Share This Post

Travel curiosity / Travel tips

“Esplora” la nuova funzione di Google Maps che trasforma l’App in una guida turistica

(08/10/2018) In fase di roll out nuove funzionalità dell’App per favorire gli spostamenti dei pendolari.

Come si legge direttamente dal blog di Google  “Se ti è capitato di rimanere bloccato in un tunnel della metropolitana caldo e affollato o se sei stato bloccato nel traffico mentre desideravi di essere trasportato magicamente al lavoro, sai che essere pendolare può essere difficile”. Su questa consapevolezza gli sviluppatori hanno inserito una scheda dedicata proprio ai pendolari per facilitare gli spostamenti casa/lavoro.

Ecco in breve le principali novità: si potranno ottenere informazioni in tempo reale sul traffico, sui percorsi abituali intoppi o rallentamenti a causa di incidenti o lavori. Le indicazioni sui percorsi alternativi compresi i tempi di percorrenza. saranno disponibili poi le informazioni sui mezzi pubblici, tempi di arrivo ritardi e disponibilità di posti. Si potranno organizzare tragitti misti verificando i tempi del percorso a piedi e l’orario di partenza del prossimo treno. Arriverà anche la possibilità di poter ascoltare la musica senza uscire dall’applicazione con Google Play Music, Apple Music e Spotify.

Le nuove funzionalità previste per iniziare per 80 Paesi nel mondo saranno disponibili per sistemi Android e IOS

Chi di noi non usa periodicamente Google Maps? Tra le APP più scaricate dagli store è sicuramente tra le più amate e utilizzate in mobilità, senza nulla togliere agli utilizzi da desktop per le diverse necessità di organizzazione di viaggi, visione dei luoghi di appuntamento, calcolare distanze o per provare la sensazione di volare su città e nazioni con la funzione 3D.

La già ricchissima proposta di questa applicazione, in questi giorni si è ulteriormente ampliata con la funzione “esplora”. Possiamo attraverso una semplice ricerca trovare: locali, bar, ristoranti, eventi vicini al nostro percorso e molto altro, selezionati e filtrati a seconda dei nostri gusti e abitudini che Google sapientemente raccoglie per favorire e facilitare la nostra scelta.

In pratica Google Maps si è trasformata in una e vera propria guida turistica con tanto di proposte, valutazioni e recensioni. Sicuramente questa soluzione presenta molti vantaggi, ed assicura agli utenti la possibilità di trovare sempre qualcosa di attinente e vicino ai propri gusti.

Ma…Il gusto della sorpresa? Quello purtroppo saremo destinati a perderlo!

Seguendo sempre le indicazioni pre-confezionate non avremo più la possibilità di scoprire qualcosa che ci sorprenda, fuori dagli schemi, l’effetto Wow per la scelta di un piatto che non avremmo mai ordinato ma che da solo ha valso costo il viaggio.

Se penso, a quanti viaggi con cartina alla mano e guida cartacea dall’altra, ai giri e i km a vuoto per trovare la meta e scoprire di essere arrivati già da un po’! Oppure ai tempi in cui i “Tutto Città” valevano più della Treccani, perché erano l’unico strumento disponibile ed affidabile. Alla fine  si collezionavano come reliquie di anno in anno e nascevano scambi delle pubblicazioni delle province e delle città su un mercato parallelo tra i viaggiatori. 

Sono certo che tra di voi qualcuno ha questi ricordi, sembra siano passati secoli, ma era solo qualche anno fa!


Share This Post

Ivano Gallino
Curioso di tutto ciò che mi circonda, mi piace trasferire le mie esperienze e conoscenze agli altri. Nella mia attività professionale mi sono da sempre occupato di mobility e travel. Ricoprendo diversi ruoli di responsabilità, ho sviluppato competenze nel marketing, nella gestione dei processi aziendali, nella comunicazione sui social media e nello sviluppo motivazionale delle risorse umane. Formatore iscritto all'albo professionale AIF, Associazione Italiana Formatori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>