Sale l’occupazione alberghiera a livello mondiale

Condividi

Dall’inizio della pandemia, gli albergatori hanno dovuto ripensare molti aspetti della loro attività per adattarsi alle nuove procedure di sicurezza, soddisfare le mutevoli esigenze degli ospiti per sopravvivere in un ambiente operativo estremamente complesso.
I dati mostrano anche che il tempo di prenotazione si sta allungando, indicando una crescente fiducia dei consumatori a pianificare in anticipo.
Per gran parte dello scorso anno, quasi tutte le prenotazioni in tutto il mondo sono state fatte entro 0-7 giorni prima del viaggio.
In linea con questo, i dati di Amadeus mostrano che gli Stati Uniti, la Cina e il resto dell’Asia stanno iniziando a vedere un aumento del volume delle prenotazioni OTA, spostando il focus da una dipendenza da prenotazioni dirette nel corso della pandemia.

Cosa ci lascia la pandemia

Quando si considerano le caratteristiche della pandemia che rimarranno a lungo termine, il rapporto rivela:

  •  Le misure sanitarie rafforzate rimarranno per sempre: Più di un terzo (32%) degli albergatori pensa che avranno sempre bisogno di misure significative di distanziamento sociale, sanificazione e igiene ben visibili.
  • Riduzione a lungo termine del contatto con gli ospiti e delle pulizie durante il soggiorno: il 20% degli albergatori globali indica che limiterà al minimo l’interazione tra il personale e gli ospiti, e il 21% prevede di ridurre le attività di pulizia quotidiane a carico degli ospiti.
  • La personalizzazione potrebbe aiutare ad attraversare il divario dell’ospitalità contactless: Più di un quarto degli intervistati (30%) ha detto che la tecnologia contactless volta a supportare le esperienze personalizzate degli ospiti è uno degli sviluppi nel settore dell’ospitalità di cui è più entusiasta man mano che si esce dalla pandemia. Circa un albergatore su quattro (24%) ha dichiarato che si sarebbe rivolto alla tecnologia per supportare esperienze personalizzate, assicurandosi che il “tocco umano” dell’ospitalità non vada perso.
  • “Staycations” lavorative e investimenti per soggiorni lunghi: I cambiamenti di business più creativi, come l’offerta di “staycations” da lavoro e gli investimenti in strutture che aiutano i viaggiatori a prolungare i loro soggiorni, hanno aiutato gli albergatori a sperimentare nuove strategie per accedere a nuovi segmenti di clientela. Gli albergatori riferiscono che questi faranno parte del portafoglio a lungo termine.  

Katie Moro, Vice President of Data Partnerships, Hospitality, Amadeus afferma: “Un anno dopo l’inizio della pandemia, siamo davvero lieti di vedere i primi segnali di fiducia dei viaggiatori e una ripresa delle prenotazioni alberghiere. Ora, più che mai, i dati sono così importanti per l’intero business di un hotel, in quanto informano non solo il potenziale delle entrate, ma anche le strategie di marketing, il personale e il profilo di occupazione. Vogliamo aiutare le aziende ricettive a capire come tutti i diversi pezzi di dati si collegano tra loro. I dati sono la base che ti aiuta a costruire un piano migliore e da lì, la tua proprietà è molto più forte dalle fondamenta”

Sull'autore

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts

Accedi alla community

Inizia anche tu a condividere idee, competenze e informazioni con gli altri professionisti del travel e della mobilità

Ultimi articoli

Consulenza

Ebook

Prossimi corsi