Decreto Mobilità: al lavoro anche con i monopattini

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Il nuovo decreto ministeriale (R.0000229.04-06-2019) disciplinerà finalmente la micromobilità elettrica in Italia. Secondo la nota del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle aree e strade, si darà il via alla sperimentazione nelle città dall’estate del 2019 che durerà da minimo un anno a massimo due anni.

Overboard, segway, monopattini elettrici e monowheel sono i mezzi presi in considerazione e il decreto stabilisce che potranno circolare sia su aree pedonali, sia su percorsi e piste ciclabili che su corsia riservata, secondo specifiche indicazioni comunali.

Il limite viene fissato a 30 Km/h, ma i monowheel e gli hoverboard saranno ammessi solo nelle aree pedonali e a velocità inferiori a 6 km/h. Nelle aree pedonali potranno circolare anche i segway ed i monopattini ma sempre entro i 6 km/h. Il controllo della velocità sarà possibile tramite dei regolatori di velocità di cui i mezzi dovranno essere dotati.

Spostamenti casa lavoro in monopattino e micromobilità

Sarà, quindi, possibile effettuare il tragitto casa – lavoro regolarmente anche con questi mezzi di trasporto, che non erano ancora stati previsti dal Codice della Strada.

I cosiddetti PSCL potranno, quindi, prevedere anche l’introduzione della micromobilità e contribuire alla riduzione delle emissioni nocive, oltre che spingere all’educare i dipendenti all’intermodalità degli spostamenti. Esempio mezzo pubblico con monopattino, oppure segway con treno ecc..

Tuttavia saranno sempre i Sindaci a decidere se la micromobilità sarà prevista nel loro comune. Infatti i paesi e le città dovranno dotarsi di eventuali corsie preferenziali, una specifica segnaletica anche in coincidenza di semafori e stop e anche dei relativi spazi per il parcheggio dei mezzi di micromobilità.

Primo e ultimo miglio, più facile grazie all’introduzione della micromobilità

Secondo l’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility, l’introduzione dei nuovi dispositivi di micromobilità “va incontro anche alle mutate esigenze espresse dagli individui e della società al giorno d’oggi. In ambito urbano, spesso non si ha bisogno di muoversi a grande velocità, specie nelle città congestionate di oggi, perché ci si sposta per brevi o brevissimi tragitti. Ciò di cui hanno sempre più bisogno invece è risparmiare tempo e denaro, nel quadro di una riduzione complessiva degli impatti della mobilità sull’ambiente e sulla salute oltreché di un utilizzo più efficiente dello spazio stradale esistente. Per questo motivo, chi si muove chiede sempre più intermodalità e soluzioni per
il cosiddetto primo e ultimo miglio, complementari all’uso dei sistemi di trasporto rapido di massa come treno, metropolitana etc.” link

 

 

 

 

Sull'autore

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ULTIMI ARTICOLI

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Rilassati, alle spese di viaggio ci pensa Soldo

DI COSA PARLIAMO

I NOSTRI SUGGERIMENTI

Attività della community