Cosa è la mobilità sostenibile aziendale e perché è importante

mobilità sostenibile cosa è

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp
L’attenzione all’ambiente, così come al territorio e alle loro comunità, è un argomento sempre più sentito dalle aziende. Anche per questo nelle imprese si parla oggi di mobilità sostenibile aziendale , ossia di tutte quelle pratiche e soluzioni che puntano a ridurre l’impatto ambientale, sociale ed economico degli spostamenti dei dipendenti. Le iniziative da adottare per rendere la mobilità aziendale più green possono essere diverse: dal car sharing all’incentivazione dell’uso di mezzi ecologici sino allo smart working. Ma serve prima di tutto operare in ottica strategica, per realizzare e gestire piani di mobilità aziendali efficaci: oltre a migliorare la sostenibilità, supportano il raggiungimento di precisi obiettivi, influiscono positivamente sull’atmosfera aziendale e rispondono anche a esigenze pratiche. Prima di tutto vediamo cosa si intende per mobilità sostenibile.

Che cosa significa mobilità sostenibile

Prima ancora che in azienda, la mobilità sostenibile è un aspetto sempre più presente nella vita di tutti. L’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi porta a un minore impatto ambientale nelle nostre città e nei nostri territori con benefici che impattano anche sulla sfera sociale ed economica Per quanto riguarda la mobilità sostenibile in Italia, secondo il rapporto CittàMez 2020 di Legambiente in cinque grandi città italiane – Milano, Napoli, Venezia, Bologna, Torino e Firenze – oltre un terzo degli spostamenti avviene a piedi o con mezzi di trasporto ecologici come bicicletta, tram o bus elettrico, treno, metropolitana, con mezzi in condivisione e così via. Tra queste, è Milano la città che si sta muovendo più velocemente verso l’elettrificazione dei suoi mezzi di trasporto. L’obiettivo è quello di portare tutto il trasporto pubblico locale (TPL) a emissioni zero entro il 2030. Perché questo impatto sia davvero incisivo sono necessarie politiche di trasporto integrato in grado di creare veri e propri sistemi condivisi di mezzi, piani tariffari e tecnologia per una sostenibilità urbana in grado di migliorare la vita dei cittadini. Da questo punto di vista gioca un ruolo importante anche la disponibilità di diverse tipologie di trasporti. Comprendono i mezzi di trasporto pubblici, ma anche l’offerta di mezzi in sharing come monopattini, biciclette e automobili. Insieme naturalmente a piani di mobilità sostenibile che contemplino la realizzazione di tutta una serie di interventi urbani a favore della sostenibilità. Leggi anche: Focus sulle smart city: città intelligenti per persone intelligenti 

Gli obiettivi della mobilità sostenibile aziendale

Sempre più aziende puntano a migliorare la sostenibilità degli spostamenti dei loro dipendenti. Ridurre l’impatto ambientale degli spostamenti, promuovere e sostenere comportamenti virtuosi sono alcune delle iniziative che un’azienda può intraprendere in questo senso. Ma non si tratta soltanto di questo. Raggiungere obiettivi di sostenibilità aziendale significa sì ridurre l’impatto ambientale degli spostamenti, ma puntare anche su efficienza, rapidità e servizi “smart”. E più in generale sul benessere dei dipendenti. Per questo, possono rientrare negli obiettivi di sostenibilità aziendale anche alcune iniziative di welfare legate al sostegno al reddito e all’incentivazione dell’utilizzo di mezzi ecologici. Prevedere indennità di viaggio per chi utilizza la bicicletta, compensi economici o benefit per chi non utilizza l’automobile privata sono solo alcuni esempi. Ci sono poi bisogni pratici a cui rispondere, da quelli più “banali”, ma solo apparentemente, come la gestione dei parcheggi. E migliorare la mobilità sostenibile aziendale significa anche puntare a ridurre i costi legati agli spostamenti, così come accrescere la soddisfazione dei dipendenti. Politiche di mobilità sostenibile che puntano a migliorare la qualità della vita dei dipendenti sono attrattive anche dal punto di vista della customer retention, ossia la fidelizzazione dei dipendenti, nonché in fase di acquisizione di nuovi talenti. Per le aziende insomma, una buona gestione della mobilità in ottica sostenibile significa un approccio articolato e orientato a soddisfare bisogni e obiettivi aziendali di diverso tipo.

Come fare in azienda

Tutto ciò si traduce, più concretamente, nella necessità delle aziende di realizzare e implementare piani di mobilità sostenibile aziendale.
Serve portare in azienda competenze organizzative e strategiche per intraprendere percorsi virtuosi in grado di sviluppare e gestire al meglio piani di mobilità sostenibile.
I progetti di consulenza in mobilità aziendale di Travel for business sono stati creati per sostenere le aziende nella creazione e gestione di piani di sviluppo su misura delle esigenze di ogni azienda. Sono pensati per migliorare i servizi e i costi di mobilità dei dipendenti e dei collaboratori, anche grazie all’uso di strumenti innovativi. Da non dimenticare anche che, secondo quanto stabilito dal Decreto Rilancio, le aziende con più di 100 dipendenti che hanno sede in città metropolitane, capoluoghi di provincia o in comuni con oltre 50mila abitanti hanno l’obbligo di redigere un piano spostamenti casa-lavoro dei dipendenti (PSCL) entro il 31 dicembre di ogni anno e di nominare un mobility manager. Lo sviluppo di un piano PSLC così come la nomina del mobility manager sono impegni che prevedono competenze specifiche. Ecco perché Travel for business propone tra i suoi servizi anche la personalizzazione della consulenza per questi importanti aspetti. Anche perché un piano spostamenti casa-lavoro è uno strumento fondamentale per organizzare tutte le iniziative di mobilità sostenibile anche per le aziende che non ne hanno l’obbligo. Permette infatti di coordinare azioni che altrimenti resterebbero isolate e poco incisive. Non basta, per fare un esempio, decidere di adottare il car sharing per incentivare l’uso di mezzi sostenibili dai dipendenti. Bisognerà prima valutare le soluzioni più adatte, poi integrarle in un piano strutturato e si può anche pensare a soluzioni più personalizzate per singoli dipendenti. Vuoi conoscere i servizi di consulenza in mobility management di Travel for business? Scopri la consulenza di Travel for business

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community