Share This Post

Food & Fun

Mangiare in Turchia: cibi e piatti tipici

Mangiare in Turchia è un’esperienza da vivere con tutti i sensi. Grazie alla grande varietà di ingredienti la Cucina Turca è considerata tra le più complete, variegate e migliori al mondo.

Colori, profumi, atmosfere, l’incrocio delle culture europee e asiatiche, tra l’Islam e il Cattolicesimo ortodosso, tra gli ingredienti principali, regalati dal mare o coltivati e allevati sulla terra, si crea la cucina Turca, regalando ai palati degli avventori, sia del turista al primo incontro con il paese, sia a un buon conoscitore dell’Anatolia piacevoli sensazioni.

Il largo impiego di verdure, in primo luogo delle melanzane, sovente cucinate ripiene, la cura e la raffinatezza dei dolci e della piccola pasticceria soddisfano le abitudini e le scelte alimentari più esigenti, rimanendo sempre a cavallo tra la cucina medio orientale e quella del sud Europa. Per le carni vengono privilegiate il montone, l’agnello e il pollame.  Il mancato uso delle carni suine è dovuto al rispetto dei canoni islamici. Il pesce fresco è abbondante in tutte le stagioni. Pesce azzurro, sgombri, spigole, triglie e i frutti di mare sono i più diffusi. Il pesce spesso viene pescato e cucinato direttamente nei mercati o al porto di Istanbul sulle bancarelle. Uno di questi piatti, molto apprezzato dai turistici di Istanbul è il Balık ekmek, un panino con pesce alla griglia, cipolle e insalata.

Piatti tipici dellaTurchia

Consumare il cibo in strada ad Istanbul ed in Turchia è un’abitudine diffusa e molti dei piatti si prestano facilmente a questo utilizzo.

Il kebab, oramai molto diffuso anche in Italia e in Europa, tanto che in Germania è considerato ormai un piatto tipico tedesco, si trova nei ristoranti ma soprattutto nei tanti punti di ristoro posti agli angoli delle strade. Simbolo dello street food per eccellenza viene servito al piatto accompagnato da verdure cotte e crude, cipolla e salsa di pomodoro, arrotolato nel dürüm.  L’iskender kebap viene servito su un letto di pane tipico turco con yogurt e burro.

İçli Köfte
Köfte che significa polpetta, è un piatto turco molto diffuso ma delizioso. Esternamente rimane molto croccante mentre l’interno della polpetta la carne macinata stagionata, con aggiunta di: cipolle, prezzemolo e pinoli sono un’esplosione di gusto. 

La pizza Turca
Spesso definita erroneamente come una pizza, il Lahmacun non ha nulla a che fare con la classica pizza italiana. L’unica cosa in comune è la forma arrotondata di pasta sottile e croccante, che viene imbottita di carne macinata, limone e prezzemolo. Poi il tutto viene arrotolato per essere mangiato più comodamente.

Il mondo degli antipasti in Turchia è veramente vasto

Meze, così vengono chiamati, variano da combinazioni semplici di frutta e formaggio, a lavorazioni più elaborate. Serviti quasi esclusivamente freddi sono ideali per i vegetariani in quanto raramente contengono pesce o carne. Tra i più noti vi segnalo: il Patachan salatasi, purè di melanzane affumicate; Haydari, yogurt,menta e aglio. Chi si trova sul mar nero potrà trovare il carpaccio di tonno crudo e limone, Lakerda è il nome del piatto. Fusulye piyazt l’insalata di fagiolini e uova sode e Zeytinyangli enginar, i cuori di carciofo cucinati con l’olio di oliva, completano la selezione di antipasti.

Al ristorante poi si possono ordinare i Manti; piccoli ravioli fatti a mano ripieni di carne, cotti come da noi, bolliti, vengono serviti con una salsa a base di olio, yougurt, paprika, menta e aglio.

Le melanzane come detto sono utilizzate in diversi modi: le possiamo trovare ripiene di carne e prezzemolo, condite con pomodoro karnıyarık, oppure cucinate come polpette impanate con uovo e farina e fritte.
Il riso pilav, è la base o l’accompagnamento di molti piatti. Accompagnato con noci, carne, pesce e formaggio si presta a tante preparazioni e utilizzi. La tecnica di tostatura del riso pilav, è ormai da tempo la base di molti risotti della cucina italiana, in quanto consentendo un’ottima tenuta del cottura del riso evita che lo stesso si sfaldi mantenendo per un periodo più lungo l’integrità dello stesso.

Per chi ama la carne, vi consiglio questo piatto: Hünkar Beğendi. La carne viene servita accompagnata da purè di melanzane formaggio e riso, tagliata a cubetti. L’agnello rimane tenero e umido.

La Sambali è una torta di semolino fatta con latte o yogurt, melassa, zucchero, mandorle e succo di limone. Un

dessert molto tipico, si trova spesso sulle bancarelle in strada e in molte pasticcerie.

Le Delizie turche

I dolci più conosciuti e spesso souvenir per il rientro dalla Turchia, sono le Turkish Delight o lokum, si trovato in molti negozi in tutta Istanbul. Confetti gelatinosi aromatizzati con acqua di rose, mastice, arancia, bergamotto e limone. Tagliato e mangiato in piccoli cubetti spolverati con zucchero a velo per evitare l’adesione tra i pezzi. Colorati, attraenti con diverse varietà di gusto si integrano con altri ingredienti legati al gel come datteri tagliati, pistacchi, nocciole e noci.

Molto famoso e merita l’assaggio è il gelato. Il Dondurma è molto più consistente del gelato tradizionale italiano, forse perchè viene utilizzato un particolare mastice alimentare che lo rende più resistente alla fusione.

Il caffè turco o alla turca si presenta da solo, molto forte e consistente. Per i nostalgici si trovano nei bar caffè espresso e cappuccino all’italiana. Siate precisi se non volete che vi venga servito il caffè solubile.

Molto buono il Tè, alla mela, alla rosa e l’immancabile tè alla menta.

Si trovano anche buone produzioni di vino seppur molto care. Da evitare a meno che siate ricchi il vino d’importazione Italiano e Francese. La birra locale è ottima e si trova dappertutto. Ovviamente la comunità islamica evita l’alcol e i superalcolici, tuttavia il liquore nazionale turco il Raka si trova facilmente. Si tratta di un liquore a base di anice che si allunga e ammorbidisce con l’acqua. Viene bevuto con il pesce e gli antipasti.

Hai già avuto modo di apprezzare la cucina turca in un tuo viaggio d’affari? Raccontaci la tua esperienza! 


Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>