Share This Post

Food & Fun

Cosa mangiare in Vietnam: piatti della cucina vietnamita da non perdere

Mangiare in Vietnam è un’esperienza per il viaggiatore d’affari da non perdere. Il cibo vietnamita oltre ad essere l’espressione di una tradizione culinaria e filosofica, è anche un momento di condivisione: nei ristoranti le portate ordinate non sono personali, ma degustate da tutti i commensali della tavolata. Ovunque, a tutte le ore si può bere e mangiare, ad ogni angolo delle strade ci sono caratteristici luoghi di ristoro. Il cibo è molto vario, fresco, leggero ed economico.

I piatti della cucina vietnamita sono l’esaltazione di gusti raffinati, la combinazione di sapori e colori grazie all’utilizzo di alimenti salutari e nutrienti. Il retaggio della dominazione francese e cinese ha influenzato notevolmente la cucina vietnamita.

Piatti tipici della cucina vietnamita

 

Uno dei piatti tipici della cucina vietnamita assolutamente da non perdere è il Pho, apprezzassimo dalla popolazione che lo considera un piatto nazionale e lo mangia a qualsiasi ora della giornata: è una zuppa bollente di noodles di riso, germogli di soia con carne (di pollo o di manzo) o vegetariano con il tofu, o la versione di pesce, esaltato da erbe aromatiche tra cui foglie di menta, coriandolo e lime.

La ricetta tradizionale è quella a base di carne. Altri piatti popolari sono gli involtini vietnamiti, i Goi Cuon tipici del nord del Paese, comunemente chiamati “spring roll” per la loro freschezza e serviti come antipasto: gli ingredienti utilizzati per il ripieno, nella ricetta tradizionale, sono gamberetti, verdure crude, erbe aromatiche ed avvolti nella carta di riso, vengono serviti a crudo; mentre i Banh Cuon gli involtini tipici del sud: preparati con farina di riso composti da carne di maiale, gamberetti, funghi, germogli di soia ed erbe aromatiche, vengono cotti al vapore e serviti caldi sempre come antipasto. Un altro piatto tipico è il Bo Kho, un brasato di carne cotto nel brodo di verdure ed erbe aromatiche; viene servito solitamente con noodles, riso o baguette.

Poi abbiamo la possibilità di mangiare diverse zuppe, tra cui la Bun bo Hue dal gusto agrodolce e piccante, fatta con spaghetti di riso, carne di maiale o vitella e condita con peperoncino, pepe, zenzero e cipolla con l’aggiunta di verdure e germogli di soia. Si possono scegliere anche zuppe di pesce ed infinite varianti di riso ai funghi. I Banh khoai invece sono pancake fatti con farina di riso, latte di cocco e curcuma, farciti con diversi ingredienti tra cui carne di maiale, gamberetti, lattuga, germogli di soia, basilico e coriandolo insaporito con salsa di pesce, peperoncino e succo di lime, serviti come antipasto.

 Il panino e la crêpe vietnamita

L’influenza di un passato coloniale francese ha lasciato le sue impronte nella cucina vietnamita: “baguettes” e “crepes” vengono prodotte in molte zone del Paese e fanno parte ormai della cucina tradizionale vietnamita.

Il panino vietnamita, Bành my, che si traduce testualmente con la parola “pane” è servito caldo e croccante: si utilizza una piccola baguette francese con infinite scelte nel ripieno, dal gustosissimo maiale alla griglia, alle verdure stufate, spezie e salsa piccante. Numerose sono le varianti tra cui pesce, carne di pollo e salse. È considerato un pasto veloce o uno spuntino da mangiare in strada.

Le crepes vietnamite chiamate Banh xeo, sono simili alle crepes francesi ma gli ingredienti utilizzati sono diversi: farina di riso e amido di mais, latte di cocco, acqua e curcuma al posto dell’uovo, conferendo il caratteristico colore giallo. Nella farcitura vengono utilizzati gamberi e germogli di soia o la variante con carne di manzo e scalogno saltato o con il maiale, accompagnate da una gustosissima salsa di pesce, la Nuoc cham, con aglio e peperoncino; la crêpe viene guarnita con erbe aromatiche fresche quali menta e coriandolo.

La cultura dello street food in Vietnam 

Lo street food è uno dei punti di forza della cucina vietnamita e fa parte integrante della cultura tradizionale del Vietnam: il popolo vietnamita ama stare all’aria aperta, nonostante lo smog ed il traffico.

Fermarsi a mangiare in uno dei tantissimi locali all’aperto, seduti su piccole sedie di plastica alte 40 cm sul lato della strada, è anche un modo per osservare ed incontrarsi con la popolazione locale amante della cucina di strada. Lo street food in Vietnam è anche sinonimo di freschezza: le verdure, il pesce e la carne vengono acquistati giornalmente; si può mangiare e bene spendendo pochissimo.

La scoperta dello street food per il viaggiatore d’affari in Vietnam offre l’opportunità di mangiare un piatto tipico locale, gustarsi un ottimo caffè o una birra fresca, con la possibilità di assaggiare cibo e ricette particolari che variano da regione a regione .

Cosa bere in Vietnam

Cosa si beve in Vietnam? La maggior parte dei piatti della cucina vietnamita vengono accompagnati dalla birra, anch’essa introdotta dai colonizzatori. Il produttore più importante del Paese è Bia Hoi, che significa “birra fresca” ed è la birra tradizionale del nord del Vietnam, artigianale a bassa gradazione e riconosciuta tra le birre più economiche al mondo, circa 19 centesimi per una pinta.

Un’altra bevanda tradizionale che il viaggiatore d’affari non può assolutamente perdere è il caffè. Il “Cà phe” in Vietnam è una vera e propria arte e la preparazione richiede pazienza.

Si utilizza una caffettiera particolare con la tecnica del “gocciolamento”, si attende che tutta l’acqua si trasformi in caffè. Il Paese vanta di una produzione eccellente, secondo produttore al mondo di caffè: dal gusto forte e morbido, con una nota di cacao data dal burro impiegato nella tostatura; si può bere come l’espresso con il latte, freddo nero o la versione con l’uovo: tuorlo e zucchero vengono sbattuti insieme, uniti al caffè caldo, creano una crema di zabaione.

 


Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>