La Travel Policy è anche in bici: regole e informazioni per aggiornarla

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Sono sempre più frequenti i Travel Manager che realizzano in azienda Travel Policy in linea con i principi della mobilità sostenibile. Uno strumento, come già raccontato più volte, che nel tempo si è adattato e plasmato, e oggi funge sempre più come linea guida per i viaggiatori d’affari  per le buone pratiche di comportamento da tenere in trasferta e per gli spostamenti casa lavoro.

Se anche tu stai pensando di aggiornare la tua Travel Policy considerando tra i mezzi suggeriti dall’azienda la bicicletta, ecco qui di seguito alcuni preziosi suggerimenti che devi sapere e che puoi condividere con il personale viaggiante della tua società; la bicicletta è infatti un veicolo sottoposto a precise regole del Codice della Strada e conoscerle bene permette di viaggiare in modo più sicuro!

Buono stato di manutenzione della bici ed equipaggiamento obbligatorio

Così come per le vetture personali, è a cura del conducente verificare il buono stato di manutenzione. Infatti è obbligatorio che la bicicletta abbia freni funzionanti su entrambe le ruote, due pneumatici, un campanello e luci per le segnalazioni visive che devono essere bianche o gialle sul davanti e luci o catarifrangente rosso sul retro. Anche i pedali devono essere dotati di catarifrangente in questo caso di colore giallo e i lati devono essere ben segnalati visivamente.

Oltre all’equipaggiamento obbligatorio possono essere molto utili alcuni accessori, come ad esempio il casco e lo specchietto, utile installarlo a sinistra.

Pedalare in sicurezza

Se si sta viaggiando fuori dai centri abitati è obbligatorio indossare un giubbotto (tipo quelli del soccorso in strada per le vetture) o anche delle bretelle catarifrangenti.

Se si viaggia in compagnia fuori dai centri abitati non è mai possibile procedere affiancati; bisogna procedere solo in fila indiana.

Anche in città bisogna ricordare che è obbligatorio procedere su un’unica fila. Solo se la strada è sufficientemente larga è possibile procedere affiancati ma mai in numero superiore a due.

Quando la bicicletta va condotta a mano

La bicicletta va condotta a mano ogni volta che si rischia di creare un pericolo o intralcio alla circolazione dei pedoni. Questo vuol dire che la bici va condotta rigorosamente a mano quando si attraversano le strisce pedonali!. Invece i pedoni non dovrebbero mai passeggiare (sopratutto con il naso all’insù) sulle corsie preferenziali adibite alle biciclette. Infatti le bici, quando esiste una pista ciclabile, devono obbligatoriamente percorrere quelle e non possono occupare altri spazi della strada.

Ci sono, inoltre, molti spazi, aree, zone in centri urbani che vietano la circolazione o ingresso alle biciclette. E’ quindi responsabilità del conducente verificare i cartelli stradali o le indicazioni dei regolamenti comunali.

Forse non tutti sanno che agli incroci le biciclette vanno condotte a mano!. Infatti, in mancanza di un semaforo, si deve scendere dalla bici e comportarsi come un pedone.

….infine ricordate che il manubrio va condotto sempre almeno con una mano.

Comportamenti vietati in bicicletta

Spesso si pensa, erroneamente, che utilizzando un mezzo non a motore ci si possa permettere comportamenti diversi da quelli che sono in uso ad esempio con la conduzione di un’automobile. Pedalare una bicicletta è condurre, a tutti gli effetti, un veicolo su strada. E per questo che anche la bici è sottoposta a precise regole.

Ad esempio è vietato pedalare sotto l’effetto di bevande alcoliche.

Anche in bici è vietato utilizzare dispositivi elettronici o audio come cellulari, cuffie per la musica.

Sono vietati tutti quei comportamenti che possono distrarre alla guida e causare un incidente non solo con i pedoni ma anche con altri mezzi.

Viaggiare in contromano è a volte possibile solo se esistono cartelli che espressamente autorizzano la circolazione delle bici nei due sensi di marcia. Solitamente è segnalato su strade larghe almeno 4,25 metri, in aree con limite di 30 km/h, nelle Zone a traffico limitato e in assenza di traffico pesante.

Se avete qualche dubbio o volete approfondire, vi suggeriamo anche di leggere Art. 182. Circolazione dei velocipedi, ACI

 

 

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community