Come il Car Pooling e il Car Sharing stanno modificando le abitudini degli italiani

Come il Car Pooling e il Car Sharing stanno modificando le abitudini degli italiani

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

I cambiamenti nella società moderna, quelli che determinano delle vere trasformazioni nelle abitudini quotidiane delle persone, sono normalmente quelle azioni che sono introdotte gradualmente, in sordina ma che agiscono nel profondo e permangono come se ci fossero sempre state.
Abitudini delle quali tutti noi, non possiamo più fare a meno. Mi riferisco ad esempio alla televisione, al telefono e successivamente al telefono cellulare, a internet, alle mail e così via; nuove tecnologie e oggetti che hanno trasformato le nostre giornate lavorative e il tempo libero. Stessa cosa sta avvenendo con il car pooling e il car sharing nella mobilità delle persone.

Gli ultimi dati emersi dai recenti convegni e riportati dai maggiori organi di stampa, dimostrano come questi servizi sono utilizzati sempre di più dai cittadini.

Car Pooling aziendale

Il car pooling aziendale sta raccogliendo sempre più consensi sia tra le aziende sia tra gli utenti. Le nuove tecnologie che consentono di verificare l’effettiva presenza a bordo dell’auto condivisa dei passeggeri, favoriscono utenti e aziende all’utilizzo del sistema premiando i più virtuosi e facendo scendere per la prima volta l’utilizzo delle auto private decongestionando il traffico, riducendo di conseguenza l’emissione di CO2 nell’aria.
Jojob, l’APP Torinese del car pooling aziendale, ormai è divenuta essenziale nei Piani di Spostamento Casa lavoro di molte aziende e strumento di risparmio per i dipendenti. Nel Lazio e a Roma invece si sta sempre più affermando la piattaforma Moovit, una buona soluzione per la mobilità integrata integrando la proposta di diversi servizi.
Il fenomeno del car pooling però non si ferma a queste soluzioni, infatti, è sempre più utilizzata Bla Bla Car, per le medie e lunghe percorrenze. Conosciuta inizialmente per trovare un passaggio per i grandi eventi musicali e sportivi, oggi, vista la sua diffusione è utilizzata quotidianamente anche da studenti e pendolari.
Anche i passaggi in Bus stanno vivendo una vera e propria innovazione, tra le offerte di FlixBus e GoGobus, si possono, infatti, trovare delle tratte e percorsi non usuali, a tariffe basse alla portata di tutti.

Le evoluzioni del Car Sharing

Parlando di car sharing, dobbiamo descrivere una crescita veramente esponenziale, ormai sono più di 700mila gli utenti registrati e le auto sono in costante aumento in tutte le città. A Milano va il riconoscimento di città dalla mobilità più condivisa.
Sempre di più sono le persone, soprattutto i giovani, che non possiedono un’auto; non hanno intenzione di comprarla e se già la possiedono, stanno pensando di rinunciarvi.
Tutte le case automobilistiche, prevedendo appunto il passaggio tra il possesso e l’utilizzo dell’auto nei prossimi anni, stanno implementato un loro servizio di car sharing.
Alcune di queste come Daimler Mercedes ha introdotto delle piattaforme di car sharing tra privati, le prime sono già operative in Germania, consentendo la completa condivisione dell’auto quando non viene utilizzata dal proprietario.
Funzionalità simili sono poi introdotte nelle flotte aziendali, consentendo di noleggiare l’auto ai dipendenti dell’azienda stessa o metterle a disposizione per lo sharing alle società di leasing fuori dal servizio aziendale. Tale opportunità consentirà alle aziende di prevedere nuove entrate e di utilizzare al meglio la flotta a loro disposizione.
Come possiamo costatare le trasformazioni in atto sono epocali, la mobilità per le persone è un fattore fondamentale per la nostra società, gli spostamenti determinano: i tempi, i modi e le scelte di vita. In conformità a queste scelte noi decidiamo, dove abitare, dove lavorare, quali servizi utilizzare e di conseguenza le persone che incontriamo e cosa facciamo nel resto della giornata.

Chissà se cambiando le abitudini nei nostri spostamenti, non cambiamo anche la nostra vita?

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sommario

I cambiamenti nella società moderna, quelli che determinano delle vere trasformazioni nelle abitudini quotidiane delle persone, sono normalmente quelle azioni che sono introdotte gradualmente, in sordina ma che agiscono nel profondo e permangono come se ci fossero sempre state.
Abitudini delle quali tutti noi, non possiamo più fare a meno. Mi riferisco ad esempio alla televisione, al telefono e successivamente al telefono cellulare, a internet, alle mail e così via; nuove tecnologie e oggetti che hanno trasformato le nostre giornate lavorative e il tempo libero. Stessa cosa sta avvenendo con il car pooling e il car sharing nella mobilità delle persone.

Gli ultimi dati emersi dai recenti convegni e riportati dai maggiori organi di stampa, dimostrano come questi servizi sono utilizzati sempre di più dai cittadini.

Car Pooling aziendale

Il car pooling aziendale sta raccogliendo sempre più consensi sia tra le aziende sia tra gli utenti. Le nuove tecnologie che consentono di verificare l’effettiva presenza a bordo dell’auto condivisa dei passeggeri, favoriscono utenti e aziende all’utilizzo del sistema premiando i più virtuosi e facendo scendere per la prima volta l’utilizzo delle auto private decongestionando il traffico, riducendo di conseguenza l’emissione di CO2 nell’aria.
Jojob, l’APP Torinese del car pooling aziendale, ormai è divenuta essenziale nei Piani di Spostamento Casa lavoro di molte aziende e strumento di risparmio per i dipendenti. Nel Lazio e a Roma invece si sta sempre più affermando la piattaforma Moovit, una buona soluzione per la mobilità integrata integrando la proposta di diversi servizi.
Il fenomeno del car pooling però non si ferma a queste soluzioni, infatti, è sempre più utilizzata Bla Bla Car, per le medie e lunghe percorrenze. Conosciuta inizialmente per trovare un passaggio per i grandi eventi musicali e sportivi, oggi, vista la sua diffusione è utilizzata quotidianamente anche da studenti e pendolari.
Anche i passaggi in Bus stanno vivendo una vera e propria innovazione, tra le offerte di FlixBus e GoGobus, si possono, infatti, trovare delle tratte e percorsi non usuali, a tariffe basse alla portata di tutti.

Le evoluzioni del Car Sharing

Parlando di car sharing, dobbiamo descrivere una crescita veramente esponenziale, ormai sono più di 700mila gli utenti registrati e le auto sono in costante aumento in tutte le città. A Milano va il riconoscimento di città dalla mobilità più condivisa.
Sempre di più sono le persone, soprattutto i giovani, che non possiedono un’auto; non hanno intenzione di comprarla e se già la possiedono, stanno pensando di rinunciarvi.
Tutte le case automobilistiche, prevedendo appunto il passaggio tra il possesso e l’utilizzo dell’auto nei prossimi anni, stanno implementato un loro servizio di car sharing.
Alcune di queste come Daimler Mercedes ha introdotto delle piattaforme di car sharing tra privati, le prime sono già operative in Germania, consentendo la completa condivisione dell’auto quando non viene utilizzata dal proprietario.
Funzionalità simili sono poi introdotte nelle flotte aziendali, consentendo di noleggiare l’auto ai dipendenti dell’azienda stessa o metterle a disposizione per lo sharing alle società di leasing fuori dal servizio aziendale. Tale opportunità consentirà alle aziende di prevedere nuove entrate e di utilizzare al meglio la flotta a loro disposizione.
Come possiamo costatare le trasformazioni in atto sono epocali, la mobilità per le persone è un fattore fondamentale per la nostra società, gli spostamenti determinano: i tempi, i modi e le scelte di vita. In conformità a queste scelte noi decidiamo, dove abitare, dove lavorare, quali servizi utilizzare e di conseguenza le persone che incontriamo e cosa facciamo nel resto della giornata.

Chissà se cambiando le abitudini nei nostri spostamenti, non cambiamo anche la nostra vita?