Micro-Bleisure e App, la combinazione che sta trasformando il mondo del business travel

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

In occasione del BizTrvel Forum, giovedì 28 ottobre, si è svolta la tavola rotonda dal titolo “Bleisure e App, la combinazione che sta trasformando il mondo del travel”.

Intorno al tavolo si sono trovati Laura Capasa, Head of Marketing per l’Europa di Travelport, Alessandro Petazzi, CEO e co-founder di Musement, e Antonio Labate, Director of Human Resources, Royalty & Copyright di Sony Music Entertainment.

Viaggiatore Digitale e il Micro Bleisure

Laura Capasa ha presentato alcuni dati interessanti derivati dall’ultima ricerca Travelport sul Viaggiatore Digitale che mostrano la diffusione e l’uso di app da parte dei viaggiatori, soffermandosi in particolare su di una nuova forma di turismo chiamato il micro-bleisure, ovvero quei piccoli momenti leisure che i viaggiatori d’affari si ritagliano in una giornata di trasferta, che possono essere la visita ad un museo, piuttosto che lo shopping.

Qualche numero di questo cambiamento in atto

Il 43% dei viaggiatori ha ricercato e prenotato un viaggio d’affari interamente sul proprio smartphone nell’ultimo anno, mentre il 49% usa la ricerca vocale per trovare opzioni di viaggio.

Dato sorprendente è che il 74% dei millennials è disposto a cedere i propri dati biometrici per sveltire le pratiche di sicurezza e check-in quando viaggia.

Dice Laura Capasa: “La diffusione del bleisure sta incentivando e incrementando sempre di più l’adozione delle applicazioni mobili, che riescono, molto di più dei tradizionali siti Internet, ad abbattere le tradizionali barriere tra business travel e leisure. Siamo sempre più portati ad organizzare e gestire la nostra vita tramite il nostro smartphone e delle app, questo rende ancora più facile mescolare esperienze personalizzate con momenti di business, dando al ‘bleisure’ una marcia in più.

Per le aziende del settore, questo significa che investimenti e progetti nell’ambito delle applicazioni mobili sono fondamentali per cogliere le nuove opportunità. Per questo Travelport ha creato Travelport Digital, grande specialista nello sviluppo di applicazioni mobili per imprese di viaggio. È nostra, tanto per fare un esempio, l’app mobile di easyJet, una delle più apprezzate nel settore. E quest’anno, proprio per le agenzie di viaggio specializzate nel business travel, abbiamo lanciato Travelport Trip Assist, che le aiuta a coinvolgere i loro viaggiatori in tempo reale in ogni momento dell’esperienza di viaggio, direttamente dal loro smartphone”.

Il contributo di Alessandro Petazzi è stato decisivo per capire come si stanno evolvendo le app e quali sono i flussi di acquisto dei viaggiatori. Infine, Antonio Labate ha presentato le nuove complessità dei viaggi e come la digitalizzazione e l’automazione portano benefici alle aziende.

Maggiori dettagli sulla Ricerca “Viaggiatore Digitale”

Quasi la metà degli intervistati ha prenotato e pagato per intero o parte di un viaggio tramite il proprio smartphone. La Cina è il leader globale, con quasi il 100% dei partecipanti al sondaggio che prenotano e pagano per viaggiare attraverso il proprio telefono cellulare
Nove su dieci utilizzano app per semplificarsi la vita quando arrivano a destinazione e tra queste quelle relative alle mappe, alle compagnie aeree, al meteo. I social media sono in cima alla lista dei preferiti.

In media, i viaggiatori utilizzano 10-12 app nella fase di ricerca, prenotazione e gestione viaggio del loro viaggio.
Le prime tre caratteristiche più importanti identificate dai viaggiatori sono la possibilità di cercare e prenotare voli (68%), avvisi di volo in tempo reale durante il loro viaggio (64%) e vedere un intero itinerario di viaggio in uno luogo (67%). Solo circa un quinto dei viaggiatori utilizza attualmente strumenti di gestione degli itinerari.

Le nuove tecnologie per i viaggi d’affari continuano a crescere

Oltre la metà dei viaggiatori utilizza i comandi vocali per effettuare ricerche sia durante la fase di prenotazione che durante il viaggio, con un aumento del 3% rispetto allo scorso anno a livello mondiale
In Cina e in Turchia, oltre il 70% dei viaggiatori utilizza già la ricerca vocale. Tuttavia, in Giappone e in alcune parti d’Europa, la percentuale di viaggiatori che utilizza la ricerca vocale è inferiore al 40%.

Quasi la metà di tutti gli intervistati, sia per il tempo libero (47%) che per il business (55%), ritiene che la possibilità di pagare tramite pagamento Apple / Android (Touch ID) sia importante o molto importante.

Più della metà dei viaggiatori d’affari ha chiesto di voler effettuare il check in al proprio hotel tramite un’app, piuttosto che alla reception. Il 50% desiderava anche utilizzare una chiave digitale per sbloccare la porta della loro camera d’albergo dal proprio telefono.

I viaggiatori vogliono che la tecnologia continui a semplificare e migliorare l’esperienza di viaggio.

La maggior parte dei viaggiatori ha chiesto di utilizzare la scansione biometrica per ridurre la necessità di attendere i controlli per la sicurezza, con poca differenza tra chi viaggia per lavoro (81%) e chi viaggia per piacere (75%). Oltre i due terzi dei viaggiatori pensa che le carte d’imbarco digitali rendano il viaggio molto più semplice

Nota sulla ricerca: La Travel Traveler Global Travel Research di Travelport è stata condotta online attraverso Toluna Research nell’agosto 2018. La ricerca ha riguardato 25 paesi e persone intervistate che avevano effettuato almeno un volo di andata e ritorno lo scorso anno. In totale, oltre 16.000 intervistati. Il rapporto è disponibile per il download all’indirizzo http://www.travelport.com/gdtr.

 

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community