Share This Post

Travel curiosity

Il business di Airbnb si evolve. Ora le case per gli affitti le costruiscono

Siamo abituati a pensare che con la “sharing economy” si possa accedere ad un bene o ad un servizio senza un vero e proprio vincolo di possesso.

Su questa “filosofia economica” molti big del mercato hanno fatto la loro fortuna, grazie alla capacità di mettere a disposizione, con una modalità tecnologica evoluta, proprietà di altri a molti.

E su questa modalità abbiamo cambiato, man mano, anche la nostra comprensione del senso di proprietà, di accesso e utilizzo, tanto che sono molti i progetti delle nuove startup che si basano su questa linea. (Per la precisione 195 nel biennio 2016-2017 che hanno ottenuto almeno un round di finanziamento, con un importo complessivo di quasi 4 miliardi di dollari.( vedi articolo Sole24ore))

Negli ultimi anni, anche il settore del Business Travel ne è stato coinvolto, trovandosi a dover dialogare con nuovi attori e con nuove modalità di relazione commerciale.

Me se tutto questo cambiasse?

E se la “sharing economy” fosse solo una “modalità” per alcune aziende di affermarsi in nuovi contesti o con un nuovo modello di business?

Una riflessione che viene dall’apprendere che Airbnb ha presentato recentemente un nuovo progetto, denominato Backyard, che si basa sul business della progettazione di case.

Secondo quanto ho letto sulla stampa internazionale, Airbnb non si limiterà più a fornire solo soluzioni di alloggio, ma vere e proprie soluzioni di case. Non solo un “marketplace” ma un vero e proprio produttore di spazi per alloggiare.

Forse una naturale conseguenza delle restrizioni che la società ha subito la scorsa estate con la limitazione, prima a New York e poi in altre importanti città internazionali, di far affittare ai proprietari appartamenti ai turisti per brevi soggiorni?

Sta di fatto che il nuovo progetto di Airbnb sembra essere ancora più ampio: stiamo vedendo la trasformazione di una società tecnologica verso una realtà di noleggio a breve termine di suoi spazi.

E dove il concetto di spazio non è quello a cui siamo soliti a pensare; ed è qui che sta la vera rivoluzione: con Backyward, Airbnb valuterà nuove tecniche di realizzazione degli edifici (o spazi su misura personalizzati) con dispositivi connessi e un concetto di casa intelligente più adattabile a chi si muove per turismo, anche d’affari.

Se si voleva impedire ad Airbnb di far affittare ai proprietari le loro seconde case per i soggiorni brevi …nessun problema, ora ci pensano loro direttamente a costruirle e a noleggiarle.

Buon Business Travel

Share This Post

Condividiamo esperienze del viaggiare per affari.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>