Share This Post

Travel curiosity

Regole per il trasporto di animali in aereo

Trasportare un animale su un volo aereo non è sempre così facile e  spesso impossibile o vietato. Questo sia per quanto riguarda le regole di alcune compagnie aeree, sia per le normative del paese di partenza o di destinazione.

Innanzitutto consigliamo di consultare la normativa del vettore aereo che si desidera  utilizzare e valutare se il trasporto dell’animale può avvenire in cabina o nella stiva. Anche la tipologia del trasportino può variare.

Solitamente, nel momento della prenotazione del biglietto aereo, bisognerebbe già effettuare anche quella del vostro animaletto.

Quasi tutte le compagnie aeree richiedono che il vostro animale sia dotato delle certificazioni che attestino i vaccini obbligatori.  Infatti viene richiesto un passaporto europeo, fornito e compilato da un veterinario, che permette di identificare l’animale e attesta che è stato regolarmente vaccinato. Inoltre cani e gatti che viaggiano nell´Unione Europea devono essere identificati con un chip elettronico.

Far viaggiare un animale verso l’Irlanda, Svezia, Regno Unito o Malta richiede inoltre condizioni sanitarie supplementari, mentre nei paesi fuori dall’UE sono spesso previste norme particolari che arrivano anche alla quarantena del vostro “amico di compagnia”.

Di norma le compagnie aeree di linea accettano cani di piccola taglia o gatti che non superino gli 8 kg, trasportati all’interno della propria gabbietta. Per animali considerati “aggressivi” può essere richiesto un trasportino speciale a prova di morso.

Gli animali invece di grossa taglia possono viaggiare in stiva in appositi contenitori, conformi secondo la normativa IATA.  L’animale deve poter stare in posizione eretta e potersi girare senza difficoltà all’interno del suo spazio. Il contenitore, di materiale atossico,  non deve far fuoriuscire materiale posto all’interno come ad esempio carta o coperte e non deve avere angoli appuntiti, spigoli o punte che possono in qualche modo ferire l’animale. Se il trasportino ha le ruote, potrebbe esservi chiesto di toglierle al momento dell’imbarco. I punti di aerazione sono almeno sui tre lati e ricordatevi di togliergli il guinzaglio per evitare che, durante il viaggio, possa rischiare di soffocare.

Inserite nel contenitore un oggetto (innocuo) o il suo giocattolo preferito perché possa non soffrire durante il volo. Magari, già qualche giorno prima di intraprendere il viaggio, abituatelo a stare un po’ per volta nel trasportino, così da non avere un brutto impatto la prima volta che lo inserite.

Ci sono poi dei medicinali che possono tranquillizzare il vostro animale durante il viaggio. Eventualmente chiedete sempre consiglio al veterinario per la corretta somministrazione.

Le compagnie aeree invece low cost generalmente accettano cani esclusivamente per l’assistenza del passeggero. In questo caso il cane guida deve essere affiliato a specifiche organizzazioni, in particolare per l’accesso nel Regno  Unito e in Irlanda. Per gli altri Paesi è sempre bene consultare il sito della compagnia aeree o quello dell’aeroporto di destinazione.


Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>