Urban Air Mobility, firmato un protocollo di collaborazione tra Enac, Enav e Save

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Con una lettera di intenti, firmata il 1 luglio, Enac (L’Ente nazionale per l’aviazione civile), Enav (società che gestisce il traffico aereo civile in Italia) e Save (società che gestisce gli aeroporti Marco Polo di Venezia, Treviso, Verona e Brescia) hanno rinnovato la loro collaborazione per lo sviluppo di servizi, tecnologie e infrastrutture dedicate all’Urban Air Mobility. L’accordo è un ulteriore passo avanti nel progetto avviato da qualche anno dall’Enac per la creazione di un ecosistema nazionale per la mobilità aerea avanzata (AAM) che coinvolga i principali player del settore.

Mobilità aerea alternativa

L’attenzione verso la mobilità aerea sostenibile è in forte crescita, anche in vista delle misure che la Commissione Europea è in procinto di presentare nell’ambito del progetto “fit for 55” con l’obiettivo di raggiungere il taglio delle emissioni di CO2 del 55% entro il 2030. 

L’obiettivo di Enac, Enav e Save è di riuscire a migliorare la qualità della vita dei cittadini nei contesti urbani attraverso la graduale implementazione di una mobilità intelligente, non solo terrestre ma anche aerea, al servizio del cittadino e della comunità. L’accordo siglato regolerà le modalità di collaborazione tra le parti e lo scambio reciproco di informazioni per l‘organizzazione e lo sviluppo di servizi di Urban Air Mobility, da integrare con le infrastrutture aeroportuali già esistenti e con il trasporto pubblico.

In particolare l’obiettivo è di sviluppare insieme uno studio che definisca la compatibilità dell’utilizzo di droni evitando interferenze con le rotte aeree. L’aeroporto di Venezia si candida a portare avanti i progetti relativi alla mobilità aerea avanzata con mezzi aerei con e senza pilota a bordo, inclusi i droni, con infrastrutture dedicate, anche in vista dei Giochi Invernali di Milano – Cortina del 2026, nell’ambito dei quali lo scalo lagunare costituirà un elemento fondamentale nell’organizzazione e nella gestione dei flussi aerei e della mobilità urbana ed extra urbana.

Cosa è la Urban Air Mobility

La Urban Air Mobility è un concetto tecnologico e operativo in fase di sviluppo che consentirà di trasportare persone, merci e forniture attraverso l’utilizzo di velivoli elettrici, particolarmente innovativi e sostenibili dal punto di vista ambientale, a decollo e atterraggio verticale, che sfruttino corridoi aerei dedicati ai loro spostamenti, in modo da ottimizzare i tempi di viaggio e da ridurre i consumi e le emissioni, migliorando la qualità della vita. Il settore si sta attualmente sviluppando in diverse direzioni. Sono in fase di studio diverse soluzioni a guida umana, ma anche tecnologie che permettono la guida pilotata a distanza sia a vista del pilota che fuori da suo campo visivo.

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community