetto all’agenda del viaggio.
Basti pensare poi al recente caso degli incidenti del Boeing 737 MAX : le conseguenze mostrano bene quanto la stessa redditività d’impresa possa essere correlata alle performance di security.
Boeing ha perso miliardi di capitalizzazioni e faticherà molto a riguadagnare la fiducia dei viaggiatori (e degli azionisti) verso quello che era già considerato l’aereo best seller, ora messo a terra dalle compagnie di quasi tutto il mondo.

Nel calcolo del T-ROI può essere quindi utile contemplare dei KPI di Travel Security (che tengano conto dei rischi presenti nelle destinazioni di viaggio, della frequenza degli incidenti, della profilazione del viaggiatore, del rischio percepito e di quello analizzato).

Certificare la sicurezza dei viaggi di lavoro: la norma ISO 31030

L’esigenza di certificare la sicurezza del processo di travel da parte delle organizzazioni nasce dall’esigenza di poter dimostrare la sostenibilità del proprio business e l’assolvimento del Duty of Care.
Molte aziende hanno cominciato a tenerne conto nei piani e nei bilanci di sostenibilità.

Molte aziende hanno cominciato a tenerne conto nei piani e nei bilanci di sostenibilità.
La stessa ISO in questi mesi sta lavorando su un nuovo standard che tanto interesserà il settore Travel. La ISO 31030 “Travel Risk Management – guidance for organisations” è attualmente in revisione nei tavoli specialistici di tutta Europa, permetterà alle aziende di certificare il livello di maturità in termini di sicurezza del proprio programma di viaggio.
Il coinvolgimento del Travel Manager nel programma di Security dell’azienda (e viceversa) diventa un’opportunità.

Programmi di Travel Security Management permettono all’azienda diversi vantaggi:

Una gestione matura di programmi di Travel Security management aiuterà il business permettendo all’azienda di:

  • viaggiare anche in paesi difficili, perseguendo nuovi orizzonti di business laddove prima era difficile, attraverso una gestione consapevole di rischi valutati e calcolati.
  • ricevere informazioni tempestive sulle situazioni in atto e sull’esposizione agli stessi da parte del proprio personale.
  • gestire con tempismo situazioni emergenziali quali evacuazioni mediche, evacuazioni di personale da aree colpite da eventi naturali o geo-politici.
  • migliorare l’esperienza di viaggio dei business travellers rispondendo – anche in scenari difficili – ad una delle più importanti esigenze di ogni persona.

Continua a seguirmi per la seconda parte su Travel Risk Management. 

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.
I cookie necessari contribuiscono a rendere fruibile il sito web abilitandone funzionalità di base quali la navigazione sulle pagine e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non è in grado di funzionare correttamente senza questi cookie.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
rc::a Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Questo è utile per il sito web, al fine di rendere validi rapporti sull'uso del sito. Persistent HTML
rc::c Google Questo cookie è usato per distinguere tra umani e robot. Session HTML
cookiepolicy Travelforbusiness Memorizza lo stato del consenso ai cookie dell'utente per il dominio corrente 1 anno HTTP
login_referer Travelforbusiness Memorizza l'ultima pagina visitata per reindirizzare l'utente dopo il login 24 ore HTTP
elementor Travelforbusiness Utilizzato nell'ambito del tema WordPress del sito web. Il cookie consente al proprietario del sito di implementare o modificare il contenuto del sito in tempo reale. Persistent HTML
wordpress_test_cookie Travelforbusiness Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Session HTTP
pvc_visits[0] Travelforbusiness Questo cookie viene utilizzato per contare quante volte un sito è stato visto da diversi visitatori; a tale fine viene assegnato al visitatore un numero identificativo casuale, che consente al visitatore di non essere conteggiato due volte. 1 giorno HTTP
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
_ga Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 2 anni HTTP
_gat Travelforbusiness Utilizzato da Google Analytics per limitare la frequenza delle richieste 1 giorno HTTP
_gid Travelforbusiness Registra un ID univoco utilizzato per generare dati statistici su come il visitatore utilizza il sito internet. 1 giorno HTTP
I cookie di marketing vengono utilizzati per tracciare i visitatori sui siti web. La finalità è quella di presentare annunci pubblicitari che siano rilevanti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi di maggior valore per editori e inserzionisti di terze parti.

Nome Fornitore Scopo Scadenza Tipo
IDE Google Utilizzato da Google DoubleClick per registrare e produrre resoconti sulle azioni dell'utente sul sito dopo aver visualizzato o cliccato una delle pubblicità dell'inserzionista al fine di misurare l'efficacia di una pubblicità e presentare pubblicità mirata all'utente. 1 anno HTTP
test_cookie Google Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. 1 giorno HTTP
VISITOR_INFO1_LIVE YouTube Prova a stimare la velocità della connessione dell'utente su pagine con video YouTube integrati. 179 giorni HTTP
YSC YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Session HTTP
yt.innertube::nextId YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt.innertube::requests YouTube Registra un ID univoco per statistiche legate a quali video YouTube sono stati visualizzati dall'utente. Persistent HTML
yt-remote-cast-installed YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-connected-devices YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-device-id YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Persistent HTML
yt-remote-fast-check-period YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-app YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
yt-remote-session-name YouTube Memorizza le preferenze del lettore video dell'utente usando il video YouTube incorporato Session HTML
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul suo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie abbiamo bisogno del suo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono collocate da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

In qualsiasi momento è possibile modificare o revocare il proprio consenso dalla Dichiarazione dei cookie sul nostro sito Web.

Scopra di più su chi siamo, come può contattarci e come trattiamo i dati personali nella nostra Informativa sulla privacy.

Specifica l’ID del tuo consenso e la data di quando ci hai contattati per quanto riguarda il tuo consenso.
logo
Cookie

Travel for business