Share This Post

Travel tips

Rimborso per ritardo aereo: regole per ottenerlo

Durante le vacanze estive molti ci hanno scritto per sapere come comportarsi per ottenere il rimborso per voli aerei che hanno subito incredibili ritardi. Abbiamo pensato, attraverso le storie della Community, di realizzare una mini guida con le regole essenziali per ottenere il rimborso aereo in caso di disguidi.

Il primo caso è stato quello di Giulio, che quando si è recato ai  banchi del check in ha scoperto che il suo volo aveva accumulato un in ritardo mostruoso e lui ha deciso di non partire più. Che cosa dice la regola in questo caso?
Se il ritardo nella partenza è superiore a cinque ore è possibile rinunciare al volo senza pagare penali e chiedendo il rimborso del biglietto non utilizzato.

L’altro caso è quello di Silvia, con un volo per le isole greche. Al rientro, il suo volo ha accumulato più di cinque ore di ritardo, con sosta scomoda in aeroporto e figli al seguito che non ne potevano più. Anche in questo caso scatta lo stesso diritto previsto per la cancellazione che da diritto ad un indennizzo calcolato in base alla distanza coperta dal volo. In termini tecnici, seguendo le regole indicate da Enac, si può ottenere il diritto alla compensazione pecuniaria per voli con oltre tre ore di ritardo rispetto all’orario di arrivo pubblicato.

Queste regole si applicano non solo sui voli di linea, ma anche sui voli chart e low cost in partenza da un aeroporto comunitario o, nel caso di aeroporto situato in un Paese non comunitario, quando la compagnia aera sia comunitaria.

Rimborso in caso di cancellazione del volo

A Roberta è andata peggio. Il suo volo è stato cancellato. In questo caso Roberta (e i passeggeri che hanno subito un analogo disguido) hanno diritto al rimborso del prezzo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata. Come alternativa poteva accettare una riprotezione in una data successiva più conveniente, oltre che ricevere assistenza per pasti e bevande in relazione alla durata dell’attesa, una sistemazione in un albergo (con relativo trasferimento) e anche due chiamate telefoniche. In alcuni casi è possibile richiedere anche la Compensazione Pecuniaria calcolata in base alla tratta percorsa:

In quest’ultimo caso (quando venga offerta la possibilità di viaggiare su un volo alternativo il cui orario di arrivo non superi rispetto al volo originariamente prenotato rispettivamente le due, le tre o le quattro ore) la compensazione è del 50% .

Come viene pagata la compensazione pecuniaria per i voli aerei?

La compensazione pecuniaria va pagata in contanti, mediante trasferimento bancario elettronico, con versamenti o assegni bancari o, d’accordo con il passeggero, con buoni di viaggio e/o altri servizi, indipendentemente dall’ammontare del prezzo all’atto dell’acquisto del biglietto.Passare il tempo quando si viaggia per lavoro

Quando la compensazione pecuniaria non è prevista?

Ci sono alcuni casi in cui la compagnia aerea non è tenuta al rimborso – compensazione pecuniaria:

quando la compagnia aerea possa provare che la cancellazione del volo sia stata causata da circostanze eccezionali: ad esempio avverse condizioni meteorologiche, allarmi per la sicurezza, scioperi o il passeggero sia stato informato della cancellazione:

  • con almeno due settimane di preavviso
  • nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima della data di partenza e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo

con partenza non più di due ore prima rispetto all’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo quattro ore dopo l’orario originariamente previsto

  • meno di sette giorni prima e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di un’ora prima dell’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo due ore dopo l’orario originariamente previsto.

Come fare il reclamo per ritardo volo?

I reclami devono essere presentati in primo luogo alle compagnie aeree con i quali il passeggero ha stipulato il contratto di trasporto. (fonte Carta dei diritti del passeggero Enac)

Se non vengono fornite risposte adeguate entro sei settimane, si può presentare reclamo:

  • alle sedi Enac dell’aeroporto nazionale dove si è verificato l’evento, oppure dove il volo è atterrato per i disservizi avvenuti al di fuori dell’Unione europea, della Norvegia, dell’Islanda e della Svizzera
  • agli Organismi responsabili degli Stati dell’Unione europea, della Norvegia, dell’Islanda e della Svizzera per i voli in partenza e arrivo in quegli Stati.

A chi chiedere supporto per il rimborso del biglietto aereo?

In Europa ci sono specifici organismi di riferimento da contattare in  caso di negato imbarco, cancellazione e ritardo prolungato del volo. Riferimenti su sito enac.

Un altro modo per ottenere assistenza è quello di rivolgersi al servizio di AirHelp, che ti avvisa dell’ammontare del tuo risarcimento che può arrivare fino a 600 euro!

È sufficiente inoltrare la pratica di rimborso ed AirHelp si prenderà cura di tutte le necessità per farti ottenere il risarcimento di cui hai diritto. Per conoscere la procedura di rimborso, clicca qui!

https://www.travelforbusiness.it/come-ottenere-il-rimborso-del-volo-aereo/

 

Bleisure2

Modulo per richiedere il rimborso per il biglietto aereo presso gli Organismi europei di riferimento

Scarica il modulo europeo per richiedere il rimborso direttamente agli organismi europei di riferimento.

 

Sei stato soddisfatto di questo articolo? Hai altro da aggiungere in base alle tue esperienze di viaggiatore? Scrivici i tuoi commenti!


Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>