Le travel policy funzionano?

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Secondo  uno studio realizzato da GBTA – l’associazione mondiale dei viaggi ed eventi aziendali con sede negli Stati Uniti – i  viaggiatori che prenotano al di fuori della travel policy spendono mediamente più di  2881 dollari ogni anno.

Lo studio ha esaminato il comportamento di quasi 2.500 viaggiatori d’affari e 342 travel manager degli Stati Uniti e del nord dell’Europa che avevano effettuato almeno un viaggio d’affari nei precedenti tre mesi.

Che cosa è successo?  Quali sono stati i motivi che hanno determinato un costo così alto?

Innanzitutto dobbiamo dire che la spesa maggiore è stata realizzata con le prenotazioni alberghiere. I viaggiatori d’affari che hanno prenotato autonomamente e fuori della cosiddetta “travel policy”, sono stati quasi il 20%.

Anche la spesa dei noleggi auto è stata decisiva poiché i viaggiatori hanno speso mediamente 29 dollari in più per trasferta con una spesa complessiva annua di 314 dollari.

Tutt’altra storia invece la prenotazione dei voli aerei: i viaggiatori che hanno prenotato autonomamente hanno invece ottenuto un risparmio non indifferente.

I motivi che spingono i viaggiatori d’affari a eludere le linee guida delle aziende sono legati principalmente al non adeguamento, e non aggiornamento, della Travel Policy aziendale rispetto le condizioni di mercato e le esigenze dei viaggiatori. A questo si aggiunge che molte aziende, secondo lo studio di GBTA, sono diventate più tolleranti alle violazioni della travel policy.

E poi non è più un segreto che le procedure d’acquisto sugli hotel sono poco efficienti poiché non si riesce più a stare dietro alle innumerevoli e dinamiche proposte.

Inoltre i viaggiatori d’affari che utilizzano i dispositivi mobile sono oltre il 60% e lo fanno anche durante il loro viaggio e per prepararsi alla trasferta. È normale, quindi, che loro stessi ricevano sui dispositivi una grande quantità di proposte, soluzioni e offerte per il viaggio che stanno programmando.

Realizzare una Travel Policy corretta, aggiornata e al passo con i tempi è un modo per consentire alle aziende di monitorare i costi, valutare gli andamenti della spesa e assicurare ai clienti interni, i viaggiatori, di eseguire le trasferte concentrandosi esclusivamente al business che devono realizzare.

Nuove tecnologie sono arrivate sul mercato, ma spesso non si conoscono o non si ha il tempo di apprenderle, e peggio non si effettuano i controlli dei programmi di viaggio per capire quali siano le nuove esigenze dei viaggiatori.

Se vuoi sapere di più su come si realizza una travel policy efficiente e stare al passo con i tempi, partecipa al Corso di formazione in Travel e Mobility Management.

Travel Mobility

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.