Le tendenze del business travel nella nuova normalità

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Da un’analisi dei dati delle piattaforme BizAway e Homelike sono emerse informazioni significative sull’andamento del settore dei viaggi di lavoro dopo la fase acuta del Covid-19.

Homelike evidenzia come più del 50% delle prenotazioni vengano effettuate all’ultimo momento. Una tendenza confermata da BizAway: gli utenti della multipiattaforma digitale acquistano i voli con 14-8 giorni di anticipo e prenotano gli hotel da 10 a 5-6 giorni prima della data di check-in.

Nonostante il clima di incertezza, i dati riflettono un certo ottimismo. Secondo Homelike le prenotazioni per i soggiorni temporanei sono rimaste stabili, mentre sono in aumento le trasferte internazionali: a maggio erano del 21% mentre ora raggiungono il 40%, ad indicare, come gli utenti stiano gradualmente superando il timore di viaggiare.

Tenuto conto della variabilità dei requisiti di accesso richiesti da ogni Paese, è sempre più importante per i viaggiatori poter accedere a tariffe flessibili che consentano di effettuare la cancellazione anche a ridosso della partenza. Il 25% delle prenotazioni su Homelike includono, infatti, questa condizione.

BizAway, la multi-piattaforma digitale, che opera come un’agenzia di viaggi online per il settore business, e che ha di recente integrato la tecnologia BTA di American Express, evidenzia un dato interessante sul profilo del viaggiatore: nelle ultime settimane, i CEO delle aziende stanno effettuando il 30% di viaggi in più rispetto a inizio settembre, a testimonianza della volontà, a cominciare dai “piani alti”, di ripartire con più slancio di prima.

Novità per i travel manager

Luca Carlucci, CEO di BizAway – Samuel Toribio, Regional Manager di Homelike

La nuova collaborazione di BizAway con  Homelike permette ora la prenotazione di oltre 70.000 appartamenti disponibili per i viaggi di lavoro per soggiorni superiori a 30 notti in più di 450 città europee. Servizio che si affianca ai cinque verticali come voli, hotel, treni, noleggio auto e parcheggi.

Il fenomeno appartamenti è un trend crescente per i Travel Manager. Con questo nuovo accordo hanno la possibilità di soddisfare le esigenze di alloggio temporaneo che sono aumentate a causa di nuovi progetti commerciali, delocalizzazione e assunzione di nuovo personale. Giovanni Bernardi, Head of Business Development, ha commentato: “In questo periodo di incertezza, una delle nostre priorità è far sì che i viaggiatori recuperino la fiducia e si sentano sicuri quando viaggiano”.

 

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Travel for business