Share This Post

Business destinations

Piani ambiziosi per gli aeroporti di Bangkok.

Ci sono piani ambiziosi per gli aeroporti di Bangkok.
Il principale aeroporto internazionale di Suvarnabhumi attualmente gestisce 45 milioni di passeggeri all’anno dalle sue due piste. Un nuovo terminal di centrocampo è attualmente in costruzione per portare la capacità fino a 60m: questa è descritta come fase 2. La fase 3 aggiungerà una terza pista e porterà il flusso fino a 90m passeggeri: la fase 4 aggiungerà un secondo terminale satellitare per portare la capacità a 105m . Infine, una quarta pista porterà la capacità a 150m.
Tuttavia i tempi di realizzo sono ancora incerti.

Cosa vedere a Bangkok in aeroporto

Se hai un’ora disponibile, vale la pena visitare il museo dell’aeroporto in un imponente edificio di fronte all’edificio del terminal principale. Ha solo nove camere, ma ti offre la storia dell’aeroporto e del suo sviluppo, oltre allo sviluppo dell’aviazione in Thailandia.

Come molti aeroporti, Suvarnabhumi è quasi sulla costa ed è molto basso: uno dei reperti spiega in modo completo l’idrologia locale e come funziona il sistema di drenaggio delle acque superficiali.

Don Muang, l’aeroporto più vecchio che si rinnova

Fino all’apertura dell’aeroporto di Suvarnabhumi nel 2006, Don Muang, aperto a nord della città nel 1914, era l’aeroporto della città. Questo vecchio aeroporto è diventato gravemente inadeguato per il traffico e la sua sostituzione è stata costruita ad est della città.

Don Muang ha chiuso per un po’ di voli commerciali, quindi ha riaperto principalmente per i vettori a basso costo a causa del continuo aumento della domanda. Oggi ha subito una grande trasformazione. Il vecchio terminal è stato modernizzato ed è ampiamente utilizzato per il traffico internazionale, e un nuovo scintillante secondo terminal è stato aperto principalmente per i voli nazionali. Questo ha tutto ciò che ti aspetteresti da un aeroporto nuovo di zecca: un sacco di negozi, una vasta gamma di punti di ristoro, alcuni spazi per uffici condivisi e alcuni dormitori.

Il terminal internazionale vede voli da tutta la regione – Cina, Vietnam, Giappone – e le schermate di visualizzazione delle informazioni sui voli non sono solo in tre lingue ma in tre script (inglese, tailandese e cinese).

C’è una grande autostrada sopraelevata che porta in città, con una nuova strada sopraelevata per il traffico sul lato opposto della vecchia linea ferroviaria a livello del suolo da Bangkok a nord. Tuttavia, il traffico a Bangkok – in particolare il centro – è terribile! L’aeroporto è servito dalla ferrovia, ma al momento il servizio è lento (impiega circa un’ora), irregolare (a volte con grandi spazi tra i treni) e utilizza treni diesel molto vecchi. Tuttavia, è in costruzione una nuova linea elettrificata e questo dovrebbe trasformare il servizio.

Avrà due stazioni all’aeroporto: una (Don Muang) appena a sud di quella attuale, e una nuova più a sud a Kan Kheha per servire il futuro Terminal 3. Verrà costruito un sistema di spostamento automatico delle persone per collegare i tre futuri terminal e parcheggi.

Il terzo aeroporto di Bangkok

Un terzo aeroporto è in programma per Bangkok, presso la base aerea navale di U Tapao, 200 km a sud. È descritto come un aeroporto in eccesso. Questo sarà collegato a Suvarnabhumi, il centro città (Makkasan), il futuro hub di trasporto integrato (Bang Sue Grand Station, a nord della città) e Don Muang tramite un collegamento ferroviario ad alta velocità. Questo utilizzerà la ferrovia aeroportuale esistente di Suvarnabhumi che è elettrificata e funziona su binari a scartamento normale (a differenza del resto delle Ferrovie dello Stato della Thailandia – SRT – rete che è a gasolio e utilizza binari a scartamento).

La città ha un’impressionante metropolitana e una rete ferroviaria urbana elevata, in procinto di essere ampliata in modo significativo. Una nuova sezione della Blue Line, con alcune stazioni molto belle (Sunum Chai, quella che serve il Museo del Siam, ha alcune bellissime decorazioni a livello dell’atrio – decorazione che riflette l’arte e l’architettura storica tailandese), inaugurata a settembre. Un’altra fase è l’apertura a marzo e un’ulteriore estensione è prevista successivamente. E questa è solo una fase: 10 linee sono in programma per la città.


Share This Post

Andrew Sharp
Over 30 years experience in the transportation industry - mainly the rail industry in the UK. For 14 years Director-General of the International Air Rail Organisation, a world-wide group of organisations across the air and rail industry with an interest in rail links to airports. Retired in 2012 and now their Policy Adviser. Masters degree in Transportation and Traffic Planning from the University of Birmingham, and Member of the Chartered Institute of Logistics and Transport. Member of the Transportation Research Board’s Committees on Passenger Intermodal Facilities and Airport Terminals and Ground Access and their Aviation Sustainability Sub-Committee, and the Aviation Policy Group of the Chartered Institute of Logistics and Transport.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>