Share This Post

Travel curiosity / Travel experiences

A Milano il design innovativo nell’ospitalità

Dal 16 al 22 aprile, nel cuore del Lambrate Design District, in pieno Fuorisalone 2018, sempre più ricco di eventi a corredo del Salone Internazionale del Mobile, Officina Ventura ospita Hotel Regeneration a cura dell’architetto Simone Micheli ed in partnership con Tourism Investment, PKF hotelexperts & AboutHotel.

Il titolo non può che stuzzicare la curiosità di chi per professione si occupa di ospitalità e di chi, per lavoro e piacere, gli alberghi li frequenta e potrebbe fornire utili spunti ad architetti, proprietari e gestori proprio dal punto di vista dell’utilizzatore. Ed in effetti gli organizzatori lo hanno voluto anche contenitore di dibattiti e discussioni, dedicati a sviluppatori, albergatori, gruppi alberghieri, aziende, architetti, interior designer e consulenti immobiliari.

4.000 mq da visitare interattivamente muovendosi tra le diverse sezioni-ambienti e commentandole con i fornitori che hanno realizzato alcuni tra i progetti di Micheli da lui disegnati per l’occasione: il Wine & Book Shop per la Tenuta di Artimino, la Revitalized Suite per TownHouse Hotels, il Living Apartment per Allegroitalia Hotel & Condo, la Locker Room per QC Terme Spa and Resorts; l‘Interactive Space per l’Associazione Italiana Confindustria Alberghi, l’Outdoor Suite per Melià Hotels International, le Office Area per GVA Redilco, l’area Co-working per Halldis, la Warming Space Hall per Best Western Hotels & Resorts.

Atmosfere innovative e originali soluzioni di arredo per promuovere la libertà di movimento e di espressione, le relazioni, il dinamismo valorizzando la sperimentazione, la commistione di intenti e la ricerca e raccontando il processo di riqualificazione della struttura alberghiera contemporanea e la sua esistenza futura.

Hotel Regeneration: progettualità e innovazione per l’ospitalità

Tra i momenti di incontro di Hotel Regeneration l’entusiasmo degli studenti dello IED, l’Istituto Europeo di Design – Moda e Arti Visive che con Best Western Hotels & Resorts sono stati invitati a lavorare su due ipotesi progettuali di rinnovamento per uno degli alberghi di Milano della Catena. La prima per favorire la commistione con la comunità locale ed aprirne le aree comuni ai Milanesi, applicando formule ispirate all’innovazione e alla socialità; la seconda per trovare soluzioni integrate e belle, nell’intera struttura, per chi ha difficoltà motorie e altre diverse abilità. Ispirandosi anche alla sostenibilità e all’unicità dell’esperienza. Il loro lavoro sarà parte integrante del Master e noi fruitori contiamo sulla loro creatività augurandoci che porti a risultati che siano anche comodi!

A seguire un’interessante conversazione “Destinazione Italia: experience tra reale e digitale”, sull’esperienza, vissuta e condivisa, sulla destinazione come sistema e sull’impatto delle tecnologie in tutte le fasi del viaggio. A parlarne Mirko Lalli, CEO Travel Appeal, Andrea Lamperti, Direttore dell’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano, Giovanna Manzi, CEO Best Western Italia e Isabella Maggi, Direttore Marketing e Comunicazione Gruppo Gattinoni. Ha moderato il direttore di TTG Italia Remo Vangelista.

Travel e Ospitalità, i nuovi trend fatti di competenza e semplificazione

Attraverso i loro contributi si è delineato il percorso che le aziende, in particolare del travel e dell’ospitalità, dovrebbero seguire per comunicare con successo oggi. Ascoltare e capire; raccogliere e semplificare guadagnando la fiducia di chi ci legge, e a sua volta partecipa, in una sorta di bar virtuale dove gli avventori sono innumerevoli e non tutti titolati a parlare. Ma questo non accade anche nel bar sotto casa? Certo, ma sui social il crescendo è molto più veloce e a volte incontrollabile. La competenza di chi lavora nel digitale è sempre più indispensabile così come l’utilizzo dei tanti strumenti professionali, trasferendo gli investimenti più tradizionali con oculatezza e mantenendo una relazione di continuità tra comunicazione off e on line. Pensando o ripensando la propria presenza online per accogliere il traffico dai dispositivi mobili e ottimizzando in tal senso le prestazioni del sito. Si ritorna a comprare in agenzia ma non il treno, l’aereo o l’albergo bensì il viaggio nella sua accezione più ampia, laddove la conoscenza della destinazione è il valore aggiunto ricercato dal cliente. L’intelligenza artificiale nel turismo è un supporto importante che va integrato con sagacia e prescinde dai robot che fanno notizia, come quello addetto al check-in o al servizio in camera, ma fornisce informazioni ai clienti e agli operatori sui loro gusti ed esigenze. Senza sottovalutare la blockchain, relegandola ad un fenomeno solo perché non riusciamo a capirla bene: come dice la parola, è una catena di blocchi, in grado di mettere in relazione gli individui e lo fa in modo velocissimo ed efficace senza il filtro di una terza figura o autorità centrale. Una sorta di internet delle transazioni, la rappresentazione digitale di un nuovo concetto di fiducia basata su almeno quattro pilastri decentralizzazione, trasparenza, sicurezza e immutabilità.

Qual è il comportamento dell’Italia?

E l’Italia? Un mercato altamente frammentato ed eterogeneo ma con ottimi esempi vincenti specie laddove gli operatori fanno sistema con le destinazioni. Il trend per il 2018 vede l’Italia e le località minori in crescita, scelte anche dagli Italiani che riscoprono il piacere di girare per il proprio Paese. Al termine è stato ufficialmente lanciato il premio “Italia Destinazione Digitale” ideato da Travel Appeal, nel 2018 alla sua terza edizione. Per maggiori informazioni, dal 14 maggio: destinazionedigitale.it

Concludo condividendo cosa dobbiamo migliorare secondo gli operatori Italiani ed esteri: le infrastrutture, specialmente i trasporti, e chi di noi non è d’accordo? E da ultimo, una curiosità: secondo i clienti americani una delle pecche dei nostri alberghi è la dimensione delle camere. I limiti strutturali possiamo superarli con un design ripensato che può contribuire a farle sembrare più ampie. Grazie Hotel Regeneration!

Graziella Pica

#hotelregeneration

#simonemichelievents

#lambratedistrict


Share This Post

Graziella Pica
Graziella Pica, con la sua trentennale esperienza, acquisita dirigendo reparti commerciali di strutture Italiane e uffici regionali di catene alberghiere internazionali, si colloca a pieno titolo nel novero dei nostri esperti consulenti. Specializzata nel segmento Meeting & Eventi ma soprattutto nel Business Travel, è responsabile dei moduli di approfondimento sulla contrattazione alberghiera, per singolo hotel o gruppo. Seguendo i suoi corsi si approfondisce la conoscenza della costruzione tariffaria e si comprendono le sfide e le problematiche che condizionano un efficace processo negoziale ai giorni nostri, entrando anche nel dettaglio, laddove occorra, dei meccanismi della gestione alberghiera, operativa e commerciale. Fonte di riferimento per i responsabili acquisti in ambito travel, in aziende ed agenzie, gli addetti alle vendite di struttura o gruppo alberghiero, amplia gli scenari di discussione alla sharing economy nell’ospitalità.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>