Share This Post

Travel experiences

La economia del noi, la economia dell’essere umano

Stiamo ricevendo una certa quantità di colpi sia economici e a livello umano; sia per le piccole e grandi aziende; istituzioni pubbliche e private, questo ci sta costando molti soldi per affrontare questa crisi economica e globale. Il reddito sta diminuendo, i risparmi si stanno esaurendo; le spese continuano ad aumentare e la maggior parte dell’essere umano vivono nella incertezza di non sapere come sarà il domani e cosa ci aspetta del futuro.
Questo grande impatto economico sta uccidendo la parte emotiva delle persone e non sanno come affrontare questo problema e l’economia in qualsiasi settore sta uccidendo la parte commerciale solo perché c’è un ostacolo di uno, due o tre mesi, ma questo sta preoccupando alle grandi nazioni. Ti dico che questo non è vero, perché è la tua parte sentimentale ed emotiva che si sta chiudendo in un vicolo cieco ed e la “paura o il panico” che sta entrando in tutti. È arrivato il tempo di sopportare e di resistere perché tutto passa e non fermare quello che avete costruito, la vostra economia.
Alcuni paesi dovrebbero iniziare a incoraggiare e promuovere la parte agricola che è la parte principale del pilastro dell’economia di un paese. Stimolare un’economia di solidarietà ovvero un’economia del “Noi”, adottare misure che non dovrebbero solo andare nella sola direzione della salute, placare gli effetti negativi sulla produzione e sulla domanda di una crisi che sta mandando migliaia di lavoratori a casa e paralizzando l’intera produzione di molti settori.
Nel 2017 e nel 2018 ci sono state alte percentuali di decessi per influenza e raffreddore negli Stati Uniti, circa 60.000 persone sono morte e sono state infettate e avevano più di 75 anni. Quando abbiamo esaminato questi casi, è stata anche una situazione fuori controllo, i nostri cari sono scomparsi ma lo sviluppo economico di una nazione ha continuato a funzionare. E lo stesso modo della crisi dell’epidemia del Covid-19, con la differenza che questo virus non sta rispettando i confini nazionali e sta andando in giro per il mondo. Solo ora se inizia a recuperare molte persone e non significa che dobbiamo rallentare la nostra vigilanza, è molto importante mantenere l’autodisciplina, continuare ad andare avanti, non mantenere la mente pensando o immaginando in modo negativo.

Le imprese dovrebbero tornare con rinnovata energia e allo stesso tempo una rinnovata economia. Osserva dal punto di vista di una vita rinnovata, la tua famiglia ha riposato, i tuoi beni materiali come l’auto hanno riposato, le tue macchine industriali hanno riposato, la tua vita ha riposato, il tuo cervello si è riposato e quando esci da tutto questo potrai ricominciare ed implementare in economica sostenibile, tutto è possibile.

Questi eventi non metteranno la fine del mondo, al contrario, dobbiamo iniziare a mettere in moto il sistema produttivo e non limitare il tuo cervello, assumi ora l’impegno che non morirai, assume un impegno con l’umanità, assumi l’impegno con te stesso e ricomincia a incanalare l’economia globale in tutto. Non disturbare la tua vita in questo momento e non pensare agli altri, cioè alla competizione ovvero, che gli altri stanno andando avanti a te nei loro benefici economici.
È un’opportunità per continuare nella globalizzazione e nell’economia del noi, e imparare a gestire una crisi climatica, rafforzare la pace e la solidarietà tra le nazioni. Imposta i tuoi obiettivi in avanti su ciò che puoi realizzare, non indietro su ciò che non puoi cambiare e presta attenzione a questa crisi che ci insegna a osservare gli aspetti positivi e negativi del cammino delle future generazioni, della intelligenza emotiva e dei valori. Alcuni pensieri come “Non posso farlo” “Questo è impossibile” “Non ho tempo” sono idee che bloccano il percorso di uno scopo dentro di una ampia economia. Nulla ti lega tranne i tuoi pensieri, niente ti controlla tranne le tue credenze e niente ti limita tranne le tue paure.


Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>