Share This Post

Business destinations

Oman, business e suggerimenti per un viaggio indimenticabile

Fino ad una quindicina di anni or sono l’Oman, nazione grande poco meno dell’Italia  situata nell’estremo sud-est della penisola arabica tra Yemen, Arabia Saudita ed Emirati Arabi, era del tutto sconosciuto;  soltanto allora un nuovo sultano illuminista ha aperto le frontiere dopo quasi mezzo secolo di rigida chiusura e di inimmaginabile oscurantismo medievale, uno dei pochi luoghi dove si può ancora percorre in tranquillità un deserto.

E’ bene precisare subito che si tratta di una meta di indubbio interesse da molteplici punti di vista, destinata fin dagli inizi ad un notevole incremento anche grazie alle sue ottime strutture ricettive, con una notevole varietà ambientale dove si susseguono una fascia costiera affacciata sull’oceano Indiano con spiagge infinite, golfi, penisole, baie e isolette e con un mare ricco di pesci tropicali, delfini, tartarughe, balene e barriere coralline.

Retrocosta con montagne piuttosto brulle ma anche molto fertili grazie ad una rete di canali artificiali di irrigazione alte fino a 3.000 metri, e nell’interno l’enorme deserto arabico abitato da beduini nomadi con le loro mandrie, un’insolita vegetazione e una fauna selvatica autoctona, e con le dune che scendono fino all’oceano.

I deserti del sud, al confine con lo Yemen, sono l’unico luogo di produzione di due prodotti un tempo preziosi quanto l’oro, l’incenso e la mirra (questa triade vi ricorda qualcosa ?) che due millenni or sono ne fecero una delle terre più ricche del mondo e il punto di partenza della famosa Via dell’Incenso.

Un paese benestante, pulito, ordinato, efficiente e sicuro, fidato alleato dell’Occidente e finora lontano dai conflitti religiosi ed etnici all’interno dell’Islam, capace di amministrare con oculatezza le non illimitate risorse petrolifere e dosare le tradizioni di un glorioso passato, quando per tre secoli dal 1650 è stato l’epicentro di un florido impero marittimo e commerciale che si estendeva da Zanzibar e dalle coste africane fino all’India, con la tecnologia più avanzata protesa al futuro.Esempio PDF destinazione

Nulla quindi a che spartire con l’ostentata opulenza dei vicini emirati arabi.  Tutto merito di un sultano illuminato, unico detentore di tutti i poteri, che non fa certo rimpiangere le nostre litigiose democrazie.

Fare business in Oman

Business etiquetteIl Paese vanta grandi motivi per cui si dovrebbe realizzare business in Oman. Innanzitutto l’economia del mercato è aperta ed è basata sulla libera concorrenza.

La normativa fiscale, oltre ad essere flessibile e trasparente, è vantaggiosa ed è possibile costituire società a capitale misto con una quota minima omanita del 30%. Per chi è interessato alle importazioni, queste sono particolarmente vantaggiose poiché i diritti doganali sono molto bassi e non raggiungono il 5% del valore della merce.

Nel Paese sono presenti quattro diverse Free Zone, che offrono agevolazioni alle imprese interessate ad investire in Oman:

  • Duqm a cui sono destinati 9 miliardi di investimenti per 32 progetti, tra cui alcuni manifatturieri, ittici e di acquacultura
  • Salalah con il suo hub logistico e investimenti per oltre 130 milioni di dollari
  • Sohar con l’area portuale e con imprese di produzione plastica, di ceramiche, semi lavorati e alluminio.
  • Al Mazyouna

Inoltre sono spesso disponibili programmi di incentivazione per le aziende estere che desiderano effettuare investimenti nel paese con nuove tecnologie e infrastrutture. Fata Finmeccanica e Italferr sono le aziende che hanno già da tempo messo le basi in Oman, ma l’ambasciata italiana fornisce informazioni e assistenza alle tante potenziali imprese interessante, segnalando i principali bandi di gara e le opportunità che si aprono.

L’Italia, già nel 2013 aveva esportato in Oman prodotti per un valore complessivo di oltre 435 milioni di euro e oggi il 25% dell’export è rappresentato da macchinari specializzati, in particolare nella lavorazione del marmo, mezzi di trasporto, metalli e apparecchi elettrici.

Una particolare attenzione del Paese è rivolta alle fonti di energia rinnovabili. Il Paese punta a produrre il 25% del fabbisogno con sistemi environmentally friendly. Sono già avviati piani per 600 milioni di euro circa nel solare fotovoltaico ed eolico a Harweel, sulla costa orientale, Ibri, a Nord nell’entroterra a Ovest della capitale, e nella regione meridionale di Al Wusta. (fonte Diplomazia Economica Italiana).

Cultura ed etichette di business in Oman

L’Oman vanta una popolazione giovane e in crescita. Il governo punta molto sull’istruzione e sulla formazione professionale, favorendo l’occupazione nazionale attraverso la cosiddetta ‘omanizzazione’.

In Oman, la lingua inglese è di solito parlata in ambienti economici, ma conoscere alcune parole o frasi in arabo sarà utile per meglio realizzare relazioni commerciali.

Gli appuntamenti sono essenziali ed essere puntuali sta diventando sempre più importante nel mondo degli affari. Ma non pianificate riunioni di lavoro durante i periodi di preghiera o nelle principali festività islamiche. Si tratta di periodi estremamente importanti per la maggior parte degli omaniti musulmani.

business etiquettte 2Gli incontri di business sono solitamente formali, con abbigliamento rigorosamente business e la cravatta è d’obbligo. Cercate di non dimostrare di aver fretta durante un incontro di lavoro. Le relazioni commerciali richiedono tempo, pazienza e molta flessibilità: la ricetta per avere successo in Oman.

I biglietti da visita sono molto utilizzati e se potete traducete il retro in lingua araba. Sarà molto apprezzato.

E ricordate che mostrare la suola di una scarpa ad un’altra persona è considerato estremamente offensivo. Evitate anche di accavallare le gambe, mettendo la caviglia sul ginocchio poichè non è mai apprezzato in un incontro di business con partner commerciali arabi.

Come scoprire l’Oman

oman08m Nizwa forteUn itinerario che consente di accostarsi a tutti i diversi ambienti (costa, montagne e deserti) presenti sia a nord che a sud richiede almeno una decina di giorni e non può che partire da Muscat, l’elegante capitale addossata all’antico porto dove meritano una visita la Grande Moschea, tra le maggiori al mondo e meraviglioso capolavoro dell’arte islamica contemporanea, l’elegante reggia del sultano, i forti portoghesi, la lunga corniche, il lungomare di Muscat dove si trova il souq di Muttrah, il più fornito del paese, nonché il museo etnografico.

Puntando a nord lungo la costa si raggiunge Barka, importante mercato del pesce, quindi ci si inoltra tra le brulle montagne dell’Hajjar, alte fino a 3.000 m, toccando oasi lussureggianti di palme e antichi villaggi con le case di fango. Fino a raggiungere un impressionante canyon profondo oltre mille metri.

Si arriva così alla graziosa cittadina montana di Nizwa, antica capitale religiosa assai prospera tra XVII e XVIII sec., dove meritano una visita l’imponente forte cittadino appena restaurato,  il suq dove acquistare gli onnipresenti khanjar (i pugnali ricurvi esibiti da ogni uomo) e ceramiche, e il mercato degli animali.
Dopo Jabreen, famosa per il suo seicentesco castello espressione dell’arte omanita dell’epoca, con i fuoristrada ci si addentra nelle Wahiba Sands, il grande deserto abitato da una delle tribù più tradizionaliste di pastori nomadi beduini che vivono allevando dromedari e capre, le cui donne portano sul volto una caratteristica maschera nera, cosa che non impedisce loro di soffermarsi a conversare anche con uomini estranei.

Lo spettacolo delle dune bianco candido, gialle e rosse che si smorzano nell’oceano riescono ad affascinare anche i sahariani più smaliziati.  Attraverso il wadi Bani Khalid, una suggestiva valle tempestata di alberi da frutta, piccoli laghi e cascate che paiono un miraggio, mentre in realtà rappresentano la dimostrazione tangibile dell’estrema varietà del deserto, si raggiunge la costa atlantica, costellata di insediamenti di pescatori, che si risale verso nord per centinaia di chilometri lungo un’ininterrotta e selvaggia spiaggia tra milioni di uccelli, pesci e tartarughe piaggiati, rocce e lagune, fino a raggiungere Rass Al Jinz, estrema punta di sud-est della penisola arabica e riserva naturale dove convergono per edificare decine di migliaia di tartarughe marine; si tratta di uno dei più importanti luoghi al mondo per la riproduzione delle tartarughe verdi, facilmente avvistabili sia nella fase di deposizione delle uova, che in quella di schiusa e di nascita dei piccoli.  Entrambi uno spettacolo di estrema suggestione.oman12 Sur

Lungo la scenografica costa settentrionale meritano una sosta l’elegante Sur, paese in puro stile arabo entro un golfo protetto, nei cui cantieri si costruiscono ancora senza l’impiego di chiodi i dhow, le caratteristiche imbarcazioni omanite che da millenni solcano i mari arabici e l’oceano Indiano, e i resti di Qalhat, l’antica capitale con le case di corallo visitata anche da Marco Polo.  Rientrati a Muscat si raggiunge in aereo Salalah, la capitale della regione meridionale del Dhofar.

Questa  regione meridionale ai confini con lo Yemen, territorio di produzione dell’incenso,  per uno strano gioco dei monsoni è una terra verde e fertile ricca di frutta tropicale, dove i cammelli pascolano accanto alle mucche.

In lontana epoca storica ai suoi porti attraccavano i navigli carichi di spezie e di merci esotiche provenienti da Africa e Oriente, per essere poi istradate lungo la via dell’incenso per 2.000 km tra deserti e montagne fino ai porti del Mediterraneo. Salahah, capoluogo del sud, si presenta come un’elegante città subtropicale con ampi viali alberati e animati souk traboccanti di colorata frutta esotica.
Nella vicina incantevole insenatura di Khor Rori, punteggiata di aironi e fenicotteri, rimangono le rovine di Sumhurum, l’antica Abyssopolis romana, importante porto sull’oceano Indiano e uno dei maggiori terminali della Via dell’Incenso, protetta dall’Unesco come patrimonio dell’umanità. Oltre che dell’incenso, essa è anche la terra di Simbad il marinaio e dei racconti de Le Mille e una Notte.  E leggende e letteratura non nascono mai per caso.

L’operatore urbinate “Apatam Viaggi” (tel. 0722 32 94 88, www.apatam.it), dal 1980 specializzato in percorsi culturali di scoperta con accompagnamento qualificato, propone in Oman un tour di 10 giorni che segue l’itinerario di cui sopra.  Uniche partenze di gruppo con voli di linea Qatar Airways da Roma e Milano via Doha il 28 ottobre 2016 e 17 febbraio 2017, pernottamenti in hotel a 3 e 4 stelle (una notte in campo tendato fisso) con pensione completa, accompagnatore dall’Italia, quote da 2.950 euro in doppia, tutto compreso.

 

 


Share This Post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>