Share This Post

Mobility Management

Uber Jump per un nuovo modo di viaggiare in città, anche per lavoro

È ormai noto che le biciclette e gli scooter elettrici alleviano i problemi di congestione del traffico e le emissioni nocive. E lo sa bene anche UBER che è pronta a rendere più accessibili soluzioni di trasporto meno inquinanti.

Secondo la nota stampa della società,  un importante progetto è appena partito in Germania con l’introduzione delle bici elettriche JUMP che, grazie al sistema di pedalata assistita, permettono di offrire un servizio completamente elettrico. Un modello che si affianca ai servizi di Uber Green e che sono accessibili dalla stessa app di Uber per l’acquisto di corse dai driver.

Si tratta di un servizio nuovo introdotto in Europa, non con poche difficoltà;  negli Stati Uniti  è già decollato in diverse città.

Il sistema funziona come il servizio di una “classica” società di car sharing dove , attraverso la app, si possono vedere le disponibilità di biciclette elettriche nelle vicinanze, prenotarla e sbloccarla con un codice al momento dell’utilizzo. Una funzionalità che è supportata da un sistema di blocco e GPS integrato.

I prezzi cambiano però da città a città. Ad esempio, negli Stati Uniti si passa dall’addebito di circa 2 dollari per i primi trenta minuti ad 1 euro.

La bicicletta è inoltre dotata di un sistema lucchetto che può essere legata a qualsiasi rastrelliera pubblica. Tuttavia le difficoltà di un sistema di deposito, parcheggio o aree di sosta dedicata a questi servizi nelle città rende difficoltosa  l’avanzata della bicicletta in sharing, che dovrà necessariamente avvenire con l’adeguamento delle norme e dei requisiti previsti dai singoli comuni.

E in Italia, quando sarà previsto il servizio Uber Jump?

Ne aveva parlato qualche tempo fa il noto quotidiano Il Sole24Ore  che aveva osato indicare che “l’Italia è il prossimo Paese scelto da Uber per il suo servizio di bike sharing”.

L’introduzione nel nostro Paese ben si integrerà con i piani di spostamento casa lavoro ( PSCL) e per la mobilità aziendale, se prevista. La app di Uber potrà, magari, consigliare anche percorsi alternativi e più veloci per le biciclette elettriche o offrire suggerimenti di integrazione con i mezzi di trasporto pubblico. Quello che è  certo questa modalità permetterà di offrire un risparmio notevole in CO2 e anche di costi aziendali per la mobilità breve e del primo e ultimo miglio nelle grandi città.

Come funziona?

Abbiamo scovato in rete questo interessante video che mostra alcune delle funzionalità importanti del servizio Uber Jump.


Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>