Il 91% dei viaggiatori vuole il passaporto digitale

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Mentre i governi e la travel industry esaminano i benefici dell’utilizzo di passaporti sanitari digitali, il messaggio dei viaggiatori è chiaro: i passaporti sanitari digitali possono essere uno strumento vitale per far ripartire i viaggi. Questo secondo lo studio commissionato da Amadeus e realizzato da Censuswide dove più di 9 intervistati su 10 (91%) hanno dichiarato che si sentirebbero tranquilli ad usare un passaporto sanitario digitale nei loro viaggi futuri.

Sempre secondo lo studio, più di 2 viaggiatori su 5 (41%) hanno inoltre affermato che prenoterebbero un viaggio internazionale entro sei settimane dalla revoca delle restrizioni, dimostrando che la voglia di viaggiare rimane alta.

Archiviazione e condivisione dei dati, che cosa dicono i viaggiatori

Alla domanda sulla capacità di archiviazione e di condivisione dei dati sanitari digitali, i risultati mostrano:

• Poco meno di tre quarti (74%) degli intervistati sarebbero disposti a fornire elettronicamente i propri dati sanitari se ciò permettesse loro di attraversare l’aeroporto più velocemente con meno contatti fisici
• Più di 7 viaggiatori su 10 (72%) sarebbero propensi ad archiviare in formato digitale i dati sulla salute se questo consentisse loro di viaggiare in un maggior numero di destinazioni.
• Il 68% ha concordato che sarebbe più incline a comunicare i propri dati sanitari se le compagnie aeree con le quali viaggiano più frequentemente offrissero un modo per conservare i dati relativi al proprio stato di salute.

Anche se la disponibilità a condividere i dati è elevata, la travel industry deve prendere in esame le preoccupazioni dei viaggiatori circa il loro utilizzo. I tre principali dubbi dei viaggiatori riguardano:
• Rischi di sicurezza legati alla violazione delle informazioni personali (38%)
• Preoccupazioni sulla privacy riguardo a quali siano le informazioni sanitarie da condividere (35%)
• Mancanza di trasparenza e controllo sul luogo di condivisione dei dati (30%).

La app come soluzione

La ricerca ha anche analizzato quali soluzioni potrebbero contribuire ad alleviare le preoccupazioni legate ai dati sanitari digitali e ai viaggi in futuro, e i risultati hanno mostrato che:
• Il 42% dei partecipanti ha dichiarato che un’app che possa essere utilizzata durante l’intero viaggio migliorerebbe notevolmente la loro complessiva esperienza e li rassicurerebbe che le loro informazioni siano tutte in un unico posto
• Il 41% concorda sul fatto che un’app ridurrebbe lo stress da viaggio
• Il 62% sarebbe più incline a usare un’app per memorizzare i propri dati sanitari se fornita da una travel company in collaborazione con un’azienda sanitaria di fiducia.

Il sondaggio è stato condotto alla fine di febbraio 2021 dalla società di ricerca Censuswide per esplorare il sentimento dei viaggiatori alla luce di COVID-19 verso i dati sanitari digitali e la tecnologia per aiutare la ricostruzione dei viaggi. I risultati si basano su 9.055 intervistati residenti in Francia, Germania, Spagna, Emirati Arabi, Russia, India, Singapore, Regno Unito e Stati Uniti che hanno viaggiato all’estero negli ultimi 18 mesi (con un minimo di 1.000 intervistati per mercato).

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community