Air France-KLM: si valutano i treni per le rotte a corto raggio

Condividi

Nel tentativo di ridurre i suoi costi e il suo impatto ambientale, il gruppo Air France-KLM sta di nuovo prendendo in considerazione la possibilità di utilizzare treni anziché aerei sulle rotte a corto raggio. Lo ha annunciato l’assemblea dei soci alla fine di maggio a Parigi.

Il gruppo ha lavorato con SNCF, il servizio ferroviario nazionale francese, per molti anni su code-share intermodali tra Parigi e le principali città francesi con il brand tgv’air. Esiste già una cooperazione aereo-ferroviaria sulla rotta Parigi – Bruxelles – Amsterdam.

L’annuncio arriva un anno dopo che la società ha confermato di considerare il TGV il suo principale concorrente sulle rotte nazionali in Francia.

I benefici finanziari sono associati a benefici ambientali.

I treni sono notevolmente più ecologici dei voli a corto raggio e la rete domestica di Air France ha operato con una perdita di 200 milioni di euro l’anno scorso.
Mentre la compagnia aerea ha richiesto vantaggi ambientali e finanziari, parte del motivo è rappresentato dagli aiuti di Stato. Il governo francese ha concordato un prestito di 7 miliardi di euro per Air France, ma ha insistito sul fatto che Air France non debba competere con i servizi TGV in cui il viaggio in treno è inferiore a 2 ore e mezza.

Ciò riguarda i voli Air France tra Parigi e Lione, in particolare Bordeaux e Nantes. Apparentemente Air France può ancora volare su queste rotte come parte di voli di collegamento verso altre destinazioni.

Circa 15 anni fa, Air France stava prendendo in considerazione la possibilità di gestire i propri treni sulla rete domestica francese e aveva discusso con Alstom sul materiale rotabile.

Sull'autore

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts

Accedi alla community

Inizia anche tu a condividere idee, competenze e informazioni con gli altri professionisti del travel e della mobilità

Ultimi articoli

Consulenza

Ebook

Prossimi corsi