Share This Post

Travel management

La vera mansione del Travel Manager oggi e nel futuro

Ieri leggendo un articolo mi sono detto: “Questa volta non riesco proprio a trattenermi….e sono costretto a intervenire perché vorrei fare un po’ di chiarezza!”
Mi riferisco ad un articolo sul ruolo del Travel Manager che è apparso in rete qualche giorno fa e dove leggo che una scuola di Vimercate, un istituto tecnico a indirizzo Turistico, invia i propri studenti “per passare dalla teoria alla pratica” nell’ambito del progetto di formazione per “Travel Manager”, in Islanda.

Certamente, nessuno lo mette in dubbio, un viaggio in Islanda è una bellissima esperienza!

Gli stessi studenti, poi, come compito devono organizzarsi il viaggio da soli corredando il racconto successivo con immagini fotografiche; tutto ciò organizzato per partecipare a un workshop fotografico e organizzare, come guide turistiche, il viaggio ai docenti.
Esperienza già riproposta e nelle stesse modalità negli anni precedenti.
Sicuramente attività interessanti.

Ma che cosa hanno a che vedere con il vero ruolo del Travel Manager? E soprattutto che cosa hanno in comune con le mansioni e il ruolo del Travel Manager del futuro?

A questo punto mi viene il grande sospetto che i docenti non conoscano quello che stanno insegnando.
La scuola, per prima, dovrebbe identificare: ruolo, conoscenze e competenze di base dei futuri Travel Manager.

La scuola dovrebbe conoscere le diverse attività e ruoli del comparto del Turismo. La scuola dovrebbe essere in grado anche di fare chiarezza, in favore dei ragazzi che si accingono a immaginare il loro ruolo nella società professionale, di quelli che saranno i loro veri compiti. La scuola dovrebbe essere in grado di indirizzarli, secondo i loro interessi a svolgere l’attività in Agenzia di Viaggio o di Tour Operator, di divenire Accompagnatori o Guide Turistiche oppure dei Travel Manager.

Tutte le figure sopra evidenziate hanno differenze sostanziali, non solo di competenze ma anche di conoscenze e attività!
E non solo, sono figure che hanno leggi e norme specifiche che li regolamenta e che vanno seriamente identificate.
Invece, così facendo, e mettendo tutti in un unico calderone, si creano solo grandi confusioni, attese e prospettive sul futuro lavoro sbagliate e soprattutto non corrispondenti alla realtà!

Cosa non deve fare un Travel Manager

I Travel Manager, non si occupano di creare cataloghi turistici, di scattare foto con i droni, organizzare tour o di creare esperienze di viaggio.
Tanto meno emettere biglietti aerei e prenotazioni alberghiere.
Sono innanzitutto dei Manager (gestori anche di persone) e per tanto sovraintendono a queste attività.
Si occupano di tutti gli aspetti della mobilità aziendale e dei viaggi di lavoro (business travel) all’interno delle aziende. Ed è un Travel Manager chi è in grado ad esempio di:

  • Governare i costi dei viaggi di lavoro, incidendo sulla spesa magari trattando con i fornitori della filiera
  • Generare e ottimizzare processi aziendali, automatizzando e digitalizzando le attività di booking, rendicontazione e rimborso delle trasferte
  • Redigere la travel policy e verificarne la compliance
  • Comunicare e dare informazioni
  • Gestire ed assicurare la sicurezza delle persone e dei dati.

Già da questo breve accenno comprenderete quanto è differente questo ruolo da uno che prenota i biglietti aerei….Ma non solo, aggiungo che in futuro i Travel Manager dovranno sempre più occuparsi anche dei temi legati alla mobilità integrata e sostenibile, di green policy e impatto ambientale.

Il Travel manager è una figura professionale al centro delle relazioni aziendali. Interagendo con le diverse direzioni come ad esempio gli uffici delle risorse umane, acquisti e commerciale, il Travel Manager influenza e contribuisce con la sua attività direttamente il MOL dell’azienda.

Siete sempre dell’idea che sia un mestiere che consiste solo nel fare solo i biglietti?

Allora cosa ne pensate se vi dicessi che tra i ruoli del Travel Manager rientra anche l’analisi della produttività dei viaggi di lavoro? Certo!, perché tra le sue competenze c’è anche il ROI dei viaggi d’affari di manager e venditori , considerando:

  • Come influiscono i cambiamenti in base all’intensità dei viaggi di lavoro;
  • Il livello di soddisfazione e motivazione del personale viaggiante;
  • Le informazioni ed esperienze ricavate dai clienti/ mercati,
  • ….e tanto altro!

In sostanza ha un Ruolo ben definito, indispensabile per l’azienda, che purtroppo in Italia la scuola non riesce a valorizzare e a dare quelle basi corrette di formazione professionale.

Come ho già avuto modo di scrivere in altri articoli precedenti, il Travel Manager, deve essere formato su specifiche competenze e capacità tra le quali:

  • Conoscenza dei principi di economia e di amministrazione aziendale
  • Competenze tecniche sui temi della gestione delle risorse umane ed economiche Conoscenza della geopolitica mondiale, con particolare attenzione alla multiculturalità delle società e dei popoli
  • Conoscenza dei principali software gestionali applicati al turismo e adattati alla situazione aziendale
  • Nozioni di diritto: dei cittadini, del lavoro e sui contratti in generale

Appare del tutto evidente che siamo molto distanti dal fornire le giuste basi e formare le persone nelle competenze che dovrebbero essere ricercate nel mondo di lavoro. Lavoreremo ancora perché questi argomenti siano integrati nei programmi di studio e continueremo a “combattere” e a farci sentire da chi nelle scuole e nelle università ci risponde: “non insegniamo il business travel management perché non è d’appeal”

Noi lo facciamo e continueremo a fare, perché la spesa dei viaggi aziendali si posizionata tra il secondo e il terzo posto dei costi indiretti di un’azienda. E solo persone correttamente preparate potranno offrire un vero contributo alle aziende.
Se vuoi saperne di più sulle mansioni del Travel Manager leggi qui!


Share This Post

Ivano Gallino
Curioso di tutto ciò che mi circonda, mi piace trasferire le mie esperienze e conoscenze agli altri. Nella mia attività professionale mi sono da sempre occupato di mobility e travel. Ricoprendo diversi ruoli di responsabilità, ho sviluppato competenze nel marketing, nella gestione dei processi aziendali, nella comunicazione sui social media e nello sviluppo motivazionale delle risorse umane. Formatore iscritto all'albo professionale AIF, Associazione Italiana Formatori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>