Share This Post

Business destinations

Viaggio in Cambogia per affari e turismo

Nonostante si tratti della nazione più piccola, una volta riconquistata la pace dopo le tragiche vicende dell’ultimo mezzo secolo la Cambogia risulta essere il paese più famoso e visitato del sud-est asiatico, anche grazie alla sola presenza di Angkor, l’antica capitale medievale i cui resti costituiscono uno dei maggiori centri artistici e culturali a livello mondiale, ovviamente protetti dall’Unesco come patrimonio dell’umanità.

Grande oltre metà dell’Italia e confinante a nord con il Laos, ad ovest con la Thailandia e a est con il Vietnam, occupa la parte meridionale del centro della penisola indocinese, in pratica un enorme bassopiano alluvionale mai più alto di 100 m tagliato longitudinalmente in due dal fiume Mekong, affacciato con 443 km di costa sul golfo del Siam e con  rilievi medio bassi sui bordi, ricoperti da rigogliose foreste tropicali e pluviali con essenze pregiate. Il clima è tropicale caldo umido e monsonico.

Il Mekong, decimo fiume al mondo, anima e autostrada del paese con una larghezza fino a 5 km e abbondanza d’acqua e di pesce (tra cui i famosi pesci gatto giganti, lunghi fino a 3 m e del peso di 300 kg, e gli ormai rari delfini d’acqua dolce) offre al centro una vera curiosità geografica: il Tonlè Sap, un lago a superficie assai variabile, capace di salire di 40 volte dai normali 250 kmq (più piccolo del Garda) ai 10.000 durante la stagione delle piogge monsoniche estive, trasformandosi da palude in un mare interno, oggi riserva Unesco della biosfera.

Una enorme pianura di risaie, grande tre quarti del paese, dove terra e acqua si alternano e si inframmezzano in continuazione. E proprio grazie alla sua enorme ricchezza idrica terra di grandi civiltà fin dall’epoca preistorica, ha subìto notevoli influenze culturali e religiose da parte dei suoi vicini, in particolare quelle indiane, induiste prima e buddiste poi, rielaborandole in una creativa cultura peculiare autoctona.

 

Cambogia, la storia

Il maggior periodo di splendore si ebbe tra IX e XV sec. con il regno Khmer, capace di estendere il proprio dominio su tutto il sud-est asiatico e di produrre una raffinata architettura monumentale, giunta quasi intatta fino a noi grazie alla protezione esercitata dalla giungla.

Grandi idraulici e ottimi agricoltori capaci di produrre tre raccolti di riso all’anno, regimentarono le acque con dighe, canali, cisterne, chiuse e bacini artificiali, costruirono strade sopraelevate e ponti, ostelli e ospedali ed edificarono imponenti città con templi, monumenti ed edifici possenti quanto stupefacenti, inni di pietra alla potenza dei regnanti e alla loro fede induista prima e buddista poi.

Angkor, la loro capitale estesa su 400 kmq con 287 imponenti edifici, all’apice popolata da un milione di abitanti, è un luogo che conserva ancora la seducente fascinazione dei siti archeologici dove l’uomo ha scritto una delle più sublimi pagine della sua storia, uno dei più importanti dell’umanità.

Un po’ quello che Roma, assai prima, è stata per l’occidente. I monumenti tramandati sono tutti templi, mausolei, palazzi imperiali e monasteri costruiti in pietra, perché la città dei sudditi era stata edificata in legno deperibile.

Per la costruzione del solo quartiere di Angkor Wat, esteso su 208 ettari, ci sono voluti 40 anni, 10 mila operai, 50 mila elefanti, 700 zattere e 4 mila carri, con tante pietre quanto per la piramide egizia di Kefren. Poi i continui conflitti con i vicini portarono a trascurare la manutenzione delle acque e la città decadde. Nel 1434 la capitale fu trasferita a Phnom Penh. E tutto intorno la Cambogia, una terra in cui l’esistenza viene regolata dalla natura, e i cambogiani ricchi solo di un senso antico e saggio della vita derivante dal buddismo, miscela di sapienza, rassegnazione e di moderazione che neppure le atrocità dei Khmer Rossi di Pol Pot sono riusciti a scalfire.

 

Cambogia oggi

Nell’ultimo mezzo secolo il popolo cambogiano (15 milioni, in stragrande maggioranza di lingua e etnia khmer e religione buddista theravala) ha subìto vicende tragiche. Dopo un secolo di colonialismo francese e l’invasione giapponese, ottenuta nel 1954 l’indipendenza è stato coinvolto in un sanguinoso conflitto con il Vietnam e poi in una guerra civile con la vittoria temporanea dei Khmer Rossi, un utopico ed efferato regime marxista capace di produrre un genocidio con 3 milioni di vittime (un quarto del totale), la maggior concentrazione di mutilati e ancora 6 milioni di mine sparse sul territorio.

 

Viaggio in Cambogia per affari 

La Banca Mondiale ha classificato la Cambogia al 171 ° posto tra le 183 economia globali in termini di facilità di creazione di una nuova impresa.

Purtroppo gli aspiranti imprenditori sono costretti ad una pletora di procedure da seguire e il numero di giorni medi per registrare una nuova attività arriva quasi a 100, oltre ad essere costosa e legata ad un sistema di corruzione e tangenti che rendono davvero ardua un’impresa.

A tutto ciò si aggiunge il sistema delle tasse che è molto elevato, e una mancanza di rispetto dei diritti umani fondamentali tra cui la libertà dei media, di espressione e libertà di riunione. Una preoccupazione assai visibile.

Tuttavia negli ultimi tempi il sistema si sta evolvendo e il governo cambogiano è molto pro business tanto che permette che la proprietà delle aziende straniere sia del 100 per cento, a differenza di alcuni Paesi limitrofi.

Una delle scelte consigliate da molti imprenditori è quella di rilevare attività locali e trasformarle. Una modalità più semplice che iniziare completamente dal nuovo.

Lavorare con un partner locale, come ad esempio un agente o un distributore, è il modo più efficace per raggiungere i consumatori cambogiani. Un partner locale può facilitare e accelerare l’ingresso nel mercato attraverso la conoscenza del mercato e delle reti consolidate. In Cambogia, le relazioni personali possono essere la chiave per le transazioni di business di successo.

 

La Cambogia offre potenziali opportunità di investimento nei settori:

 

  • trasformazione agroalimentare e prodotti alimentari;

 

  • infrastrutture turistiche;

 

  • educazione;

 

  • architettura, edilizia, e servizi di ingegneria;

 

  • articoli per la casa ed elettrodomestici;

 

  • auto usate e parti di autoveicoli;

 

  • apparecchiature di generazione di energia e la trasmissione di potenza infrastrutture;

 

  • alimenti e bevande;

 

  • prodotti farmaceutici;

 

  • e forniture mediche e attrezzature.

 

Etichette di business e Cultura d’affari in Cambogia

Il saluto tradizionale viene realizzato con le mani giunte, tenute con le punte delle dita vicine al mento ed il gesto va accompagnato con un inchino della testa.

Più differenza di status c’è tra le due persone o più benevolenza si vuole ottenere, maggiore è l’inchino che di solito si fa con la testa e più alte van tenute le mani giunte.

La persona più anziana o di status più alto risponde al saluto tenendo le mani giunte leggermente più in basso e flettendo meno il capo nell’inchino o non flettendolo affatto. Tra coetanei, persone di pari grado sociale o tra estranei di cui non si conosca il grado sociale, si usa tenere le mani giunte vicine al mento senza chinare la testa.

Tuttavia, con gli stranieri, i cambogiani sono abituati a strette di mano anche se è consigliato rispondere con il saluto che si è ricevuto.  Le donne utilizzano solitamente il saluto tradizionale cambogiano.

Scambio biglietto da visita CambogiaI biglietti da visita dovrebbero essere scambiati dopo le presentazioni iniziali. Sarebbe utile avere un lato del vostro biglietto tradotto in khmer e presentarlo al destinatario sempre e solo con la mano destra o entrambe le mani quasi come se fosse un’offerta.

Infatti, come abbiamo già visto nei precedenti articoli di molte culture orientali, la consegna del biglietto da visita è fondamentale e va gestita con rispetto.

 

I cambogiani sono comunicatori molto indiretti, ecco perché cercare di leggere tra le righe non guasterà i vostri affari.

Se i cambogiani non sono d’accordo con qualcuno rimangono in silenzio e non fanno alcun commento. Ecco che in caso di dubbi cercate di controllare almeno due volte quello che vi è stato detto o avete detto.

 

In Cambogia mostrare emozioni è considerato un comportamento negativo. La rabbia, l’impazienza o la frustrazione devono essere conservati e nascosto. Il rischio è quello di perdere la faccia….

Durante gli incontri di lavoro è consigliato parlare chiaramente, lentamente ed evitare l’uso di slang, o espressioni colloquiali.

 

Se siete stati inviati ad un pranzo di lavoro, cercate di sedervi dove vi viene indicato, per evitare di sconvolgere tutte le disposizioni gerarchiche. La persona più anziana di solito è seduta prima e inizia a mangiare prima degli altri. Pertanto non iniziate mai a mangiare fino a quando la persona più anziana lo abbia fatto. E ricordate: in Cambogia non si ama discutere di affari in contesti sociali.

 

Lingua cambogiana

Khmer è la lingua ufficiale della Cambogia utilizzata nella maggior parte dei contesti sociali, tra cui l’amministrazione del governo, l’istruzione a tutti i livelli, e nei mass media.

Le differenze regionali sono lievi e a causa di anni di dominio coloniale francese, numerose parole francesi sono state incorporate nel linguaggio.

 

Viaggio di piacere in Cambogia

Ballerina cambogianeSe siete in Cambogia per lavoro o vi state recando, vi proponiamo un interessante itinerario che parte dalla capitale Phnom Penh, ricca di edifici coloniali, dove non perdere una visita al palazzo reale, a diverse pagode e mercati, al museo nazionale e a quello del genocidio, nonché ad un Buddha in oro massiccio incastonato di 9584 diamanti, del peso di 90  kg, ed un Buddha di smeraldo e di cristallo di baccarà.

Si parte alla volta di un villaggio specializzato nella tessitura della seta, uno per la scultura su pietra e un altro nell’allevamento di coccodrilli, prima di giungere ai templi preangkoriani di Sambo Prei Kuh, antica capitale prima di Angkor e infine ai possenti monumenti della grande capitale, che permetteranno di conoscere l’organizzazione e la vita sociale di questa metropoli kmer del passato. Cambogia per Travelforbusiness

Tre giorni di visite ad Angkor, Angkor Wat, Angkor Thom e Kbal Spean, per finire con un laboratorio di seta intessuta d’oro a Siem Reap. Sulla strada del ritorno visita al tempio di Beng Mealea, situato lungo la Via Reale; qui è forte l’emozione di scoprire alcuni santuari ancora sommersi dalla vegetazione, proprio come li trovarono i primi esploratori.

 

 

L’operatore urbinate “Apatam Viaggi” (tel. 0722 32 94 88, www.apatam.it), dal 1980 specializzato in percorsi culturali con accompagnatori qualificati in ogni continente, propone in Cambogia un tour di 10 giorni dedicato principalmente all’esplorazione di Angor, con uno dei migliori rapporti prezzo/qualità esistenti sul mercato.  Partenze individuali settimanali  e  Uniche partenze di gruppo con voli di linea Singapore Airlines da Milano e Roma il 22 settembre e 28 ottobre 2016, pernottamenti in hotel 4 stelle con pensione completa, accompagnatore dall’Italia, quota da 2.200 euro in doppia tutto compreso.

 

 


Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>