La Regione Piemonte leader in Italia nella realizzazione della nuova rete di ricarica rapida per veicoli elettrici

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Dopo la presentazione ufficiale di venerdì scorso, il Progetto Atlante è subito diventato headliner. La Regione Piemonte sarà infatti il ​​punto di partenza in Italia nella realizzazione della nuova rete di ricarica rapida per veicoli elettrici nel Sud Europa.


Sono già in corso le prime valutazioni esplorative, con l’Assessorato alla Pubblica Istruzione, Lavoro, Formazione Professionale e Diritto allo Studio Universitario della Regione Piemonte, per valutare la fattibilità di una collaborazione su questo innovativo progetto, che prevede lo sviluppo della prima rete di ricarica rapida 100% veicolare- to-grid integrato (VGI) abilitato da rinnovabili e storage.

Progetto Atlante

Il Progetto Atlante risponde alle disposizioni del pacchetto Fit for 55 – adottato dalla Commissione Europea a metà luglio. I suoi obiettivi includono il raggiungimento del 100% di auto a zero emissioni immatricolate a partire dal 2035 e l’installazione di punti di ricarica e rifornimento a intervalli regolari sulle principali autostrade: ogni 60 chilometri per la ricarica elettrica e ogni 150 chilometri per il rifornimento di idrogeno.


Come spiegato in conferenza stampa, tenutasi il 23 luglio, da Carlalberto Guglielminotti (CEO, NHOA Group) e Roberto Di Stefano (CEO, Free2Move eSolutions), il progetto sarà inizialmente sviluppato nel Sud Europa, come rete aperta, e presso allo stesso tempo, la rete di ricarica rapida preferita di Stellantis e dei suoi clienti.
NHOA svilupperà e investirà nel progetto Atlante come proprietario e operatore, mentre Free2Move eSolutions agirà come fornitore di tecnologia chiavi in ​​mano.

Una grande rete di ricarica rapida in Europa

“Essere il punto di partenza del progetto Atlante per l’Italia è un’ottima notizia per la nostra Regione che ci riempie di orgoglio, anche per il fatto che questo progetto nasce da quella che un tempo era una start up torinese – ha dichiarato il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore al Lavoro Elena Chiorino – È fondamentale essere pronti e lo siamo, perché non ci sarà una ripartenza duratura per il sistema economico, senza una visione condivisa tra impresa e politica.

Una certezza da cui le nostre politiche sostenere l’occupazione, integrato con un’offerta formativa in linea con le nuove competenze richieste dal mercato e forme virtuose di collaborazione come questa. In un momento segnato da una forte spinta verso la transizione verde e tecnologica, le istituzioni devono partecipare attivamente. Noi, Regione Piemonte, siamo lieti di far parte di questo progetto che definisce un percorso importante per l’occupazione, l’innovazione tecnologica, la ricerca e lo sviluppo”.

Obiettivo del progetto Atlante


“L’obiettivo del progetto Atlante è sviluppare una grande rete di ricarica rapida in Europa, ma anche integrare sistemi di accumulo e una tecnologia che possa stabilizzare le reti elettriche nazionali, potenziando l’integrazione delle rinnovabili e il ruolo dell’Italia come leader della transizione energetica” , ha spiegato Carlalberto Guglielminotti, CEO di NHOA Group. “Siamo orgogliosi di partire dalla Regione Piemonte per portare innovazione e sostenibilità là dove tutto è iniziato per noi nel 2005 – come spin-off del Politecnico di Torino”.


“Le installazioni di ricarica rapida nel Sud Europa”, ha affermato Roberto Di Stefano, CEO di Free2Move eSolutions, “sono una grande opportunità di crescita in quanto quasi tutta la rete di ricarica rapida ‘on-the-go’ deve ancora essere implementata e rappresenta una grande opportunità per sviluppo, soprattutto in una regione centrale per l’Europa come il Piemonte”.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community